Mercedes-Benz e Mille Miglia: una storia di emozioni che continua nell’edizione 2016 [FOTO]

La casa tedesca sarà sempre sponsor della manifestazione

Mercedes-Benz alla Mille Miglia 2016 – Diversi modelli storici della Stella saranno ancora protagonisti durante la nuova edizione della mitica corsa di regolarità, che percorre buona parte dello Stivale

Le strade italiane torneranno ad ospitare ancora un nuovo capitolo di una storia lunga, fatta di auto, di uomini, di imprese. La Mille Miglia 2016 prenderà di nuovo vita dal 19 al 22 maggio 2016, e Mercedes-Benz continuerà a promuoverla, suggellando un legame storico e leggendario.

Dopo aver festeggiato il trionfale successo del 1955 nella passata edizione, che ha visto tra i protagonisti proprio Sir Stirling Moss, al volante della vincente Mercedes 300 SLR numero 722 sulle stesse strade della mitica “Freccia Rossa”, assieme all’altro storico driver della 300 SLR numero 704 Hans Herrmann, costretto purtroppo a terminare anticipatamente la corsa nello stesso anno sul Passo della Futa; in queste edizione la casa tedesca porterà sulle strade della “Corsa più bella del mondo” diversi modelli di alto valore storico e tecnico. Saranno visibili esemplari di SS e SSK, delle vetture sportive realizzate a cavallo tra gli Anni Venti e Trenta, non mancheranno delle 300 SL risalenti agli Anni 50, che fiancheggeranno una 180 D, un’altra 220 A e una 190 SL che debuttò nella grande corsa italiana nel lontano 1956. A distanza di 60 anni, il team francese numero 347, allora composto da Michel Bianco e Jean Loup Pellecuer, si classificò 121°, fermando il cronometro sulle 16 ore, 6 minuti e 15 secondi.

Il costante legame che collega Mercedes-Benz e Mille Miglia è anche confermato dalle vittorie di Rudolf Caracciola e Wilhelm Sebastian al volante di una Mercedes-Benz SSK del 1931, che rappresenta anche il primo successo di un pilota non italiano alla Freccia Rossa. Senza dimenticare il record di Stirling Moss e di Denis Jenkinson sulla Mercedes-Benz 300 SLR W 196 S del 1955, già citato.

Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati