WP_Post Object ( [ID] => 235735 [post_author] => 40 [post_date] => 2016-02-28 14:13:33 [post_date_gmt] => 2016-02-28 13:13:33 [post_content] => “Urban Green Mobility” è la denominazione che Mitsubishi ha legato alle sue soluzioni votate all'ecosostenibilità. Propulsione elettrica, ibrida plug-in e maggior efficienza dei propulsori termici ClearTec costituiscono il fulcro della sua proposta, che dopo Miev annovera anche l'Outlander PHEV e l'aggiornata Space Star. Le nuove vetture a marchio Mitsubishi sono l'ultimo capitolo di una storia in costante evoluzione dal lontano 1966. Cinquanta anni di sviluppo in tecnologie sempre più efficienti e a basso impatto ambientale. Una strategia basata su tre aree di intervento: riduzione e razionalizzazione delle piattaforme, con investimenti sempre più mirati verso vetture di piccola e media taglia nei prossimi anni, amplificando l'efficienza dei motori termici e in particolare dei motori Mirec diesel e, come ultimo punto, puntando su motori ad energie alternative, in particolare elettrici o ibridi plug-in. I più recenti risultati di queste strategie sono proprio rappresentati da Miev, la vettura elettrica già nota, affiancata dalle nuove Space Star e Outlander PHEV. Mitsubishi-Space-Star-e-Outlander-PHEV-MY-2016-primo-contatto_01_01 Nel caso della compatta Space Star, lunga 3.795 mm, sono stati ripresi i concetti della precedente versione, migliorandone la qualità percepita e allo stesso tempo fornendone un tocco di sportività nelle versioni più accessoriate. Già dal cofano si ottiene una diversa percezione dell'auto. Il frontale presenta una calandra più affinata e inediti inserti cromati. Nuove anche la griglia, i fari arricchiti anche da LED in base alle versioni, così come è rivisto il paraurti, maniglie e specchi poi sono in tinta. Nuovi anche i cerchi in lega o in ferro, così come i gruppi ottici posteriori LED a forma di C e C rovesciata, che offrono un effetto allargato, assieme al paraurti posteriore dotato di una nuova nervatura. Passando all'interno è inedito anche volante e sono stati apportati dei miglioramenti sugli elementi della plancia. Gradevoli anche i tessuti soft touch tridimensionali a cui si aggiungono delle implementazioni funzionali come il digital audio. Mitsubishi-Space-Star-e-Outlander-PHEV-MY-2016-primo-contatto_16_02 Passando all'Outlander PHEV, a livello estetico si nota subito il frontale caratterizzato dal Dynamic Shield, riprendendo un concetto già adottato sul tradizionale Outlander. Nel caso del PHEV è stato leggermente rivisto. Sono visibili anche delle modifiche sui fianchi e sulla zona posteriore, e l'aspetto è esaltato anche dai ricercati cerchi in lega da 18 pollici. All'interno, gli specialisti sono intervenuti sul volante, rivisto nella forma e nei materiali per consentire una presa migliore. Diverso anche il tunnel centrale, impreziosito da affinamenti stilistici e associati ad esclusivi rivestimenti in tonalità tabacco. Mitsubishi-Space-Star-e-Outlander-PHEV-MY-2016-primo-contatto_11_03 Il modello Space Star 1.0 Invite testato, mostra un comportamento stradale da tipica vettura cittadina. Poco adatta a lunghi percorsi a nostro avviso, ma con dimensioni e un notevole raggio di sterzata che rende agevole l'utilizzo urbano. Il motore di 1.0 litro a benzina da 71 cavalli (52 kW) offre il giusto spunto iniziale, anche se in allungo non esterna un grande temperamento. La frizione, molto morbida anche per le caratteristiche della vettura, non risulta stressante per il costante impiego nelle manovre cittadine, ma allo stesso tempo trasmette strane sensazioni se si affrontano percorsi che richiedono velocità più elevate. Nel complesso l'abitacolo risulta ben insonorizzato e le sospensioni sostengono bene in caso di dossi o asperità dell'asfalto. Mitsubishi-Space-Star-e-Outlander-PHEV-MY-2016-primo-contatto_36_04 Tutt'altra visione nel caso dell'Outlander, che oltre a dimensioni più ampie (lungo 4.695 millimetri con passo di 2.670, larga 1.800 e alta 1.710) e contenuti realizzati seguendo una certa ricercatezza di stile, sfrutta la forza di due unità elettriche da 82 cavalli ciascuna, collegate a un propulsore termico DOHC MIVEC da 2.0 litri e 16 valvole, capace di fornire ulteriori 121 cavalli. Un sistema plug-in con tempi di ricarica del comparto batterie di 6 ore, nel caso si utilizzi un impianto standard, o 30 minuti in ricarica rapida; con garanzia di 8 anni o 160.000 km sulla batteria di trazione. In questo caso, la vettura consente di viaggiare in modalità totalmente elettrica per 50 km, cosa che abbiamo apprezzato durante il nostro percorso, e in tragitti più ampi con il supporto del motore endotermico la casa segnala comunque consumi di 1,8 litri per 100 Km ed emissioni molto contenute di CO2 sui 42 g/km di CO2. Quindi una soluzione che tra elettrico, ibrido seriale e impiego parallelo delle unità, in base a quanto indicato, offre una autonomia complessiva di 800 km. Anche nel caso dell'Outlander oltre a un abitacolo spazioso e un bagagliaio che di base può accogliere 486 litri di carico, fino a 1.625, insonorizzazione interna e base meccanica si sono dimostrate di buon livello. Mitsubishi-Space-Star-e-Outlander-PHEV-MY-2016-primo-contatto_52_05 La gamma Space Star, che comprende anche versione 1.0 Intense e 1.2 Intense e GPL, parte da 12.490,00 Euro. In fase promozionale di lancio, fino a giugno, la casa propone un prezzo d'accesso da 7.990,00 Euro “più oneri finanziari e anticipo zero”. L'Outlander PHEV, iniziando dalla versione Instyle, già abbastanza ricca, è acquistabile da 45,900,00 Euro. In sintesi, due soluzioni all'interno di una visione più eco-sostenibile del movimento quotidiano firmate da Mitsubishi. [post_title] => Mitsubishi Space Star e Outlander PHEV MY 2016: idee di movimento verde [PRIMO CONTATTO] [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => closed [post_password] => [post_name] => mitsubishi-space-star-e-outlander-phev-my-2016-idee-di-movimento-verde-primo-contatto [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2016-02-28 14:13:33 [post_modified_gmt] => 2016-02-28 13:13:33 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => http://www.motorionline.com/?p=235735 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw [post_category] => 0 )

Mitsubishi Space Star e Outlander PHEV MY 2016: idee di movimento verde [PRIMO CONTATTO]

Due nuove proposte per una mobilità più sostenibile

Mitsubishi Space Star e Outlander PHEV MY 2016 – Assieme all'elettrica Miev, la casa giapponese presenta una versione ibrida plug-in del noto crossover e il modello rinnovato della sua compatta

“Urban Green Mobility” è la denominazione che Mitsubishi ha legato alle sue soluzioni votate all’ecosostenibilità. Propulsione elettrica, ibrida plug-in e maggior efficienza dei propulsori termici ClearTec costituiscono il fulcro della sua proposta, che dopo Miev annovera anche l’Outlander PHEV e l’aggiornata Space Star.

Le nuove vetture a marchio Mitsubishi sono l’ultimo capitolo di una storia in costante evoluzione dal lontano 1966. Cinquanta anni di sviluppo in tecnologie sempre più efficienti e a basso impatto ambientale. Una strategia basata su tre aree di intervento: riduzione e razionalizzazione delle piattaforme, con investimenti sempre più mirati verso vetture di piccola e media taglia nei prossimi anni, amplificando l’efficienza dei motori termici e in particolare dei motori Mirec diesel e, come ultimo punto, puntando su motori ad energie alternative, in particolare elettrici o ibridi plug-in. I più recenti risultati di queste strategie sono proprio rappresentati da Miev, la vettura elettrica già nota, affiancata dalle nuove Space Star e Outlander PHEV.

Mitsubishi-Space-Star-e-Outlander-PHEV-MY-2016-primo-contatto_01_01

Nel caso della compatta Space Star, lunga 3.795 mm, sono stati ripresi i concetti della precedente versione, migliorandone la qualità percepita e allo stesso tempo fornendone un tocco di sportività nelle versioni più accessoriate. Già dal cofano si ottiene una diversa percezione dell’auto. Il frontale presenta una calandra più affinata e inediti inserti cromati. Nuove anche la griglia, i fari arricchiti anche da LED in base alle versioni, così come è rivisto il paraurti, maniglie e specchi poi sono in tinta. Nuovi anche i cerchi in lega o in ferro, così come i gruppi ottici posteriori LED a forma di C e C rovesciata, che offrono un effetto allargato, assieme al paraurti posteriore dotato di una nuova nervatura. Passando all’interno è inedito anche volante e sono stati apportati dei miglioramenti sugli elementi della plancia. Gradevoli anche i tessuti soft touch tridimensionali a cui si aggiungono delle implementazioni funzionali come il digital audio.

Mitsubishi-Space-Star-e-Outlander-PHEV-MY-2016-primo-contatto_16_02

Passando all’Outlander PHEV, a livello estetico si nota subito il frontale caratterizzato dal Dynamic Shield, riprendendo un concetto già adottato sul tradizionale Outlander. Nel caso del PHEV è stato leggermente rivisto. Sono visibili anche delle modifiche sui fianchi e sulla zona posteriore, e l’aspetto è esaltato anche dai ricercati cerchi in lega da 18 pollici.
All’interno, gli specialisti sono intervenuti sul volante, rivisto nella forma e nei materiali per consentire una presa migliore. Diverso anche il tunnel centrale, impreziosito da affinamenti stilistici e associati ad esclusivi rivestimenti in tonalità tabacco.

Mitsubishi-Space-Star-e-Outlander-PHEV-MY-2016-primo-contatto_11_03

Il modello Space Star 1.0 Invite testato, mostra un comportamento stradale da tipica vettura cittadina. Poco adatta a lunghi percorsi a nostro avviso, ma con dimensioni e un notevole raggio di sterzata che rende agevole l’utilizzo urbano. Il motore di 1.0 litro a benzina da 71 cavalli (52 kW) offre il giusto spunto iniziale, anche se in allungo non esterna un grande temperamento. La frizione, molto morbida anche per le caratteristiche della vettura, non risulta stressante per il costante impiego nelle manovre cittadine, ma allo stesso tempo trasmette strane sensazioni se si affrontano percorsi che richiedono velocità più elevate. Nel complesso l’abitacolo risulta ben insonorizzato e le sospensioni sostengono bene in caso di dossi o asperità dell’asfalto.

Mitsubishi-Space-Star-e-Outlander-PHEV-MY-2016-primo-contatto_36_04

Tutt’altra visione nel caso dell’Outlander, che oltre a dimensioni più ampie (lungo 4.695 millimetri con passo di 2.670, larga 1.800 e alta 1.710) e contenuti realizzati seguendo una certa ricercatezza di stile, sfrutta la forza di due unità elettriche da 82 cavalli ciascuna, collegate a un propulsore termico DOHC MIVEC da 2.0 litri e 16 valvole, capace di fornire ulteriori 121 cavalli. Un sistema plug-in con tempi di ricarica del comparto batterie di 6 ore, nel caso si utilizzi un impianto standard, o 30 minuti in ricarica rapida; con garanzia di 8 anni o 160.000 km sulla batteria di trazione. In questo caso, la vettura consente di viaggiare in modalità totalmente elettrica per 50 km, cosa che abbiamo apprezzato durante il nostro percorso, e in tragitti più ampi con il supporto del motore endotermico la casa segnala comunque consumi di 1,8 litri per 100 Km ed emissioni molto contenute di CO2 sui 42 g/km di CO2. Quindi una soluzione che tra elettrico, ibrido seriale e impiego parallelo delle unità, in base a quanto indicato, offre una autonomia complessiva di 800 km. Anche nel caso dell’Outlander oltre a un abitacolo spazioso e un bagagliaio che di base può accogliere 486 litri di carico, fino a 1.625, insonorizzazione interna e base meccanica si sono dimostrate di buon livello.

Mitsubishi-Space-Star-e-Outlander-PHEV-MY-2016-primo-contatto_52_05

La gamma Space Star, che comprende anche versione 1.0 Intense e 1.2 Intense e GPL, parte da 12.490,00 Euro. In fase promozionale di lancio, fino a giugno, la casa propone un prezzo d’accesso da 7.990,00 Euro “più oneri finanziari e anticipo zero”. L’Outlander PHEV, iniziando dalla versione Instyle, già abbastanza ricca, è acquistabile da 45,900,00 Euro.
In sintesi, due soluzioni all’interno di una visione più eco-sostenibile del movimento quotidiano firmate da Mitsubishi.

Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati