Volvo S90 e V90: l’eleganza svedese ammirata in alcune grandi città italiane [VIDEO]

Volvo S90 e V90: l’eleganza svedese ammirata in alcune grandi città italiane [VIDEO]

A contatto con la pregiata ampia berlina e la variante wagon

Volvo S90 e V90 – Una serie di filmati fa assaporare le emozioni del Volvo Italian Tour S90 e V90 che ha fatto tappa a Roma, Bologna e Milano
Volvo S90 e V90: l’eleganza svedese ammirata in alcune grandi città italiane [VIDEO]

Le linee fluide, che trasmettono esclusività, sono protagoniste tra le cornici italiane di Roma, Bologna e Milano. Città che che accolgono le nuove Volvo S90 e V90, caratterizzate dalla loro ricercatezza estetica e i loro contenuti di alto livello.

Lo stile della S90 recupera alcuni aspetti peculiari del nuovo corso svedese, introdotti con il SUV XC90, che rendono peculiare anche l’ultima V40. Elementi come l’ampia griglia frontale e i fari anteriori il cui motivo LED è ispirato al mitologico “martello di Thor”.
A spingere la Volvo S90 provvedono unità a benzina e diesel. Un motore 2.0 litri turbo da 320 cavalli e 400 Nm di coppia, mentre i diesel da 2.0 litri turbo trasmettono una spinta da 193 cavalli con 400 Nm di coppia e da 238 cavalli e 480 Nm di coppia. In più è presente anche una potente versione ibrida dotata di un motore T8, affiancato a un elettrico, da ben 407 CV e 640 Nm di coppia.

Tornando sull’estetica, ogni tratto esterna un certo rigore e un peculiare affinamento, tipico della elevata qualità proposta dal marchio di Göteborg. Un aspetto raffinato che avvolge un abitacolo altrettanto esclusivo, composto da rivestimenti di un gusto fine e dispostivi tecnologici sofisticati, come ad esempio: un sistema di guida semi-autonoma, il Pilot Assist e l’IntelliSafe Assist o uno speciale dispositivo di rilevamento di animali di grossa taglia, un sistema di controllo della distanza di sicurezza e un cruise control adattivo.

Medesimo discorso nel caso della station wagon V90. Pregio stilistico e qualità percepita sono dello stesso grado, oltre a vantare una versatilità di alto profilo grazie a una segnalata capienza del bagagliaio di 1.526 litri, reclinando la seconda fila. La gamma dei motori, come la già citata S90, comprende propuslori termici e anche una ibrida animata dal già citato sistema che associa un motore T8 Twin Engine da 2.0 litri a un’unità elettrica con una potenza totale di 407 cavalli. Forza sufficiente a proiettarla da ferma a 100 km/h in 5,2 secondi. Secondo la casa, i consumi si attesterebbero sui 2,1 litri ogni 100 chilometri. Utilizzando solo l’energia elettrica, invece, l’autonomia sarebbe superiore ai 45 chilometri, supportata da una batteria agli ioni di litio da 9,2 kWh.
In programma, poi, è attesa una versione ibrida ancora più performante firmata da Polestar, e si parla in futuro anche di una S90 Coupé. La nuova wagon rappresenta il terzo modello sviluppato sulla struttura scalabile (SPA), su cui poggia anche la berlina.

Scopri le Offerte



    Trova l'auto giusta per te
    Compilando il presente form acconsento a ricevere le informazioni relative ai servizi che mi interessano ai sensi dell’Informativa Privacy
    Leggi altri articoli in Auto

    Lascia un commento

    1 commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    • Michael 1963 ha detto:

      Il ritorno del Mito Volvo!! La S90 e V90 secondo me questo rappresentano per la Volvo!! Dopo tanti anni di oblio vissuti sotto l’ala della Ford, che molti disastri ha procurato, la Volvo sembra essere risorta con la nuova proprietà cinese. Che poi non ha fatto null’altro che lasciare i tecnici svedesi liberi di sviluppare le auto come loro sapevano fare, senza alcuna intromissione di carattere tecnico e stilistico. Praticamente tutto l’opposto di quanto fatto dagli americani della Ford in circa 20 anni! Dopo l’apprezzatissima XC90, opera prima della nuova gestione, la Volvo si riconferma con la S90 e V90, che in qualche modo si riallaccia alla storia e ai successi del passato, come la serie 240 e serie 740-760!!
      Intelligente e pratica pure la decisione di sviluppare tutta la parte motoristica intorno ai 2.000 cc a 4 cilindri, anche se….. io un ottimo 6V diesel di 3.000 cc da 300 cv lo fornivo come ulteriore opzione, acquistandolo da un costruttore terzo!

    Articoli correlati