WP_Post Object ( [ID] => 239220 [post_author] => 50 [post_date] => 2016-03-03 19:09:11 [post_date_gmt] => 2016-03-03 18:09:11 [post_content] => Parliamo di miti sfatati perché nell’immaginario medio europeo si associano ancora strade dritte a vetture americane: ma non è più cosi da tempo. La Chevrolet Corvette Grand Sport MY 2017 è l’ennesima prova e pure quella più evidente (assieme al mostro Dodge Viper ACR). Questa volta i tecnici della Chevy hanno optato per una soluzione tecnica che portasse in dote un handling da vettura track oriented senza fa fare la parte del leone al motore. O meglio, l’unità Chevrolet LT-1 è sicuramente in grado di mettere in soggezione il guidatore, ma crediamo riesca anche nell’intento di sacrificare qualche Newtonmetro e Cavalli vapore sull’altare della massima guidabilità ed erogazione. Per questo il motore rimane naturalmente aspirato e dotato di 460 CV, scarichi controllati elettronicamente e un bel carter secco: soluzione, quest’ultima, che oltre ad essere da pista, si rivela necessaria visti i dati di accelerazione laterale che questo nuovo sofisticato giocattolo è in grado di elargire. L’insieme Grand Sport porta nuovi cerchi alleggeriti, impianto frenante Brembo, ammortizzatori Magnetic Ride Control, differenziale LSD elettronico e pneumatici Michelin Pilot Super Sport. Ma non è finita, in serbo è previsto pure un kit denominato Z07 Package prelevabile dalla lista degli optional, che va a migliorare proprio quei punti della vettura capaci di portare benefici a livello di handling. Nello specifico troviamo Michelin Pilot Sport 2 CUP e dischi freno carboceramici che aiutano a raggiungere i livelli di G laterale anticipati prima: 1.2 G con Z07 Package oppure 1.05 G in configurazione “standard”. Inoltre, secondo quanto dichiarato da Chevrolet a seguito di test privati, la 7° generazione di Corvette con Z07 Package è a circa un secondo dal record fatto registrare dall’estrema ZR1. A partire da questa estate sarà già possibile ordinarla con carrozzeria Coupè o Convertibile, con cambio manuale a 7 rapporti o automatico ZF 8 rapporti. In seguito sarà invece disponibile l’edizione limitata Grand Sport Collector Edition mostrata proprio al Salone di Ginevra, che arriverà dotata di dettagli Blu (interpretazione moderna del Blu associato alle Grand Sport) su interni e carrozzeria, striscia centrale esterna nero satinata a tutta lunghezza, cerchi neri ed un’esclusiva targhetta identificativa del modello. [post_title] => A Ginevra la nuova Corvette Grand Sport [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => closed [post_password] => [post_name] => a-ginevra-la-nuova-corvette-grand-sport [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2016-03-03 19:09:11 [post_modified_gmt] => 2016-03-03 18:09:11 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => http://www.motorionline.com/?p=239220 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw [post_category] => 0 )

A Ginevra la nuova Corvette Grand Sport

Nata per sfatare i miti europei, è tremendamente orientata alle performance

Debutta all’86° edizione del Salone di Ginevra la Chevrolet Corvette che, a distanza di anni, riprende un nome storico e importante per tutti gli appassionati. Non poteva quindi mancare un comparto tecnico di livello per la rievocazione di un mito: handling da Z06 e motore LT-1 a carter secco da 460 CV.

Parliamo di miti sfatati perché nell’immaginario medio europeo si associano ancora strade dritte a vetture americane: ma non è più cosi da tempo. La Chevrolet Corvette Grand Sport MY 2017 è l’ennesima prova e pure quella più evidente (assieme al mostro Dodge Viper ACR).

Questa volta i tecnici della Chevy hanno optato per una soluzione tecnica che portasse in dote un handling da vettura track oriented senza fa fare la parte del leone al motore. O meglio, l’unità Chevrolet LT-1 è sicuramente in grado di mettere in soggezione il guidatore, ma crediamo riesca anche nell’intento di sacrificare qualche Newtonmetro e Cavalli vapore sull’altare della massima guidabilità ed erogazione. Per questo il motore rimane naturalmente aspirato e dotato di 460 CV, scarichi controllati elettronicamente e un bel carter secco: soluzione, quest’ultima, che oltre ad essere da pista, si rivela necessaria visti i dati di accelerazione laterale che questo nuovo sofisticato giocattolo è in grado di elargire.

L’insieme Grand Sport porta nuovi cerchi alleggeriti, impianto frenante Brembo, ammortizzatori Magnetic Ride Control, differenziale LSD elettronico e pneumatici Michelin Pilot Super Sport.
Ma non è finita, in serbo è previsto pure un kit denominato Z07 Package prelevabile dalla lista degli optional, che va a migliorare proprio quei punti della vettura capaci di portare benefici a livello di handling. Nello specifico troviamo Michelin Pilot Sport 2 CUP e dischi freno carboceramici che aiutano a raggiungere i livelli di G laterale anticipati prima: 1.2 G con Z07 Package oppure 1.05 G in configurazione “standard”.

Inoltre, secondo quanto dichiarato da Chevrolet a seguito di test privati, la 7° generazione di Corvette con Z07 Package è a circa un secondo dal record fatto registrare dall’estrema ZR1. A partire da questa estate sarà già possibile ordinarla con carrozzeria Coupè o Convertibile, con cambio manuale a 7 rapporti o automatico ZF 8 rapporti. In seguito sarà invece disponibile l’edizione limitata Grand Sport Collector Edition mostrata proprio al Salone di Ginevra, che arriverà dotata di dettagli Blu (interpretazione moderna del Blu associato alle Grand Sport) su interni e carrozzeria, striscia centrale esterna nero satinata a tutta lunghezza, cerchi neri ed un’esclusiva targhetta identificativa del modello.

Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Anticipazioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati