Volkswagen Budd-e, sarebbe confermata la produzione entro il 2020 [FOTO]

Dovrebbe essere sviluppato sulla nuova piattaforma MEB

Presentato al CES di las Vegas, il Volkswagen Bull-e elettrico dovrebbe arrivare davvero in produzione entro il 2020, almeno secondo gli ultimi rumor. Sarà basato sulla piattaforma MEB, una nuova architettura che sarà destinata a tutti i veicoli elettrici del colosso di Wolfsburg

Volkswagen, per motivi intuibili e comprensibili, sembra aver premuto decisamente l’acceleratore nei suoi progetti di mobilità sostenibile. Pare, infatti, che entro il 2020 dovrebbe arrivare sul mercato il Volkswagen Bull-e, versione moderna ed elettrica del mitico pulmino di Wolfsburg che abbiamo già avuto modo di vedere allo scorso CES di Las Vegas.

Si tratta per il momento solo di un rumor, ma che Volkswagen avesse progetti seri per il suo prototipo non era certo un mistero. Se tutto dovesse essere confermato, il Budd-e sarà costruito sulla base della piattaforma MEB, acronimo per Modular Electric Toolkit, riservata esclusivamente ai veicoli elettrici. Si tratta di una struttura specificatamente studiata per risolvere alcuni problemi tipici dei veicoli elettrici e, al tempo stesso, migliorare l’esperienza di guida e la comodità per i passeggeri. Naturalmente è ancora troppo presto per sapere di quale potenza potrà godere questo mezzo e meno che meno quale autonomia avrà. Naturalmente soprattutto quest’ultimo punto sarà di fondamentale importanza, in quanto la paura di rimanere “a secco” è uno dei principali motivi per cui il mondo automotive elettrico ancora stenta a decollare. Non è l’unico, ma è probabilmente uno dei più significativi.

Il nuovo Volkswagen Bull-e, come detto, dovrebbe arrivare entro il 2020 e dovrebbe far parte di una nuova flotta di ben 20 veicoli elettrici che la casa tedesca dovrebbe lanciare entro lo stesso anno. Occorreranno quattro anni di lavoro per questo mezzo, che però al di là di tutto potrà anche contare sul fascino del Bulli originale, per quanto le forma siano decisamente più moderne e rifinite.

Leggi altri articoli in Anticipazioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati