WP_Post Object ( [ID] => 210550 [post_author] => 40 [post_date] => 2015-12-06 21:08:01 [post_date_gmt] => 2015-12-06 20:08:01 [post_content] => Il blu intenso della carrozzeria sembra fondersi con quello dell'oceano poco distante. L'immensa distesa d'acqua alle spalle suggerisce sensazioni di avventura ed esplorazione, così come il vicino porticciolo, i panorami estivi in questo scorcio d'autunno tendente all'inverno e il cielo assolato della terra lusitana non smettono di invitare la mente ad andare, accarezzando le strade con le gomme di questa spumeggiante Renault Mégane GT e capire, dopo ogni curva e rettilineo, quanto possa essere pieno di sensazioni un viaggio. La nuova hatchback francese è cresciuta in dimensioni, non in altezza. Lunga 4.359 millimetri, cioè 64 in più rispetto alla precedente generazione, larga 1.814 mm (non calcolando gli specchietti) e alta 1.447 mm, 25 mm in meno del modello passato, ha anche un passo di 2.669 mm funzionale all'abitabilità, considerando i 179 mm a favore dei passeggeri seduti in seconda fila. Il design è composto da tratti scolpiti e peculiari. A rendere unico lo stile sono soprattutto i fari, caratterizzati da filamenti di luci LED che ricordano una C specchiata nella zona anteriore mentre nella parte posteriore si distendono in orizzontale formando un caratteristico motivo luminoso, esaltando il dinamismo delle linee dell'auto. Nel caso della berlina, l'idea di eleganza con accenni di sportività è sottolineata da altri particolari e finiture che rafforzano l'immagine complessiva, mentre nel caso della GT, componenti più sportive nella zona anteriore e posteriore come i dettagli specifici assieme ai cerchi in lega dal design ricercato fino a 18 pollici, esternano una visione più grintosa e roboante. Renault-Megane-MY-2016-primo-contatto_36_01 Sviluppata sulla stessa piattaforma CMF già usata per gli ultimi modelli di Espace e TALISMAN, gli interni, così come gli esterni, ripropongono questa dicotomia di personalità. Materiali morbidi al tatto si fondono con tratti definiti con arte e sedili che accolgono ergonomicamente. Rivestimenti altrettanto morbidi, come la pelle Nappa che ricopre il volante e consente una buona presa, e finiture curate di fino esaltano le qualità stilistiche della nuova Mégane, accentuate da un comfort acustico di buon livello. Mentre nel caso della spumeggiante GT, il volante dotato di leve al volante, i tratti luminosi dell'abitacolo (in cinque colorazioni come sulla berlina), i sedili e il quadro strumenti più sportivi, oltre a diversi altri particolari, suggeriscono costantemente che ci si trova all'interno di una vettura dalle caratteristiche più grintose. Ad arricchire l'abitacolo, nelle versioni più accessoriate, anche un head up display, un evoluto sistema infotainment R-LINK 2 con un ampio schermo capacitivo da 8,7 pollici collocato al centro della plancia, che non solo può fungere da radio, il cui suono diventa peculiare nella specifica versione Bose, navigatore o telefono ma è anche un punto di raccordo con i vari parametri di guida della tecnologia MULTI-SENSE (Neutral, Sport, Comfort, Perso ed Eco) e i dispostivi di sicurezza e assistenza ADAS come l'Adaptive Cruis Control, il Lane Departure Warning o i vari sensori e il visore posteriore dell'Easy Park Assist. Solo sulla GT, poi, è da evidenziare il raffinato sistema 4Control, sviluppato da Renault Sport, che agisce sulle ruote posteriori in base all'azione del guidatore sul volante in curva, alle velocità (più o meno a 60 km/h nelle altre modalità e più o meno a 80 km/h in modalità Sport), controsterzandole di pochi gradi o uno solo rispetto alla direzione di quelle anteriori, accentuando la stabilità della vettura. Fatto che abbiamo potuto apprezzare in particolare su alcuni tratti nei pressi di Cascais (Lisbona), ricchi di tornanti e curve di diverso raggio. Renault-Megane-MY-2016-primo-contatto_63_02 Il propulsore diesel ENERGY 1.6 dCi da 130 cavalli (96 kW) della berlina in prova, dispone di una generosa coppia da 320 Nm, e la spinta ne beneficia. Consistente e fluido anche il cambio manuale sei rapporti, che non risulta mai in affanno ed esterna robustezza. La casa dichiara una media di 4 litri per 100 km in merito ai consumi, ed emissioni di 103 g/km. A nostro avviso, comunque, un'alternativa altrettanto valida è rappresentata dal 1.5 dCi 110 cavalli, proposto sia con cambio manuale che con trasmissione doppia frizione EDC, caratterizzato da una buona coppia grazie a 260 Nm disponibili (250 Nm nel caso della variante EDC) e anche una marcata efficienza, dato che la casa segnala una media di consumi sul ciclo combinato di 3,3 litri per 100 Km/h (3,7 con EDC) ed emissioni di CO2 pari a 86 g/km (95 g/km con EDC). Il motore ENERGY TCe da 205 cavalli da 1.6 cc abbinato a un cambio doppia frizione della Mégane GT, in base alla mappatura esprime la propria forza in scioltezza, diventando energico e pimpante in modalità Sport che ravviva i giri del motore e lo rende altamente reattivo anche alle sollecitazioni del pedale. Il cambio EDC, invece, nonostante una scansione certosina dei rapporti, ci è apparso un po' lento negli innesti a differenza della rapidità mostrata dal sistema 4Control, già citato in precedenza. La base e le sospensioni, inoltre, dimostrano una spiccata attenzione per il comfort, nonostante l'impostazione Sport. Il costruttore, in questo caso, segnala una media di consumi sul ciclo combinato pari a 6 litri per 100 km e 134 g/km in merito alle emissioni di CO2. La gamma della nuova hatchback francese comprende sul versante benzina anche un ENERGY 1.2 TCe da 100 cavalli, associato a un cambio manale sei rapporti, un SCe da 115 cavalli abbinato a una trasmissione manuale 5 marce e un altro TCe da 130 cavalli disponibile sia con manuale sei velocità sia con EDC. La panoramica diesel, oltre ai già citati dCi da 110 e 130 cavalli, comprende poi una versione meno potente da 90 cavalli e, prossimamente sulla GT anche un dCi da 165 cavalli con cambio EDC. Renault-Megane-MY-2016-primo-contatto_55_03 Proposta in vari colori e nelle versioni LIFE, ZEN o nelle più ricche INTENS e BOSE, oltre alla GT troviamo la caratterizzazione sportiva GT-LINE, una sorta di ponte tra la berlina e la GT. Si parte da 18.650 Euro per la versione base LIFE con motore 1.2 Tce da 100 cavalli, nel caso della GT-LINE invece le cifre partono da 24.950 Euro e da 30.150 Euro per la GT. In sintesi: la nuova media due volumi della casa transalpina è un'auto concerta, caratterizzata da materiali di buona qualità e votati al comfort, ma che conserva una natura grintosa ed energica che trova la sua coinvolgente espressione nella Mégane GT. [post_title] => Renault Mégane MY 2016: dettagli di stile in veste dinamica [PRIMO CONTATTO] [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => closed [post_password] => [post_name] => renault-megane-my-2016-dettagli-di-stile-in-veste-dinamica-primo-contatto [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2015-12-06 21:15:02 [post_modified_gmt] => 2015-12-06 20:15:02 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => http://www.motorionline.com/?p=210550 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 1 [filter] => raw [post_category] => 0 )

Renault Mégane MY 2016: dettagli di stile in veste dinamica [PRIMO CONTATTO]

Design e carattere sulle strade vicine a Lisbona

Renault Mégane MY 2016 – Provate due varianti della nuova Renault Mégane. La vettura transalpina è stata rinnovata nell'aspetto, nei contenuti e include nella gamma una versione dal carattere performante

Il blu intenso della carrozzeria sembra fondersi con quello dell’oceano poco distante. L’immensa distesa d’acqua alle spalle suggerisce sensazioni di avventura ed esplorazione, così come il vicino porticciolo, i panorami estivi in questo scorcio d’autunno tendente all’inverno e il cielo assolato della terra lusitana non smettono di invitare la mente ad andare, accarezzando le strade con le gomme di questa spumeggiante Renault Mégane GT e capire, dopo ogni curva e rettilineo, quanto possa essere pieno di sensazioni un viaggio.

La nuova hatchback francese è cresciuta in dimensioni, non in altezza. Lunga 4.359 millimetri, cioè 64 in più rispetto alla precedente generazione, larga 1.814 mm (non calcolando gli specchietti) e alta 1.447 mm, 25 mm in meno del modello passato, ha anche un passo di 2.669 mm funzionale all’abitabilità, considerando i 179 mm a favore dei passeggeri seduti in seconda fila.
Il design è composto da tratti scolpiti e peculiari. A rendere unico lo stile sono soprattutto i fari, caratterizzati da filamenti di luci LED che ricordano una C specchiata nella zona anteriore mentre nella parte posteriore si distendono in orizzontale formando un caratteristico motivo luminoso, esaltando il dinamismo delle linee dell’auto. Nel caso della berlina, l’idea di eleganza con accenni di sportività è sottolineata da altri particolari e finiture che rafforzano l’immagine complessiva, mentre nel caso della GT, componenti più sportive nella zona anteriore e posteriore come i dettagli specifici assieme ai cerchi in lega dal design ricercato fino a 18 pollici, esternano una visione più grintosa e roboante.

Renault-Megane-MY-2016-primo-contatto_36_01

Sviluppata sulla stessa piattaforma CMF già usata per gli ultimi modelli di Espace e TALISMAN, gli interni, così come gli esterni, ripropongono questa dicotomia di personalità. Materiali morbidi al tatto si fondono con tratti definiti con arte e sedili che accolgono ergonomicamente. Rivestimenti altrettanto morbidi, come la pelle Nappa che ricopre il volante e consente una buona presa, e finiture curate di fino esaltano le qualità stilistiche della nuova Mégane, accentuate da un comfort acustico di buon livello. Mentre nel caso della spumeggiante GT, il volante dotato di leve al volante, i tratti luminosi dell’abitacolo (in cinque colorazioni come sulla berlina), i sedili e il quadro strumenti più sportivi, oltre a diversi altri particolari, suggeriscono costantemente che ci si trova all’interno di una vettura dalle caratteristiche più grintose. Ad arricchire l’abitacolo, nelle versioni più accessoriate, anche un head up display, un evoluto sistema infotainment R-LINK 2 con un ampio schermo capacitivo da 8,7 pollici collocato al centro della plancia, che non solo può fungere da radio, il cui suono diventa peculiare nella specifica versione Bose, navigatore o telefono ma è anche un punto di raccordo con i vari parametri di guida della tecnologia MULTI-SENSE (Neutral, Sport, Comfort, Perso ed Eco) e i dispostivi di sicurezza e assistenza ADAS come l’Adaptive Cruis Control, il Lane Departure Warning o i vari sensori e il visore posteriore dell’Easy Park Assist. Solo sulla GT, poi, è da evidenziare il raffinato sistema 4Control, sviluppato da Renault Sport, che agisce sulle ruote posteriori in base all’azione del guidatore sul volante in curva, alle velocità (più o meno a 60 km/h nelle altre modalità e più o meno a 80 km/h in modalità Sport), controsterzandole di pochi gradi o uno solo rispetto alla direzione di quelle anteriori, accentuando la stabilità della vettura. Fatto che abbiamo potuto apprezzare in particolare su alcuni tratti nei pressi di Cascais (Lisbona), ricchi di tornanti e curve di diverso raggio.

Renault-Megane-MY-2016-primo-contatto_63_02

Il propulsore diesel ENERGY 1.6 dCi da 130 cavalli (96 kW) della berlina in prova, dispone di una generosa coppia da 320 Nm, e la spinta ne beneficia. Consistente e fluido anche il cambio manuale sei rapporti, che non risulta mai in affanno ed esterna robustezza. La casa dichiara una media di 4 litri per 100 km in merito ai consumi, ed emissioni di 103 g/km. A nostro avviso, comunque, un’alternativa altrettanto valida è rappresentata dal 1.5 dCi 110 cavalli, proposto sia con cambio manuale che con trasmissione doppia frizione EDC, caratterizzato da una buona coppia grazie a 260 Nm disponibili (250 Nm nel caso della variante EDC) e anche una marcata efficienza, dato che la casa segnala una media di consumi sul ciclo combinato di 3,3 litri per 100 Km/h (3,7 con EDC) ed emissioni di CO2 pari a 86 g/km (95 g/km con EDC).
Il motore ENERGY TCe da 205 cavalli da 1.6 cc abbinato a un cambio doppia frizione della Mégane GT, in base alla mappatura esprime la propria forza in scioltezza, diventando energico e pimpante in modalità Sport che ravviva i giri del motore e lo rende altamente reattivo anche alle sollecitazioni del pedale. Il cambio EDC, invece, nonostante una scansione certosina dei rapporti, ci è apparso un po’ lento negli innesti a differenza della rapidità mostrata dal sistema 4Control, già citato in precedenza. La base e le sospensioni, inoltre, dimostrano una spiccata attenzione per il comfort, nonostante l’impostazione Sport. Il costruttore, in questo caso, segnala una media di consumi sul ciclo combinato pari a 6 litri per 100 km e 134 g/km in merito alle emissioni di CO2.
La gamma della nuova hatchback francese comprende sul versante benzina anche un ENERGY 1.2 TCe da 100 cavalli, associato a un cambio manale sei rapporti, un SCe da 115 cavalli abbinato a una trasmissione manuale 5 marce e un altro TCe da 130 cavalli disponibile sia con manuale sei velocità sia con EDC. La panoramica diesel, oltre ai già citati dCi da 110 e 130 cavalli, comprende poi una versione meno potente da 90 cavalli e, prossimamente sulla GT anche un dCi da 165 cavalli con cambio EDC.

Renault-Megane-MY-2016-primo-contatto_55_03

Proposta in vari colori e nelle versioni LIFE, ZEN o nelle più ricche INTENS e BOSE, oltre alla GT troviamo la caratterizzazione sportiva GT-LINE, una sorta di ponte tra la berlina e la GT. Si parte da 18.650 Euro per la versione base LIFE con motore 1.2 Tce da 100 cavalli, nel caso della GT-LINE invece le cifre partono da 24.950 Euro e da 30.150 Euro per la GT.
In sintesi: la nuova media due volumi della casa transalpina è un’auto concerta, caratterizzata da materiali di buona qualità e votati al comfort, ma che conserva una natura grintosa ed energica che trova la sua coinvolgente espressione nella Mégane GT.

Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

1 commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  1. kato

    9 Dicembre 2015 at 00:44

    Ma chi ha scattato queste foto orribili e fuori fuoco?

Articoli correlati