Veloce come il vento, Stefano Accorsi alla guida della mitica Peugeot 205 Turbo 16 [FOTO]

Fu la vettura campione del mondo rally nel 1985 e nel 1986

Veloce come il vento - In "Veloce come il vento", film ambientato nel mondo del motorsport che esce il 7 aprile nei cinema italiani, Stefano Accorsi, che interpreta il ruolo da protagonista vestendo i panni di Loris De Martino, si cimenta alla guida dell'iconica Peugeot 205 Turbo 16, vera leggenda mondiale del rally. L'attore ha avuto un maestro di guida sportiva d'eccezione: il pluricampione italiano di rally Paolo Andreucci.

In “Veloce come il vento“, film diretto da Metteo Rovere e ambientato nel mondo del motorsport, è forte la presenza di Peugeot. La Casa del Leone si prende il ruolo di coprotagonista accanto a Stefano Accorsi, che veste i panni di Loris De Martino, tormentato ma talentuoso pilota, e alla giovanissima Matilda De Angelis

Girato tra Imola, Matera e i circuiti di Monza e Vallelunga, “Veloce come il vento” dà spazio e visibilità cinematografica a due vetture Peugeot che hanno appassionato gli amanti delle corse e delle auto sportive: la grintosa 205 GTi 1.9 da 130 CV e la mitica 205 Turbo 16, campione del mondo rally 1985 e 1986.

La Peugeot 205 T16, che nel film è guidata da Accorsi  in una gara clandestina mozzafiato ambientata tra i Sassi di Matera, è una vera e propria leggenda del rally. La vettura dotata di 400 CV, sfruttati a pieno durante le riprese del film, arriva direttamente dal Musée de l’Aventure Peugeot di Sochaux.

Per interpretare al meglio il personaggio di Loris De Martino, Accorsi ha voluto prendere anche lezioni di guida “competitiva” per maneggiare al meglio le auto da corsa e ricorrere il meno possibile a controfigure. A fare da maestro ad Accorsi è stato Paolo Andreucci, nove volte campione italiano di rally e pilota ufficiale di Peugeot Sport Italia. Andreucci ha fatto anche da stuntman di Accorsi quando è stato necessario durante le riprese.

Stefano Accorsi, che consolida ulteriormente il suo ruolo di brand ambassador del marchio francese, ha commentato: “Guidare la 205 T16 per me è stato un privilegio: oltre ad essere un’auto mitica nel mondo del rally è anche rarissima, messa a disposizione dal Musée de l’Aventure Peugeot di Sochaux. Ammetto che sentivo la responsabilità perché erano previste scene di guida pericolose. Ma per fortuna c’era Paolo Andreucci! Avere come istruttore un super campione come lui ha reso tutto possibile: non solo mi ha spiegato in modo semplice e chiaro come trattare l’auto ma è stato capace di stemperare la pressione e di dare spazio al divertimento della guida!“.

Sensazioni e ruolo insolito per Paolo Andreucci che racconta così la sua esperienza sul set: “E’ stata un’emozione particolare, perché non capita tutti i giorni di salire a bordo di vetture che hanno fatto la storia del rally come la 205 T16 e – soprattutto – perché è stata la prima volta che mi sono avvicinato ad una produzione cinematografica. Lavorare con Stefano è piacevole e stimolante. Ha un talento naturale per la guida, vi assicuro che non è scontato imparare a domare la potenza della T16 e gestire il cambio a innesti frontali…lo ha fatto da grande professionista. Tanto che non vi nascondo che ci piacerebbe fare insieme una giornata a bordo della nostra 208 T16 durante uno dei prossimi test“.

Il film “Veloce come il vento” uscirà nelle sale cinematografiche giovedì 7 aprile.

Scopri le Offerte



    Compilando il presente form acconsento a ricevere le informazioni relative ai servizi che mi interessano ai sensi dell’Informativa Privacy
    Leggi altri articoli in Cinema

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Articoli correlati