Nuovo Citroën Jumpy: versatilità e comfort d’ampio spessore [PRIMO CONTATTO]

Disponibile in taglia XS, M e XL

Nuovo Citroën Jumpy – Introdotta l'ultima generazione del veicolo commerciale, basata su una variante del telaio EMP2 e arricchita di contenuti che ne esaltano le qualità stradali e di carico

La vivacità del motore si percepisce dalla spinta, il suono è smorzato come i fruscii esterni piuttosto attenuati. Si ha la sensazione di una guida rilassata a bordo del nuovo Citroën Jumpy, un aspetto studiato proprio considerando le esigenze dei professionisti impegnati in continui spostamenti.

L’esterno appare curato sia nell’impostazione delle diverse componenti, sia nelle proporzioni. Il disegno dei gruppi ottici e il corpo vettura sono una convergenza di linee fluide. La visione appare muscolosa e può essere amplificata anche tramite un opzionale Pack Look, che comprende una calandra cromata, luci diurne LED e fendinebbia, oltre a paraurti, protezioni laterali e calotte degli specchi laterali dello stesso colore della carrozzeria.
Il veicolo alto 1,90 metri (1,93 m nel caso dell’esemplare più esteso), è proposto in tre lunghezze dalla più contenuta inedita versione XS di 4,60 metri, passando per la M da 4,95 m, sino alla XL da 5,30 m e anche in tre tipologie di mezzo: furgone in 2 livelli di allestimento Comfort e Club; combi in formato veicolo da trasporto di persone e pianale cabinato che può essere utilizzato per lo sviluppo di differenti veicoli da lavoro. Tra gli aspetti in evidenza anche le opzionali porte a battente a 250° per la variante XL e quelle laterali scorrevoli che si possono aprire anche senza chiavi, ponendo il piede sotto l’angolo del paraurti posteriore.
Un’altra opzione è un kit di rivestimento in legno, disponibile in varie combinazioni senza intaccare lo spazio di carico e in due tipologie: legno grezzo e legno rivestito. Ma altrettanto ricercata e sofisticata è la versione 4×4 by DANGEL, realizzata sulle versioni con propulsori da 2 litri BlueHDi 120, BlueHDi 120 S&S e BlueHDi 150 S&S tutte legate a cambio manuale, proposte in due differenti altezza, con la più elevata di 60 mm rispetto alla base, un opzionale bloccaggio del differenziale posteriore e una trasmissione di tipo integrale disinseribile in base alle necessità e ai percorsi affrontati.

Citroen-Jumpy-2016_08_01

L’abitacolo, studiato per favorire una guida comoda, è caratterizzato da un’impostazione di guida rialzata che ricorda quella di un SUV, come lo è la plancia che può comprendere un sistema Touch Pad da sette pollici, tramite il quale visualizzare ad esempio le mappe di navigazione del Citroën Connect Nav o rispondere alle telefonate. Schermo sul quale possono arrivare le immagini del Top Rear Vision, proposto tra i contenuti disponibili, che amplifica la visibilità posteriore in fase di manovra attraverso un prospetto della zona retrostante dall’alto di 180°. I sedili sono avvolti in rivestimenti in tessuto e TEP morbidi al tatto. Ad accentare le caratteristiche versatili degli interni sono anche un grande vano sotto il sedile del passeggero, altri scompartimenti diffusi, una presa USB e altre due da 12V e di tipo jack, assieme l’utile soluzione Moduwork che comprende un sedile passeggero ripiegabile e una peculiare parete di separazione, che accentua la lunghezza di carico di 1,16 m, accrescendone le potenzialità di trasporto.
Dal punto di vista della sicurezza e dell’assistenza, sono citati tra i diversi dispositivi funzionali un Active Safety Brake che frena o smorza il possibile impatto in base alla velocità inferiore o superiore ai 30 km/h, l’Allarme Rischio Collisione (ARC) o un Regolatore di Velocità Adattativo.

Citroen-Jumpy-2016_13_02

La marcia risulta fluida, come la scansione dei rapporti. Osservando il prospetto dei consumi della versione provata da 2.0 litri BlueHDi 150 S&S (110 kW) e 370 Nm a 2000 g/min associato a un cambio manuale sei marce, le sensazioni di una spinta corposa a fronte di consumi contenuti è apparsa sempre più lampante a poco a poco che ci sia allontanava dall’aeroporto di Parigi verso la campagna. La casa segnala per questa versione consumi da 5,3 l/100 km ed emissioni da 139g/km di CO2, non lontani da quanto constatato sul percorso misto effettuato e considerando anche un carico dimostrativo presente a bordo. La gamma dei propulsori, che comprende solo BlueHDI, è caratterizzata anche da una sofisticata soluzione nell’impostazione del collettore di scarico, che include la dislocazione di un catalizzatore SCR sul filtro attivo antiparticolato arricchito da additivo, che abbatte le emissioni di NOx fino al 90% e de 4% quelle di anidride carbonica. Sono disponibili versioni da 95 cavalli, anche S&S ETG6, passando per 115, 120 e al vertice un’unità più corposa da 180 cavalli S&S, legata a un cambio automatico EAT6. Consumi ed emissioni, secondo le indicazioni fornite, variano dai 5,5 l/100 km e 144 g/km di CO2 ai 5,8 l/100 km e 151 g/km di CO2.
Ad esaltare le doti stradali provvede anche il disponibile Grip Control, che sprona la resa motrice delle ruote anteriori e può essere associato a un Pack Cantiere, un kit che comprende una lastra di protezione al di sotto del propulsore, sospensioni solevate di 20 mm e maggior possibilità di carico.
In base al listino: il nuovo Jumpy Atlante parte da 26.900,00 Euro dalla variante base XS, mentre il Jumpy da 27.412,00 Euro chiavi in mano.

Citroen-Jumpy-2016_26_03

In sintesi: il nuovo veicolo commerciale di Citroën, oltre a garantire parecchio spazio e versatilità, trasmette sensazioni di maneggevolezza. Sia fluidità di marcia, sia comfort interno, ricordano molto un’auto.

Scopri le Offerte



    Trova l'auto giusta per te
    Compilando il presente form acconsento a ricevere le informazioni relative ai servizi che mi interessano ai sensi dell’Informativa Privacy
    Leggi altri articoli in Veicoli commerciali

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Articoli correlati