Alfa Romeo Giulia si presenta a Matteo Renzi e Sergio Mattarella

La nuova berlina è entrata a Palazzo Chigi e al Quirinale

Alfa Romeo Giulia - I vertici di FCA, con Jonh Elkann e Sergio Marchionne in testa, questa mattina hanno presentato la nuova Alfa Romeo Giulia al Presidente del Consiglio Matteo Renzi e al Presidente della Repubblica Sergio Mattarella.

Giornata all’insegna delle presentazioni istituzionali quella vissuta oggi dall’Alfa Romeo Giulia. Prima della consegna delle due vetture in versione Quadrifoglio all’Arma dei Carabinieri, la berlina del marchio di Arese ha fatto il suo ingresso a Palazzo Chigi, dove si è presentata al premier Matteo Renzi, e al Quirinale, facendosi conoscere e apprezzare dal Presidente della Repubblica Sergio Mattarella.  

A illustrare le caratteristiche della nuova vettura del Biscione sono stati John Elkann e Sergio Marchionne, rispettivamente presidente e amministratore delegato di Fiat Chrysler Automobiles, che si sono presentati da Renzi e Mattarella a bordo di un’Alfa Romeo Giulia Rosso competizione. Insieme ai manager di FCA era presente anche una rappresentanza di tecnici e operai dell’impianto FCA di Cassino che hanno costruito con le loro mani la Giulia.

Nell’occasione della presentazione dell’Alfa Romeo Giulia, il Presidente del Consiglio Matteo Renzi ha sottolineato le ricadute degli investimenti del Gruppo italo-americano sull’occupazione nel nostro Paese: “E’ un messaggio di speranza e ripartenza dell’Italian Style. Noi esprimiamo tutta la gratitudine per gli investimenti che FCA sta facendo in Itali. Siamo felici di dare il benvenuto alle donne e agli uomini di Cassino, che presentano quest’auto con grande orgoglio. Cassino c’è con orgoglio, competenza e tenacia, in prospettiva con l’Alfa a Cassino si passerà da 4.300 posti di lavoro a 7.700 entro il 2018“.

Scopri le Offerte



    Trova l'auto giusta per te
    Compilando il presente form acconsento a ricevere le informazioni relative ai servizi che mi interessano ai sensi dell’Informativa Privacy
    Leggi altri articoli in Anticipazioni

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Articoli correlati