WP_Post Object ( [ID] => 254282 [post_author] => 36 [post_date] => 2016-04-15 16:44:57 [post_date_gmt] => 2016-04-15 14:44:57 [post_content] => Un numero sorprendente di automobilisti mantiene gli pneumatici invernali per tutto l’anno, nonostante la consapevolezza che non abbiano buone prestazioni anche durante la stagione calda. Insomma, il cambio gomme non è una buona abitudine molto diffusa in Europa. La ricerca condotta da Bridgestone tra gli automobilisti europei mostra che ben il 10% degli italiani mantiene gli pneumatici invernali anche durante l’estate. In generale, gli europei si dimostrano, invece, più attenti all’utilizzo delle coperture invernali durante la stagione fredda, effettuato da circa il 43% degli automobilisti. Nel complesso, l’utilizzo degli pneumatici invernali in Europa è in continua crescita, in parte data dall’inverno imprevedibile degli ultimi anni, dall’altra per le nuove norme vigenti in materia di sicurezza stradale nelle diverse nazioni. L’analisi di Bridgestone mette in luce come le famiglie siano le più attente a cambiare gli pneumatici durante la stagione invernale. Mescola e battistrada degli pneumatici invernali sono progettati per rimanere morbidi e flessibili durante la stagione fredda, offrire aderenza e tenuta di strada con temperature basse su superfici asciutte e in presenza di acqua e ghiaccio. Ma quando le temperature si alzano, gli pneumatici invernali perdono i loro vantaggi, aderenza e tenuta di strada diminuiscono e le gomme si usurano più velocemente. I test di Bridgestone mostrano che il divario tra le prestazioni degli pneumatici estivi e quelli invernali in termine di frenata e maneggevolezza nei mesi più caldi può variare tra il 30% e l’8% in base alle condizioni stradali e alla temperatura. In ambienti umidi alla temperatura di circa 30°C, un veicolo equipaggiato con pneumatici estivi di buona qualità ha uno spazio di frenata fino al 30% inferiore di un veicolo equipaggiato con pneumatici invernali. In certe condizioni, questa differenza può corrispondere a due volte la lunghezza della macchina. A parte la buona pratica del cambiare gli pneumatici con quelli per la giusta stagione, è anche essenziale prendersene cura regolarmente. Per garantire la propria e la sicurezza altrui alla guida, in particolare nelle fasi di manovra e frenata, i due passi più importanti sono quelli di controllare la pressione degli pneumatici e la profondità del battistrada. Bridgestone raccomanda di controllare la pressione degli pneumatici una volta al mese. Infatti, una recente ricerca europea ha mostrato che troppi automobilisti non si prendono cura dei propri pneumatici: il 76 % infatti non controlla la pressione di gonfiaggio una volta al mese e il 54% controlla solo la profondità del battistrada una volta l'anno, o quasi mai. Bridgestone consiglia 3 semplici accorgimenti da seguire per una guida sicura: utilizzare la tipologia di pneumatici adatta alle condizioni climatiche e alle temperature, controllare regolarmente la pressione di gonfiaggio e verificare periodicamente la profondità del battistrada. [post_title] => Bridgestone spiega perché è buona abitudine cambiare gli pneumatici invernali durante la stagione calda [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => closed [post_password] => [post_name] => bridgestone-spiega-perche-e-buona-abitudine-cambiare-gli-pneumatici-invernali-durante-la-stagione-calda [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2016-04-15 16:46:55 [post_modified_gmt] => 2016-04-15 14:46:55 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => http://www.motorionline.com/?p=254282 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw [post_category] => 0 )

Bridgestone spiega perché è buona abitudine cambiare gli pneumatici invernali durante la stagione calda

Ben il 10% degli italiani li mantiene anche durante l’estate

Bridgestone  - Se siete tentati di tenere i vostri pneumatici invernali anche durante l’estate, il consiglio di Bridgestone è molto semplice: evitatelo! Infatti, solo gli pneumatici estivi possono dare la sicurezza e le migliori prestazioni durante i mesi più caldi
Bridgestone spiega perché è buona abitudine cambiare gli pneumatici invernali durante la stagione calda

Un numero sorprendente di automobilisti mantiene gli pneumatici invernali per tutto l’anno, nonostante la consapevolezza che non abbiano buone prestazioni anche durante la stagione calda. Insomma, il cambio gomme non è una buona abitudine molto diffusa in Europa.

La ricerca condotta da Bridgestone tra gli automobilisti europei mostra che ben il 10% degli italiani mantiene gli pneumatici invernali anche durante l’estate. In generale, gli europei si dimostrano, invece, più attenti all’utilizzo delle coperture invernali durante la stagione fredda, effettuato da circa il 43% degli automobilisti. Nel complesso, l’utilizzo degli pneumatici invernali in Europa è in continua crescita, in parte data dall’inverno imprevedibile degli ultimi anni, dall’altra per le nuove norme vigenti in materia di sicurezza stradale nelle diverse nazioni. L’analisi di Bridgestone mette in luce come le famiglie siano le più attente a cambiare gli pneumatici durante la stagione invernale.

Mescola e battistrada degli pneumatici invernali sono progettati per rimanere morbidi e flessibili durante la stagione fredda, offrire aderenza e tenuta di strada con temperature basse su superfici asciutte e in presenza di acqua e ghiaccio. Ma quando le temperature si alzano, gli pneumatici invernali perdono i loro vantaggi, aderenza e tenuta di strada diminuiscono e le gomme si usurano più velocemente. I test di Bridgestone mostrano che il divario tra le prestazioni degli pneumatici estivi e quelli invernali in termine di frenata e maneggevolezza nei mesi più caldi può variare tra il 30% e l’8% in base alle condizioni stradali e alla temperatura. In ambienti umidi alla temperatura di circa 30°C, un veicolo equipaggiato con pneumatici estivi di buona qualità ha uno spazio di frenata fino al 30% inferiore di un veicolo equipaggiato con pneumatici invernali. In certe condizioni, questa differenza può corrispondere a due volte la lunghezza della macchina.

A parte la buona pratica del cambiare gli pneumatici con quelli per la giusta stagione, è anche essenziale prendersene cura regolarmente. Per garantire la propria e la sicurezza altrui alla guida, in particolare nelle fasi di manovra e frenata, i due passi più importanti sono quelli di controllare la pressione degli pneumatici e la profondità del battistrada. Bridgestone raccomanda di controllare la pressione degli pneumatici una volta al mese. Infatti, una recente ricerca europea ha mostrato che troppi automobilisti non si prendono cura dei propri pneumatici: il 76 % infatti non controlla la pressione di gonfiaggio una volta al mese e il 54% controlla solo la profondità del battistrada una volta l’anno, o quasi mai. Bridgestone consiglia 3 semplici accorgimenti da seguire per una guida sicura: utilizzare la tipologia di pneumatici adatta alle condizioni climatiche e alle temperature, controllare regolarmente la pressione di gonfiaggio e verificare periodicamente la profondità del battistrada.

Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Notizie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati