Mercedes Classe E, lusso premium che si guida da solo [VIDEO PRIMO CONTATTO]

Impressioni a caldo dal Circuito dell'Estoril

La nuova Mercedes Classe E si presenta sul mercato non solo con il design e l'eleganza di sempre, ma soprattutto con un carico di tecnologia, soprattutto per quanto riguarda la sicurezza, che eravamo abituati a vedere solamente sulle ammiraglie. Abbiamo potuto provare la nuova berlina di lusso di Stoccarda sulle strade di Lisbona fino ad arrivare sullo storico circuito dell'Estoril e queste sono le nostre prime impressioni a caldo

Nel campo delle berline di lusso Mercedes ha ormai a sua disposizione un’offerta particolarmente completa. Da una parte abbiamo la diffusissima Classe C, senza alcun dubbio una delle gamme più popolari del marchio di Stoccarda. Dall’altra abbiamo la quasi esagerata ammiraglia Classe S, un vero e proprio transatlantico su quattro ruote equipaggiato di ogni ben di Dio. Tra queste due vetture, però, c’è anche l’ideale via di mezzo: parliamo ovviamente della nuova Classe E.

Presentata in anteprima mondiale a gennaio a Detroit e poi portata a Ginevra nei giorni scorsi, la nuova Classe E ha da sempre rappresentato il lusso di Mercedes senza però arrivare agli estremi della sorellona Classe S. Abbiamo a che fare con una vettura nettamente più grande e imponente rispetto al passato, che però grazie ad una nuova dotazione di optional e sistemi di aiuto alla guida ormai ha ben poco da invidiare all’ammiraglia. Tra questi sono sicuramente da citare quelli derivati dai progetti di guida autonoma che oramai da tempo siamo abituati a vedere in via di sviluppo su concept car e simili. Sia chiaro, ancora la Classe E non guida da sola, ma in alcuni frangenti ci va davvero molto vicino.

Partiamo però parlando dello stile della vettura. La nuova Classe E si differenzia dalla sua precedente generazione soprattutto per le dimensioni. La lunghezza è aumentata di 43 mm, mentre il passo ha visto un aumento di ben 62 mm, il che promette di essere un grande vantaggio soprattutto per i passeggeri della fila posteriore. Passando al frontale, riconosciamo immediatamente la classica griglia a lamelle cromate orizzontali che caratterizza tutta la produzione del marchio, anche se a richiesta è possibile anche equipaggiare la tradizionale griglia a lamelle multiple con il logo della Stella ben in evidenza sul cofano. I gruppi ottici sono stati aggiornati secondo le ultime tecnologie del marchio, sia sull’anteriore che sul posteriore. Sulla fiancata notiamo delle forme nettamente più scolpite, con una sensazione di potenza e dimensioni ulteriormente accentuata dai notevoli passaruota. Nonostante tutte queste modifiche, la forma e l’aspetto della Classe E rimangono estremamente filanti e aggressive per il segmento, senza diventare eccessivamente pomposa. Ne è ampia dimostrazione il coefficiente aerodinamico, che registra un valore record di 0.23.

E400 4MATIC AMG Line / designo selenite grey magno/ Leather: nappa saddle brown / black DYNAMIC BODY CONTROL / Exterior line: AMG Line E400 4 MATIC AMG Line / designo selenitgrau magno / Leder: Nappa sattelbraun / schwarz / DYNAMIC BODY CONTROL / Line Exterieur: AMG Line E 400 4MATIC Kraftstoffverbrauch kombiniert*: 7,7 l/100 km; CO₂-Emissionen kombiniert*: 174 g/km (*vorläufig) Fuel consumption combined*: 7.7 l /100 km; combined CO₂ emissions*: 174 g/km (*preliminary)

Ovviamente anche l’interno è stato ampiamente aggiornato. Se dal punto di vista di materiali e sellerie abbiamo però a che fare con la classica alta qualità che ci aspettiamo da Mercedes, la casa dal punto di vista tecnologico ha fatto davvero un balzo in avanti notevole. Basta sedersi al posto di guida per rendersene conto: la nuova Classe E ha infatti ereditato l’enorme schermo da 12,3 pollici di diagonale della Classe S, equipaggiato con lo speciale sistema operativo Command Online. Stiamo parlando di un quadro comandi da fantascienza completamente digitale, che però mantiene sempre le sue doti di completezza e di praticità d’uso, grazie al classico comando ibrido touchpad-ghiera che troviamo anche sulle altre vetture del marchio e che secondo chi vi scrive rappresenta l’ideale via di mezzo tra la sola macchinosa rotella a manuale e il non sempre facile e sicuro touchscreen. Sulla Classe E, però, arriva anche una novità: il comando touch posizionato direttamente sul volante, per aumentare ancora di più la sicurezza già aiutata dall’head-up display. Mercedes, naturalmente, non ha dimenticato il mondo degli smartphone, con un’app dedicata che consente, tra le altre cose, persino di manovrare l’auto in parcheggi molto stretti rimanendo fuori dalla vettura.

E400 4MATIC AMG Line / designo selenite grey magno/ Leather: nappa saddle brown / black DYNAMIC BODY CONTROL / Exterior line: AMG Line E400 4 MATIC AMG Line / designo selenitgrau magno / Leder: Nappa sattelbraun / schwarz / DYNAMIC BODY CONTROL / Line Exterieur: AMG Line E 400 4MATIC Kraftstoffverbrauch kombiniert*: 7,7 l/100 km; CO₂-Emissionen kombiniert*: 174 g/km (*vorläufig) Fuel consumption combined*: 7.7 l /100 km; combined CO₂ emissions*: 174 g/km (*preliminary)

Parlavamo, però, di guida autonoma. O meglio, di guida semi-autonoma. Come prevedibile, difficilmente arriveremo mai davvero ad avere un’auto che si guida completamente da sola, almeno nel breve periodo. La Classe E, però, è quanto di più prossimo riusciamo ad immaginare con la tecnologia attuale. Ci riferiamo in particolare al pacchetto Driver Assistance, che comprende tra le altre cose il sistema Driver Pilot. Si tratta, in parole semplici, di un cruise control adattivo che non solo si occupa di mantenere le distanze dall’auto che precede, ma agganciandola con i suoi sensori è anche in grado di seguirla letteralmente, curvando e tenendo la strada quasi senza intervento del pilota (una mano, comunque, deve essere sempre presente sul volante per ragioni sia legali che di sicurezza). Grazie all’Active Lane Change Assistant, inoltre, è possibile anche operare un cambio di corsia in piena sicurezza semplicemente inserendo la freccia direzionale. Questi due sistemi combinati hanno il compito di rendere i lunghi viaggi in autostrada decisamente meno stressanti e faticosi. Non sono però i soli: sono presenti sia l’Attention Assist che si occupa di consigliare pause durante i tragitti medio-lunghi e il Crosswind Assist per gestire al meglio le eventuali folate di vento che si potrebbero incontrare soprattutto all’uscita dei tunnel e sui ponti. Particolarmente interessante è anche il sistema di frenata di emergenza, che non funziona solamente nella direzione che stiamo tenendo, ma anche ai lati controllando con degli appositi sensori. Una soluzione che si dimostra particolarmente utile quando si impegna un incrocio, magari poco visibile a causa dell’ambiente o delle auto parcheggiate a lato. Per dare un’idea della potenza di questi sensori, vi basti pensare che quello posteriore, che si occupa di monitorare le auto che sopraggiungono alle nostre spalle anche su corsie diverse dalla nostra, può arrivare fino a una distanza di ben 80 metri, valutando anche la velocità della vettura.

The_new_E-Class, Press_Testdrive,Lisbon 2016

Chiudiamo parlando dei motori. A listino sono presenti tre unità a benzina, due a gasolio e una ibrida. Per quanto riguarda il primo gruppo, in Italia sarà disponibile unicamente il modello E200, equipaggiato con un 2.000 quattro cilindri capace di una potenza massima da 184 CV con una coppia da 300 Nm. Alzando il tiro si arriva all’E300 con 245 CV e 370 Nm, che però non sarà per ora disponibile nel nostro Paese, così come il top di gamma costituito dal modello E400 4Matic, un 3.000 da 333 CV di potenza con 480 Nm di coppia. I diesel non arriveranno a questi picchi, ma promettono di essere comunque performanti con l’E220d da 194 CV (si tratta del nuovissimo OM 654 appena introdotto nella gamma di Stoccarda) e con l’E350d da 258 CV. Come detto, è presente un modello ibrido, anche questo per ora non previsto in Italia: l’E350e, che equipaggia un motore termico da 211 CV insieme ad un motorino elettrico da 88 CV, toccando una potenza complessiva di 286 CV con 550 Nm di coppia.

Per quanto riguarda i prezzi, si parte da una base di 51.166 € (IVA e messa su strada incluse) per l’E200 con allestimento Sport. Il top, invece, sarà l’E350d, prezzato a 74.971 € con l’allestimento Premium Plus.

Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Notizie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati