WP_Post Object ( [ID] => 261868 [post_author] => 8 [post_date] => 2016-05-10 13:47:46 [post_date_gmt] => 2016-05-10 11:47:46 [post_content] => Continuano gli avvistamenti dei prototipi dell’Alfa Romeo Tipo 949 D-SUV o, come ha confermato lo stesso Sergio Marchionne, il nuovo Stelvio, il SUV che dovrebbe debuttare entro la fine di quest’anno per poi entrare in produzione a partire dal 2017. Un nome che evoca una forte tradizione italiana, soprattutto alle orecchie di uno straniero, per quanto anche noi italiani non possiamo rimanere indifferenti. Non tanto per il nome, quanto per il fatto che l’Alfa Romeo Stelvio sarà di fatto il terzo passo della rinascita dello storico marchio, immediatamente successivo alla 4C e alla nuova Giulia (senza comunque dimenticare le sempre apprezzate MiTo e Giulietta). Pare che i tecnici al lavoro sul progetto vogliano puntare moltissimo sulla qualità soprattutto dal punto di vista della guida, anche se naturalmente i progetti futuri di Alfa Romeo richiedono con altrettanta importanza una determinata cura nello stile sia esterno che interno. Dal punto di vista tecnico ancora non sappiamo moltissimo del nuovo Stelvio, ma è stato confermato come sia stato sviluppato utilizzando una leggera variazione della medesima piattaforma della Giulia. Si tratta quindi di una struttura in grado di equipaggiare sia un sistema con trazione posteriore che integrale, mentre dal punto di vista dei motori lo Stelvio sarebbe compatibile con un ampio raggio di unità comprese tra i quattro cilindri e i V6. Non mancherebbe naturalmente lo spazio per una variante Quadrifoglio Verde, che verrebbe presumibilmente equipaggiata con un 2.900 biturbo V6 come già accade per la Giulia. Come ben sappiamo, lo Stelvio sarà solamente uno di una serie di vetture basate sulla medesima architettura che Alfa Romeo lancerà da qui al 2020, dopo aver sensibilmente spostato i piani che prevedevano invece un lancio completo per il 2018. Tra le varie auto che stiamo aspettando sono comprese un SUV di segmento C, una berlina premium, una spider, una coupé e le eventuali eredi di Giulietta e MiTo. Naturalmente tutti questi piani sono eventualmente soggetti a modifica nei prossimi mesi. [post_title] => Alfa Romeo Stelvio, nuove FOTO SPIA scattate al centro test del Nürburgring [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => closed [post_password] => [post_name] => alfa-romeo-stelvio-nuove-foto-spia-scattate-al-centro-test-del-nurburgring [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2016-05-10 13:47:46 [post_modified_gmt] => 2016-05-10 11:47:46 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => http://www.motorionline.com/?p=261868 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 1 [filter] => raw [post_category] => 0 )

Alfa Romeo Stelvio, nuove FOTO SPIA scattate al centro test del Nürburgring

Entrata in produzione prevista per il 2017

Si farà attendere ancora qualche mese il nuovo SUV Alfa Romeo Stelvio, ma la curiosità intorno a questo nuovo prodotto del Biscione continua a crescere. Sarà il terzo passo della rinascita Alfa e le ultime foto scattate intorno al centro test del 'Ring, insieme alle indiscrezioni su struttura e dotazioni, lasciano davvero ben sperare

Continuano gli avvistamenti dei prototipi dell’Alfa Romeo Tipo 949 D-SUV o, come ha confermato lo stesso Sergio Marchionne, il nuovo Stelvio, il SUV che dovrebbe debuttare entro la fine di quest’anno per poi entrare in produzione a partire dal 2017. Un nome che evoca una forte tradizione italiana, soprattutto alle orecchie di uno straniero, per quanto anche noi italiani non possiamo rimanere indifferenti.

Non tanto per il nome, quanto per il fatto che l’Alfa Romeo Stelvio sarà di fatto il terzo passo della rinascita dello storico marchio, immediatamente successivo alla 4C e alla nuova Giulia (senza comunque dimenticare le sempre apprezzate MiTo e Giulietta). Pare che i tecnici al lavoro sul progetto vogliano puntare moltissimo sulla qualità soprattutto dal punto di vista della guida, anche se naturalmente i progetti futuri di Alfa Romeo richiedono con altrettanta importanza una determinata cura nello stile sia esterno che interno. Dal punto di vista tecnico ancora non sappiamo moltissimo del nuovo Stelvio, ma è stato confermato come sia stato sviluppato utilizzando una leggera variazione della medesima piattaforma della Giulia. Si tratta quindi di una struttura in grado di equipaggiare sia un sistema con trazione posteriore che integrale, mentre dal punto di vista dei motori lo Stelvio sarebbe compatibile con un ampio raggio di unità comprese tra i quattro cilindri e i V6. Non mancherebbe naturalmente lo spazio per una variante Quadrifoglio Verde, che verrebbe presumibilmente equipaggiata con un 2.900 biturbo V6 come già accade per la Giulia.

Come ben sappiamo, lo Stelvio sarà solamente uno di una serie di vetture basate sulla medesima architettura che Alfa Romeo lancerà da qui al 2020, dopo aver sensibilmente spostato i piani che prevedevano invece un lancio completo per il 2018. Tra le varie auto che stiamo aspettando sono comprese un SUV di segmento C, una berlina premium, una spider, una coupé e le eventuali eredi di Giulietta e MiTo. Naturalmente tutti questi piani sono eventualmente soggetti a modifica nei prossimi mesi.

Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Anticipazioni

Lascia un commento

1 commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  1. fabio

    10 Maggio 2016 at 18:43

    Se lo faranno benissimo come la Giulia e la Levante che si prendano tutto il tempo che gli serve per farlo da Dio.

Articoli correlati