Uomo ubriaco alla guida di una minicar travolge ed uccide mamma e figlia di 10 anni

Tragedia nella periferia di Arezzo, al volante un cittadino rumeno

Incidente minicar Arezzo - Una minicar guidata da un rumeno ubriaco ha falciato ed ucciso mamma e figlia sul marciapiede. Il tragico incidente è accaduto ieri sera a San Leo, vicino Arezzo. L'uomo, che ha rischiato di essere linciato, è risultato con valori alcolemici quattro volte superiori il limite ed è stato arrestato per omicidio colposo plurimo.
Uomo ubriaco alla guida di una minicar travolge ed uccide mamma e figlia di 10 anni

Tragedia della strada a San Leo, piccola frazione alla periferia di Arezzo, dove ieri sera una minicar ha travolto ed ucciso una donna e una bambina di 10 anni, madre e figlia, mentre si trovavano sul marciapiede. Al volante della piccola vettura che si guida senza patente c’era un cittadino rumeno ubriaco che è stato arrestato con l’accusa di omicidio colposo plurimo.

La vittime dell’ennesimo pirata della strada, Letizia Fiacchini, 10 anni, e la mamma Barbara di 50, polacca sposata con un italiano, non hanno avuto nemmeno il tempo di accorgersi di quella minicar che è sbucata all’improvviso dal buio e gli è piombata addosso, falciandole e facendole sbalzare a diversi metri di distanza. Per entrambe non c’è stato scampo: la bambina è morta sul colpo, la madre poco dopo sull’ambulanza durante i soccorsi.

Secondo le prime testimonianze, l’uomo alla guida della minicar ha sbandato più volte prima di finire la sua carambola travolgendo le vittime sul marciapiede. Solo l’intervento dei vigili del fuoco ha salvato dal linciaggio della gente presente l’uomo che era rimasto incastrato nella minicar. Subito sottoposto all’alcol test, il rumeno è risultato positivo con un tasso quattro volte superiore i valori consentiti dalla legge.

Scopri le Offerte


    Trova l'auto giusta per te
    Compilando il presente form acconsento a ricevere le informazioni relative ai servizi che mi interessano ai sensi dell’Informativa Privacy
    Leggi altri articoli in Notizie

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Articoli correlati