WP_Post Object ( [ID] => 212735 [post_author] => 40 [post_date] => 2015-12-13 16:29:18 [post_date_gmt] => 2015-12-13 15:29:18 [post_content] => Al prossimo Salone di Ginevra si dovrebbe capire qualcosa di più sul SUV di Alfa Romeo, secondo recenti rumors. Potrebbe debuttare una show car che fornirebbe un'idea complessiva del nuovo modello del Biscione, presente tra gli otto che comporrebbero il futuro listino della casa di Arese. L'ipotesi di stile firmata da LP Design chiamata “Matta”, riprende il nome del fuoristrada realizzato dalla casa lombarda nell'arco della prima metà degli Anni Cinquanta, ricordato in particolare per le prove dimostrative sul Monte Stella a Milano, altrettanto nota come la Montagnetta di San Siro e sulla scalinata che conduce alla Basilica di Assisi. Il nome usato in questa occasione appare più un omaggio storico che un suggerimento frutto di indiscrezioni, dato che il progetto continua ad essere noto per ora con il numero in codice “949”. Senza dimenticare il nome Kamal, già usato nel 2003 su un concept mostrato al Salone di Ginevra. Solo una prospettiva su quello che diversi anni più tardi si sta per concretizzare. L'immagine diffusa tramite la pagina Facebook di LP Design, mostra un SUV dalle linee grintose e muscolose, che recuperano alcuni tratti della già nota Giulia Quadrifoglio. Come questa, anche il mezzo veste il simbolo della sportività di Alfa in prossimità dei passaruota anteriori, dove si nota anche uno degli sfoghi dislocati sulle fiancate. I gruppi ottici anteriori sembrano rimandare solo in parte a quelli della nuova berlina di Arese, caratterizzati da un taglio più netto e uno sviluppo ancora più acuminato. Il frontale appare possente, arricchito da un elemento paracolpi alla base, così come si notano protezioni ai lati e probabilmente anche nella zona posteriore, seppure non visibile, mentre i passaruota rispetto ad un'altra ipotesi riportata sulle nostre pagine, sono privi di coperture, non rimarcando troppo il concetto di crossover ma preservando quella sportività esaltata anche dall'andamento del tetto che ricorda quello di una coupé. Forse una scelta pensata anche in base alla natura più prestazionale di questa versione, considerando che il Quadrifoglio sulla carrozzeria segnala la presenza sotto il cofano del potente 2.9 litri V6 bi-turbo capace di elevate prestazioni. Ma restiamo sempre nel campo delle ipotesi, anche perché al momento non ci sono conferme né sull'aspetto né sulla gamma del nuovo progetto del Biscione. Secondo quanto riportato da Alfa Romeo Project 952 su Facebook, il SUV potrebbe essere mostrato nella sua veste definitiva alla fine del prossimo anno, e poi comparirebbe nei concessionari nel 2017. Sarebbe sviluppato sempre sul pianale Giorgio, realizzato per vetture a trazione posteriore o integrale, che dovrebbe ospitare unità simili a quelle previste per la gamma della Giulia. Si parla di un motore a benzina 2.0 litri GME (Global Medium Engine) T4, che sulla Giulia secondo le voci circolanti sarebbe proposto nelle versioni da 200 (147 kW), 250 (184 kW) e 280 cavalli (206 kW); un motore diesel 2.2 litri JTDM atteso sempre in tre livelli di potenza da 150 (110 kW), 180 (132 kW), forse la variante di partenza più adatta per un SUV assieme a quella da 210 cavalli (154 kW) e infine il già citato V6 bi-turbo da 2.9 litri della Giulia Quadrifoglio. Ma si parla anche di un 3.0 litri V6 firmato VM, in versioni mono e bi-turbo con potenza nell'arco di 250 e 340 cavalli. Di recente, poi, sono affiorati nuovi rumors che suggeriscono la possibile introduzione, tra i vari aspetti, di fari full-led. Una scelta che sarebbe “per espresso volere del brand”. L'uso del condizionale resta doveroso, aspettando nuove informazioni su questo modello. Immagine: LP Design [post_title] => Alfa Romeo SUV: una nuova ipotesi stilistica delle possibili forme [RENDERING] [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => closed [post_password] => [post_name] => alfa-romeo-suv-una-nuova-ipotesi-stilistica-delle-possibili-forme-rendering [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2015-12-13 16:29:18 [post_modified_gmt] => 2015-12-13 15:29:18 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => http://www.motorionline.com/?p=212735 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 3 [filter] => raw [post_category] => 0 )

Alfa Romeo SUV: una nuova ipotesi stilistica delle possibili forme [RENDERING]

Un'idea che recupera anche un nome storico

Alfa Romeo SUV – Nuove voci e un esercizio di stile provano a fornire un'altra prospettiva del futuro SUV di Alfa Romeo. Si parla di una probabile show car introdotta alla kermesse svizzera di marzo, mentre alla fine del prossimo anno potrebbe esserci la presentazione ufficiale
Alfa Romeo SUV: una nuova ipotesi stilistica delle possibili forme [RENDERING]

Al prossimo Salone di Ginevra si dovrebbe capire qualcosa di più sul SUV di Alfa Romeo, secondo recenti rumors. Potrebbe debuttare una show car che fornirebbe un’idea complessiva del nuovo modello del Biscione, presente tra gli otto che comporrebbero il futuro listino della casa di Arese.

L’ipotesi di stile firmata da LP Design chiamata “Matta”, riprende il nome del fuoristrada realizzato dalla casa lombarda nell’arco della prima metà degli Anni Cinquanta, ricordato in particolare per le prove dimostrative sul Monte Stella a Milano, altrettanto nota come la Montagnetta di San Siro e sulla scalinata che conduce alla Basilica di Assisi.
Il nome usato in questa occasione appare più un omaggio storico che un suggerimento frutto di indiscrezioni, dato che il progetto continua ad essere noto per ora con il numero in codice “949”. Senza dimenticare il nome Kamal, già usato nel 2003 su un concept mostrato al Salone di Ginevra. Solo una prospettiva su quello che diversi anni più tardi si sta per concretizzare.

L’immagine diffusa tramite la pagina Facebook di LP Design, mostra un SUV dalle linee grintose e muscolose, che recuperano alcuni tratti della già nota Giulia Quadrifoglio. Come questa, anche il mezzo veste il simbolo della sportività di Alfa in prossimità dei passaruota anteriori, dove si nota anche uno degli sfoghi dislocati sulle fiancate. I gruppi ottici anteriori sembrano rimandare solo in parte a quelli della nuova berlina di Arese, caratterizzati da un taglio più netto e uno sviluppo ancora più acuminato. Il frontale appare possente, arricchito da un elemento paracolpi alla base, così come si notano protezioni ai lati e probabilmente anche nella zona posteriore, seppure non visibile, mentre i passaruota rispetto ad un’altra ipotesi riportata sulle nostre pagine, sono privi di coperture, non rimarcando troppo il concetto di crossover ma preservando quella sportività esaltata anche dall’andamento del tetto che ricorda quello di una coupé. Forse una scelta pensata anche in base alla natura più prestazionale di questa versione, considerando che il Quadrifoglio sulla carrozzeria segnala la presenza sotto il cofano del potente 2.9 litri V6 bi-turbo capace di elevate prestazioni. Ma restiamo sempre nel campo delle ipotesi, anche perché al momento non ci sono conferme né sull’aspetto né sulla gamma del nuovo progetto del Biscione.

Secondo quanto riportato da Alfa Romeo Project 952 su Facebook, il SUV potrebbe essere mostrato nella sua veste definitiva alla fine del prossimo anno, e poi comparirebbe nei concessionari nel 2017. Sarebbe sviluppato sempre sul pianale Giorgio, realizzato per vetture a trazione posteriore o integrale, che dovrebbe ospitare unità simili a quelle previste per la gamma della Giulia. Si parla di un motore a benzina 2.0 litri GME (Global Medium Engine) T4, che sulla Giulia secondo le voci circolanti sarebbe proposto nelle versioni da 200 (147 kW), 250 (184 kW) e 280 cavalli (206 kW); un motore diesel 2.2 litri JTDM atteso sempre in tre livelli di potenza da 150 (110 kW), 180 (132 kW), forse la variante di partenza più adatta per un SUV assieme a quella da 210 cavalli (154 kW) e infine il già citato V6 bi-turbo da 2.9 litri della Giulia Quadrifoglio. Ma si parla anche di un 3.0 litri V6 firmato VM, in versioni mono e bi-turbo con potenza nell’arco di 250 e 340 cavalli.
Di recente, poi, sono affiorati nuovi rumors che suggeriscono la possibile introduzione, tra i vari aspetti, di fari full-led. Una scelta che sarebbe “per espresso volere del brand”. L’uso del condizionale resta doveroso, aspettando nuove informazioni su questo modello.

Immagine: LP Design

Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Anticipazioni

Lascia un commento

3 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  1. fabio

    13 Dicembre 2015 at 19:26

    Ma perché dovrebbero copiare le crucche e fare le macchine con gli stampi????

  2. leopasc

    14 Dicembre 2015 at 10:19

    Questo sì che è un render. Ne ho visti altri ma fino ad ora questo è il migliore. Bello! complimenti a chi lo ha realizzato e speriamo che quello che presenteranno gli somigli un po’.

  3. lucfont80

    14 Dicembre 2015 at 10:41

    Sempliciamente stupendo! Niente da fare con le tedesche, design 100% Italiano.

Articoli correlati