FORD EcoBlue è il nuovo diesel 2 Litri

Il 2.2 TDCI va in pensione per un rinnovato 4 cilindri dedicato a veicoli commerciali e non

EcoBlue - Il vecchio 2.2 TDCI lascia il posto ad un propulsore turbodiesel da 2000 cc che Ford ha sviluppato e realizzato partendo dal foglio bianco. Ciò si traduce in caratteristiche eccezionali e livelli di potenza, da 100 a 240 CV, capaci di assecondare la gamma commerciale così come quella per trasporto passeggeri.
FORD EcoBlue è il nuovo diesel 2 Litri

L’utilizzo principale che viene richiesto agli attuali propulsori è quello di frullare silenziosamente a bassi regimi in città, inquinare poco e garantire allo stesso tempo riprese corpose e istantanee in ogni situazione. Esigenze per nulla particolari oggigiorno ma non facili da amalgamare.

Ford ha centrato l’obiettivo con i nuovi EcoBlue da 2000 cc a 4 cilindri in linea focalizzati sull’erogazione di coppia: che si attesta ad un + 20% a bassi regimi rispetto al vecchio 2.2 TDCI.
“Così come i Ford EcoBoost hanno stabilito nuovi standard tra i motori a benzina grazie ad eccezionali performance, livelli di efficienza e leggerezza costruttiva, il nuovo EcoBlue farà lo stesso tra i turbodiesel” così dice Jim Farley CEO e presidente di Ford Europa.

OTTIMIZZAZIONE – Lo sviluppo nel suo complesso ha garantito un – 10% alla voce emissioni di CO2 e una silenziosità di funzionamento (tra cui 4 db in meno al minimo) che servirà a far fare un salto qualitativo a tutta la gamma Ford. Perfino ai modelli più piccoli e leggeri, questo grazie alla variante da 1.5 Litri prevista più avanti dopo il debutto del 2 Litri su Ford Transit e Ford Transit Custom.

TECNICA – Il nuovo 2.0 TDCI EcoBlue si avvale, per la prima volta in un’unità a gasolio dell’Ovale Blu, della distribuzione a fasatura variabile e di un albero a gomiti riprogettato e riposizionato in grado di ridurre gli attriti interni. Soluzioni che ben cooperano con il nuovo sistema di aspirazione e relativo turbocompressore a bassa inerzia: quest’ultimo è realizzato infatti con materiali aeronautici come l’Inconel che assieme ad una girante ridotta nel diametro del 15 % (ma più efficiente nel design) permette una rapida entrata in pressione del compressore a regimi ancora più bassi. Tanto da garantire fino a 340 Nm di coppia a soli 1250 rpm!

La ciliegina sulla torta è senza dubbio il nuovo sistema di iniezione composto da iniettori ad alta pressione capaci di fornire sino a 6 iniezioni per ciclo, ognuna di esse della durata minima di 250 microsecondi (0,00025 sec) e da soli 0,8 mg di carburante. Oltre alla raffinatezza elettromeccanica –composta da cristalli piezo elettrici incorporati e altamente sensibili- contribuisce a questo straordinario risultato il design del corpo iniettore: che infatti è dotato di 8 fori conici da soli 120 micron.

Scopri le Offerte



    Trova l'auto giusta per te
    Compilando il presente form acconsento a ricevere le informazioni relative ai servizi che mi interessano ai sensi dell’Informativa Privacy
    Leggi altri articoli in Anticipazioni

    Commenti chiusi

    Articoli correlati