Porsche Sci Club, l’assenza di neve non ha rovinato una splendida apertura di stagione

A Sesto Pusteria la neve artificiale salva gare di sci e prova in auto

Il primo appuntamento della quattordicesima stagione sembrava a rischio ed ha fatto desistere alcuni dei membri del club dal partecipare al week end, ma grazie all’impegno dell’APT locale, chi c’era si è poturo godere splendide piste ed anche un campo di prova per le auto copiosamente innevato.

Porsche Sci Club prima tappa – Un inizio di stagione avaro di neve non ha impedito al folto gruppo di porschisti di godersi a pieno la prima delle 5 tappe previste, completando la competizione sugli sci ed anche la prova di abilità con le auto, sul fondo innevato in entrambi i casi grazie ai cannoni. L’Azienda di Promozione Turistica locale merita in fatti un plauso per lo sforzo profuso, con ben 3 impianti per la produzione della neve artificiale dedicati al “campo di gioco” per la prova in auto.

Noi siamo arrivati qualche ora prima per anticipare i circa 30 membri del club che hanno partecipato all’evento di apertura di stagione. Alcuni di loro avevano infatti organizzato il week end in modo diverso, nella convinzione che la totale assenza di neve avrebbe fatto annullare la prima tappa. In crescita il numero di iscrizione al PSC, che oramai è una tradizione irrinunciabile per chi diventa parte di una sorta di “grande famiglia” di appassionati, lo dimostra il fatto che alcuni partecipano dalla prima edizione, senza soluzione di continuità.

Porsche_sci_club_sesto_pusteria_viaggio

Alessio Sanavio è giunto nel pomeriggio di venerdì a Sesto Pusteria a bordo di una stupenda 911 Targa 4 GTS bianca, dopo un lungo viaggio, reso però piacevole da una compagna decisamente affascinante, oltre che comoda da guidare. In questo Porsche si conferma unica, perché è raro poter fare le stesse considerazioni parlando di una vettura nel suo allestimento più sportivo, il cui sei cilindri flat di 3.8 litri è capace di 430 cavalli, con un assetto ribassato di 10 mm, la carreggiata allargata di ben 44 per rendere i fianchi più sinuosi, ma soprattutto per farne una divoratrice di cordoli. Lei, a dispetto di tutto ciò, riesce ad essere anche una vettura turistica, con cui recarsi in montagna per un “tranquillo” week end sugli sci, senza imporre nessuna grossa rinuncia. Mentre nelle mani di un istruttore della Porsche Sport Driving School stupisce di nuovo, perché anche grazie alla trazione integrale ed alle Pirelli Sottozero, sulla pista innevata ha poi mostrato il suo carattere e la sua indole, tutt’altro che tranquilli.

Porsche_Sci_Club_1_tappa_2016_n17

Rimandando alla prova su strada (presto sulle pagine di Motorionline) per tutti i dettagli e per i nostri riscontri, torniamo al Porsche sci club . In Hotel, all’arrivo degli ospiti, una nuovissima 911 Carrera S Cabrio li ha accolti, tra la curiosità di tutti. Il nuovo modello rappresenta infatti una svolta epocale, con il passaggio alla sovralimentazione di tutti i propulsori. I membri del club si sono ritrovati per l’avvio della stagione sciistica, anche se in realtà molti di loro si sono incontrati anche negli scorsi mesi, con la scusa di raduni ed altre manifestazioni.

Porsche_Sci_Club_1_tappa_2016_n12

Come lo definisce il suo presidente, Claudio Berti, il club è infatti un mix ben calibrato di divertimento, agonismo, passione per le Porsche, enogastronomia e convivialità. La passione per le Porsche si concretizza non solo nel possederne almeno una (regola alla base del regolamento del PSC), ma anche con la voglia di condividere con orgoglio il senso di appartenenza ad un club di fatto, quello dei porschisti.

Porsche_Sci_Club_1_tappa_2016_n05

Per l’enogastronomia e la convivialità si inizia già con la cena, prima occasione per scambiare qualche parola e rispolverare gli aneddoti delle scorse stagioni, perché molti dei partecipanti lo sono da parecchio. Si è quindi creato uno “zoccolo duro” di persone che ogni anno si iscrivono, si ritrovano ed hanno creato un rapporto di amicizia tra di loro. Nuovi partecipanti sono sempre ben accetti e accolti con piacere. Dopo la cena la consegna di pettorali, skipass e del welcome kit conclude la serata con l’obiettivo di ritrovarsi di buon ora il giorno successivo, quello dedicato alle attività agonistiche.

Porsche_Sci_Club_1_tappa_2016_garasci

In molti temevano l’annullamento della prima tappa, vista la quasi totale assenza di neve, ma grazie alla neve artificiale la stagione sciistica sembra poter decollare anche sulle cime delle Dolomiti. L’unica conseguenza negativa di questa situazione è stata la necessità di modificare il piano iniziale, spostando la gara sciistica alla pista del Monte Elmo, purtroppo in un punto non raggiungibile se non con gli sci ai piedi, riducendo la platea di amici e famigliari “tifosi” dei partecipanti. Dopo aver pranzato in albergo il club si è poi dedicato alla prova con le auto, vera sorpresa dell’intero week end. Tutti si aspettavano infatti di disputarla su terra o su asfalto, ma l’APT ha accolto le richieste degli organizzatori, preparando un piazzale con fondo copiosamente innevato.

Porsche_Sci_Club_1_tappa_2016_n01

Tutti si sono impegnati ad imparare le tecniche di guida, sotto l’occhio esperto di Francesco Iorio, pilota della Porsche Sport Driving School. Anche se ormai dovremmo esserci abituati, stupisce ogni volta vedere che a cimentarsi nelle prove siano numerose vetture, di generi e caratteristiche profondamente diversi tra loro. Da una Boxster gialla di 12 anni fa ad una nuovissima GT3 bianca, come la neve che la circonda, che fa danzare il suo sinuoso lato B da una curva all’altra, rigorosamente di traverso, mostrando il generoso spoiler da ogni angolazione possibile. Non manca praticamente nessuno dei modelli attuali o recenti, eccezion fatta per la Panamera, che questa volta non è rappresentata nella prova di abilità. Merita una citazione particolare la Cayenne Transsyberia, una serie speciale nata per celebrare le 3 vittorie consecutive nella competizione che si corre tra Mosca e la capitale della Mongolia Ulan Bator e realizzata in tinte bicolori e con luci supplementari sul tetto, oltre che interni personalizzati ed altre piccole modifiche estetiche.

Porsche_Sci_Club_1_tappa_2016_n02

Il resto della giornata è poi stato dedicato al relax ed al divertimento, con la Spa interna all’Hotel a disposizione, la cena e, per i più scatenati, musica fino a notte fonda. La domenica è dedicata invece allo sci, questa volta senza competizione, alla scoperta delle piste insieme a Peter Runggaldier, direttore tecnico del club ed ex Azzurro. Chiude l’evento la premiazione dei vincitori nelle varie classifiche, con l’arrivederci alla seconda delle cinque tappe totali, prevista a Madonna di Campiglio dal 22 al 24 gennaio 2016, in concomitanza con la Winter Marathon.

Porsche_Sci_Club_1_tappa_2016_n10

Classifiche

Gara Sci Maschile:
1° Giulio Taucer
2° Giovanni Berti
3° Claudio Berti

Gara Sci Femminile:
1° Roberta Gamper
2° Luisa Bombieri
3° Loredana Rossetto

Gara sci Junior:
1° Alan Taucer
2° Alissia Conti
3° Christian Taucer

Prova Auto:
1° Carlo Aloisio
2° Renato Bicciato
3° Roberto Buonomo

Classifica Combinata:
1° Roberto Buonomo
2° Carlo Aloisio
3° Roberto Rettondini

Porsche_Sci_Club_1_tappa_2016_n13

Il calendario delle prossime tappe:

Madonna di Campiglio (TN), 22 – 24 gennaio 2016
La storia dello sci alpino

San Sicario (TO), 05 – 07 febbraio 2016
Un paradiso per lo sci

Ovindoli (AQ), 19 – 21 febbraio 2016
Sulle vette degli Appennini

Moena (TN), 11 – 13 marzo 2016
La magica conca delle Dolomiti

Evento extra:
03 aprile 2016
Horn Sudtirol – Downhill VIST Cup

Tutti i dettagli ed il regolamento sono disponibili al sito dedicato all’iniziativa mentre per partecipare alle prossime tappe è anche possibile chiamare lo 049 8292851 o il 349 3324165. È possibile anche inviare una mail a sciclub@porscheitalia.it

Foto by LINGEGNERE

Scopri le Offerte



    Compilando il presente form acconsento a ricevere le informazioni relative ai servizi che mi interessano ai sensi dell’Informativa Privacy
    Leggi altri articoli in Auto

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Articoli correlati