BMW Vision Next 100 Concept, l’Elica festeggia il secolo proiettandosi al futuro [FOTO e VIDEO]

Sensori, materiali rinnovabili e innovazione spinta

BMW Vision Next 100 Concept - BMW presenta la Vision Next 100, una concept car con la quale l'Elica dà concretezza all'idea di auto del futuro, fatta di materiali riciclabili, di soluzioni altamente tecnologiche e funzionali. Tra le innovazioni assolute nel settore automobilistico c'è la tecnologia dell'Alive Geometry.

Quale occasione migliore se non quella dei festeggiamenti dei 100 anni di storia di BMW per svelare l’auto del nuovo secolo secondo i dictat dell’Elica? Si presenta così l’avveniristica BMW Vision Next 100 Concept, una nuova creatura che contempla in dote tutto quello che il costruttore bavarese ha in serbo per il rivoluzionato settore automobilistico dei prossimi decenni. 

Il prototipo, presentato oggi a Monaco di Baviera, viene definito una berlina anche se assume tratti sagomati da coupé, che dal punto di vista stilistico sono influenzati dalla BMW i8, a dispetto di un corpo più sottile e sfilato. La vettura si propone con forme alquanto radicali, enfatizzate dai passaruota allargati e dal frontale pronunciato centralmente con il doppio rene BMW che diventa verticale. La Vision Next 100 Concept ha un coefficiente di resistenza aerodinamica di 0,18.

Lunga 4,9 metri, questa nuova concept car è più corta della Serie 5, montando delle grandi ruote alle quattro estremità del telaio. Dotata di carrozzeria in color rame, la BMW Vision Next 100 è realizzata utilizzando fibra di carbonio e materiali compositi, con alcuni elementi degli interni che sono stato realizzati con i materiali residui delle lavorazioni della fibra di carbonio, puntando dunque alla sostenibilità produttiva e alla massima riduzione dello spreco.

Priva di montanti centrali la concept car dell’Elica facilità al massimo l’accesso all’abitacolo dove, come è facilmente immaginabile, è la tecnologia a farla da padrone. Gli interni della BMW Vision Next 100 offrono una serie di soluzioni funzionali e innovative rese possibili dai numerosi sensori, come ad esempio quelli che consentono di aprire automaticamente le porte ad ali di gabbiano. Il volante è nascosto nel cruscotto, pronto a uscire verso il conducente quando questo è pronto alla guida. Nell’abitacolo troviamo anche diversi rivestimenti realizzati con materiali riciclabili.

La visione dell’auto del prossimo secolo di BMW è stata sviluppata con due modalità di guida. La prima, denominata Boost, che offre una postazione di guida più orientata al conducente, consente al guidatore di usufruire di una serie di facilitazioni per guidare meglio, come l’indicazione della traiettoria ideale, del punto esatto in cui sterzare in una curva o l’avvertimento di potenziali pericoli causati dall’incrocio con altri veicoli.

La seconda, Alive Geometry, fa leva su una novità assoluta nel settore automobilistico. Si tratta di una nuova tecnologia, la Alive Geometry appunto, che assume la forma di una scultura tridimensionale e che funziona sia da dentro che da fuori l’auto. Composta da circa 800 triangoli mobili, inseriti nella plancia e nei pannelli laterali, la struttura si muove comunicando ogni minimo movimento, alla stregua di un gesto, al conducente. Questa tecnologia rappresenta un ulteriore evoluzione della fusione tra rappresentazione analogica e digitale.

La Vision Next 100 è il primo di un totale di quattro concept futuristi previsti dal Gruppo BMW nei prossimi mesi. A giugno arriverà la Rolls-Royce Grand Sanctuary, mentre a fine anno sono attesi un prototipo MINI e una due ruote BMW Motorrad.

Scopri le Offerte



    Trova l'auto giusta per te
    Compilando il presente form acconsento a ricevere le informazioni relative ai servizi che mi interessano ai sensi dell’Informativa Privacy
    Leggi altri articoli in Anticipazioni

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Articoli correlati