Arrinera Hussarya GT, feroce supercar polacca per la pista [FOTO]

Progettata per il campionato FIA GT4

Arrinera Hussarya GT - A Birmingham è andata in scena l'anteprima della Arrinera Hussarya GT, la supercar da corsa per il campionato GT4 realizzata dal costruttore polacco. Con un peso di 1.295 kg e l'alettone a dominare la coda, l'aggressiva vettura fa affidamento sul motore General Motors, un V8 6.2 litri da 430 CV.

Arrinera, produttore polacco di supercar, presenta la Hussarya GT, aggressiva vettura da corsa progettata per le competizioni in pista che ha fatto il suo debutto in pubblico qualche giorno fa nel Regno Unito, in occasione dell’Autosport International 2016 di Birmingham.

Nelle foto ufficiali rilasciate da Arrinera possiamo apprezzare le linee taglienti della Hussarya GT, sviluppata per affrontare il campionato FIA GT4, e dotata di un generoso alettone posteriore sulla coda. La supercar polacca pesa 1.249 chilogrammi e dispone di un motore, di derivazione General Motors, V8 da 6.2 litri da 430 CV, abbinato al cambio manuale a 6 rapporti e al sistema di trazione posteriore, che gli permette di toccare i 250 km/h.

La leggerezza della struttura della Hussarya GT si deve un’architettura tubolare avvolta dalla carrozzeria realizzata con un combinazione di alluminio, fibra di carbonio e kavlar. La supercar da corsa dispone di sospensioni sportive con ammortizzatori Öhlins e di freni Alcon con dischi da 380 mm con pinze a sei pistoncini.

L’abitacolo della supercar di Arrinera si caratterizza per il cockpit orientato al guidatore e il sedile sportivo avvolgente Corbeau. Chi si mette al volante della Hussarya GT è circondato da numerosi componenti in fibra di carbonio, con davanti a sé il Cosworth Intelligent Color Display sul quale vengono visualizzate tutte le informazioni di guida.

Le intenzioni dei vertici di Arrinera sono di riuscire a produrre due o tre Hussarya GT all’anno, proponendole ad un prezzo di partenza di circa 170.000 euro.

Leggi altri articoli in Anticipazioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati