WP_Post Object ( [ID] => 201102 [post_author] => 8 [post_date] => 2015-11-11 20:11:47 [post_date_gmt] => 2015-11-11 19:11:47 [post_content] => Nei nostri articoli parliamo molto spesso di emozioni. Perché l’auto è anche questo, non solo un costoso elettrodomestico per andare da un punto “A” ad un punto “B”. La pista è il luogo ideale dove vivere questo genere di emozioni, soprattutto se si ha un’auto all’altezza della situazione. Questa volta, però, non ci siamo messi al volante, ma abbiamo fatto qualcosa di altrettanto emozionante. Siamo saliti a bordo della Peugeot 208 T16, prendendo per pochissimi minuti il posto della bravissima Anna Andreussi al fianco di Paolo Andreucci. Insomma, per qualche curva abbiamo provato l’emozione di essere quasi come un nove volte Campione d’Italia di rally. Il palcoscenico è stata la speciale celebrazione del PSA & Friends, di cui vi abbiamo parlato qualche giorno fa, e il luogo è il Misano World Circuit intitolato all’indimenticabile Marco Simoncelli. Un luogo dove l’aria stessa profuma di motorsport e dove è stata allestita una piccola pista sterrata dove poter fare un po’ di drift e scatenarsi. Chi vi scrive l’aveva già timidamente affrontata a bordo di una C4 Cactus solamente pochi minuti prima, ma già era immaginabile che percorrerla insieme ad Andreucci sarebbe stato qualcosa di completamente diverso. Non solo per la velocità e la precisione, ma anche per la naturalezza con cui affrontava ogni singola curva. Del resto un percorso simile è probabilmente quello che Paolo percorre quando si accorge di aver finito il latte per la colazione. Ordinaria amministrazione. Riflessi scattanti e precisione millimetrica. Un’esperienza che vi invitiamo a rivivere nel nostro speciale video, dove speriamo di poter riuscire a comunicarvi l’emozione e la velocità con cui Andreucci ha affrontato il percorso. Vogliamo però concludere esaltando anche il lavoro di Anna: fare il navigatore non è un lavoro semplice. Occorre essere sempre concentrati, precisi e veloci di occhi e di testa. Il pilota si affida completamente alle vostre indicazioni e voi non potete sbagliare nulla. Il tutto a bordo di un’auto che sfreccia con naturalezza su strade strettissime, muri, alberi, sterrati, neve e molto altro ancora. Anna Andreussi lo fa ormai da anni insieme a Paolo e la coppia Ucci-Ussi è senza alcun dubbio una delle più vincenti dell’intero panorama italiano. [post_title] => Misano World Circuit: off-road con Paolo Andreucci e la Peugeot 208 T16 [SPECIALE VIDEO] [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => closed [post_password] => [post_name] => misano-world-circuit-off-road-con-paolo-andreucci-e-la-peugeot-208-t16-speciale-video [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2015-11-11 20:13:24 [post_modified_gmt] => 2015-11-11 19:13:24 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => http://www.motorionline.com/?p=201102 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw [post_category] => 0 )

Misano World Circuit: off-road con Paolo Andreucci e la Peugeot 208 T16 [SPECIALE VIDEO]

Avete mai driftato con un nove volte Campione d'Italia?

Occasioni che capitano di rado. Salire a bordo della Peugeot 208 T16 insieme a Paolo Andreucci, nove volte Campione d'Italia rally insieme ad Anna Andreussi. Sfidando con lui le curve della pista sterrata del Misano World Circuit. Un video imperdibile per rivivere l'emozione

Nei nostri articoli parliamo molto spesso di emozioni. Perché l’auto è anche questo, non solo un costoso elettrodomestico per andare da un punto “A” ad un punto “B”. La pista è il luogo ideale dove vivere questo genere di emozioni, soprattutto se si ha un’auto all’altezza della situazione. Questa volta, però, non ci siamo messi al volante, ma abbiamo fatto qualcosa di altrettanto emozionante. Siamo saliti a bordo della Peugeot 208 T16, prendendo per pochissimi minuti il posto della bravissima Anna Andreussi al fianco di Paolo Andreucci. Insomma, per qualche curva abbiamo provato l’emozione di essere quasi come un nove volte Campione d’Italia di rally.

Il palcoscenico è stata la speciale celebrazione del PSA & Friends, di cui vi abbiamo parlato qualche giorno fa, e il luogo è il Misano World Circuit intitolato all’indimenticabile Marco Simoncelli. Un luogo dove l’aria stessa profuma di motorsport e dove è stata allestita una piccola pista sterrata dove poter fare un po’ di drift e scatenarsi. Chi vi scrive l’aveva già timidamente affrontata a bordo di una C4 Cactus solamente pochi minuti prima, ma già era immaginabile che percorrerla insieme ad Andreucci sarebbe stato qualcosa di completamente diverso. Non solo per la velocità e la precisione, ma anche per la naturalezza con cui affrontava ogni singola curva. Del resto un percorso simile è probabilmente quello che Paolo percorre quando si accorge di aver finito il latte per la colazione. Ordinaria amministrazione.

Riflessi scattanti e precisione millimetrica. Un’esperienza che vi invitiamo a rivivere nel nostro speciale video, dove speriamo di poter riuscire a comunicarvi l’emozione e la velocità con cui Andreucci ha affrontato il percorso. Vogliamo però concludere esaltando anche il lavoro di Anna: fare il navigatore non è un lavoro semplice. Occorre essere sempre concentrati, precisi e veloci di occhi e di testa. Il pilota si affida completamente alle vostre indicazioni e voi non potete sbagliare nulla. Il tutto a bordo di un’auto che sfreccia con naturalezza su strade strettissime, muri, alberi, sterrati, neve e molto altro ancora. Anna Andreussi lo fa ormai da anni insieme a Paolo e la coppia Ucci-Ussi è senza alcun dubbio una delle più vincenti dell’intero panorama italiano.

Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Motorsport

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati