La nuova Porsche 911 sfida la vecchia nell’ultimo spot

Un estremo faccia a faccia

Il nuovo spot della Porsche vuole spingere oltre il limite del possibile
La nuova Porsche 911 sfida la vecchia nell’ultimo spot

“La grandezza viene da dentro. Contrapponendo voi a voi stessi. Anzi, con la migliore versione di voi”.

Il nuovo spot della Porsche è a dir poco epico: attraverso la magia del cinema, si arriva a vedere cosa sarebbe successo se il grande e pluripremiato campione di boxe Muhammad Ali (anche noto come Cassius Clay) avesse combattuto su di un ring contro sé stesso. Se la tennista russa di fama mondiale, Maria Sharapova, fronteggiasse sé stessa in un match all’ultimo fiato. E se Magnus Carlsen (per chi non lo conoscesse è l’attuale campione del mondo di scacchi, soprannominato appunto “il Mozart degli scacchi”) si sedesse di fronte ad una riproduzione di sé stesso. Tutto per raccontare la storia di una nuova 911 pronta ad affermarsi nel mercato e nella storia.
L’unica auto in grado di battere la vecchia 911 (almeno secondo lo spot).

L’ultimo modello della sportiva di Zuffenhausen ha introdotto nuovi aggiornamenti per quel che riguarda il ventaglio delle motorizzazioni disponibili. Il flat six 3.8 litri sovralimentato adesso dimostra ben 540 CV (20 in più rispetto al vecchio modello) sulla Porsche 911 Turbo, che adesso è in grado di completare uno 0-100 chilometri orari in tre secondi netti, con una velocità di punta di 320 chilometri orari. La Porsche 911 Turbo S, invece, va a dotarsi di ben 580 CV, potenza che la rende capace di scattare da 0 a 100 in in 2.9 secondi e di arrivare a toccare i 330 chilometri orari. Per le versioni più “umane”, Porsche fa scendere in campo una 911 Carrera da 370 CV e 450 Nm ed una 911 Carrera S da 420 CV e 500 Nm

 

Scopri le Offerte


    Trova l'auto giusta per te
    Compilando il presente form acconsento a ricevere le informazioni relative ai servizi che mi interessano ai sensi dell’Informativa Privacy
    Leggi altri articoli in Notizie

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Articoli correlati