Nissan, A2A e Milano elettrizzano la mobilità urbana [FOTO]

Inaugurate le prime colonnine a ricarica rapida per veicoli elettrici

Nissan - Il marchio nipponico, in collaborazione con A2A ed il Comune di Milano, porta in città 12 colonnine a ricarica rapida che consentiranno ai veicoli elettrici, come la Leaf, di ricaricarsi in meno di 30 minuti

Milano è capofila della mobilità elettrica e lo fa molto velocemente. Una colonnina di ricarica rapida installata ogni 5 giorni. Entro il 28 maggio, data della finale di Uefa Champions League, saranno ben 12. Quelle complessive nella città meneghina sono 34. Nissan ha progettato e fornito le colonnine alla città realizzando con A2A, che ha sviluppato un proprio sistema di gestione della ricarica: una infrastruttura all’avanguardia che rimarrà a titolo gratuito al Comune di Milano. L’iniziativa promuove a 360 gradi i valori della mobilità sostenibile in quanto le nuove colonnine sono compatibili con tutti i principali standard elettrici presenti nel settore automobilistico.

Nissan si sta battendo da anni sul tema della mobilità elettrica sostenibile. Innovation that excites è il nostro DNA, non è solo il nostro slogan.” esordisce Bruno Mattucci, ad di Nissan itaIia. “Innovare vuol dire mettere in discussione lo status quo. Nel 2010 siamo stati i primi a credere nell’elettrico, con la prima generazione di Leaf. Ora siamo alla terza generazione di veicoli elettrici. Mentre a Yokohama stiamo testando veicoli elettrici a guida autonoma.Il marchio nipponico, poi, punta molto sulla Nissan intelligent integration, dove i veicoli dovranno integrarsi al’interno delle smart city.Nissan crede nel veicolo elettrico, nella mobilità del futuro, con un’autonomia sempre maggiore. Abbiamo un’opportunità unica. L’industria automobilistica, la prima causa dei problemi di inquinamento, trova la soluzione al suo interno e ciò è grandioso. La mobilità elettrica sostenibile può aiutare le amministrazioni locali a combattere il problema dell’inquinamento urbano. Milano è molto lungimirante in questo senso. Il progetto di oggi è da definirsi un passo epocale.”

Il più grande piano urbano in Italia di ricarica rapida è ufficialmente arrivato a Milano. In massimo 30 minuti sarà possibile ricaricare l’80% della batteria di una vettura elettrica.Rotazione consentita a più persone in quello stallo.” sottolinea Mattucci. “La velocità di azione di Milano è stata davvero impressionante e, poi, con un parter importante come A2a ci ha sostenuto in modo decisivo, con il suo know-how e le sue strutture, il tutto è stato ancora più facile.” Per accedere alla infrastruttura di ricarica di A2A è sufficiente abbonarsi al servizio E-moving di A2A, che dà diritto a ricariche illimitate, tramite l’apposito sito. Il progetto è perfettamente in linea con i piani di sviluppo del Comune di Milano per la mobilità sostenibile e per il rispetto ambientale. Dopo anni di forte impegno nello sviluppo della sharing mobility, la mobilità elettrica rientra tra gli obiettivi più ambiziosi che il capoluogo meneghino si pone per diventare un modello riconosciuto di smart city.

Milano ha un’offerta infrastrutturale adeguata e non si ferma qui. E, poi, la presenza di veicoli ad impatto zero è davvero rilevante. La collaborazione pubblico – privato può dare dei risultati. Se il Comune mantiene gli impegni, il privato si spinge verso l’elettrico.Pierfrancesco Maran, assessore alla mobilità e ambiente del Comune di Milano, traccia le linee per la mobilità sostenibile e futura del Comune di Milano.Il veicolo non deve solo impattare di meno, ma bisogna gestirlo meglio. I prossimi 5 anni vedremo l’elettrico uscire dalla nicchia e anche per questo dobbiamo coinvolgere i cittadini facendo capire loro che si tratta di un trasporto comodo ed economico. Siamo pronti per farlo. Inoltre, queste nuove colonnine sono funzionali ed esteticamente belle.”

Offerta Volkswagen ID.3 100% Elettrica da 299€ al mese con Ecoincentivi Statali Richiedi Preventivo

Scopri le Offerte


    Trova l'auto giusta per te
    Compilando il presente form acconsento a ricevere le informazioni relative ai servizi che mi interessano ai sensi dell’Informativa Privacy
    Leggi altri articoli in Ecologia

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Articoli correlati