WP_Post Object ( [ID] => 283854 [post_author] => 40 [post_date] => 2016-07-05 16:27:52 [post_date_gmt] => 2016-07-05 14:27:52 [post_content] => Si ritrovano alcune delle soluzioni stilistiche del Vision C Concept. Un frontale pronunciato, gruppi ottici ricercati e una mole che trasmette robustezza. È immaginato così il prossimo Skoda Kodiaq. Recuperando alcuni concetti ammirati sul citato prototipo al Salone di Ginevra 2016, l'immagine proposta nell'occasione raffigura un mezzo dalle dimensioni generose, i fianchi scolpiti e arricchito da elementi paracolpi. Il frontale piuttosto elaborato, appare definito su linee orizzontali che contrastano con l'andamento verticale dei listelli della griglia, e risulta caratterizzato da gruppi ottici dal disegno tagliente. L'andamento del tetto, in questa ipotesi stilistica e anche come suggerito dall'esemplare di prova immortalato, risulta spiovente verso la zona posteriore e sono visibili anche nervature abbastanza pronunciate. Il Kodiaq, nome che rimanda a Kodiak, un termine che fa riferimento a una città e un’isola dell’Alaska oltre che a una specie di orso, sarebbe realizzato su base MQB. Condividerebbe propulsori e trasmissioni con altre vetture del Gruppo Volkswagen. La trazione sarebbe di tipo anteriore o integrale, secondo le indiscrezioni emerse, e la gamma potrebbe partire da un modello equipaggiato con motore 1.4 turbo alimentato a benzina, presumibilmente TSI, passando anche a unità diesel TDI da 1.6 o 2.0 litri con differenti gradi di potenza. Potrebbe essere incluso anche un propulsore bi-turbo da 237 cavalli, condiviso con la Volkswagen Passat. Le unità sarebbero associate a un tipo di cambio manuale sei marce o un automatico doppia frizione sette velocità. Tra le versioni, in base ai rumors, figurerebbero anche una Sportline o Scout e si parla anche di un potenziale modello ibrido, riprendendo la soluzione introdotta dal Vision S Concept. Un'architettura propulsiva costituita da un motore di cilindrata 1.4 a benzina di 154 cavalli e un altro elettrico da 54 cavalli legati a un cambio DSG sei rapporti. Quindi un secondo cuore sempre elettrico da 114 cavalli presente sull’asse posteriore. Questa soluzione garantirebbe 222 cavalli di spinta, in grado di far raggiungere al veicolo i 100 km/h in 7,4 secondi, con un’autonomia totalmente elettrica attorno ai cinquanta chilometri. Le emissioni di CO2 si aggirerebbero sui 45g/km, da indicazioni. [post_title] => Skoda Kodiaq: immaginato il possibile aspetto del SUV ceco [RENDERING] [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => closed [post_password] => [post_name] => skoda-kodiaq-immaginato-il-possibile-aspetto-del-suv-ceco-rendering [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2016-07-05 16:27:52 [post_modified_gmt] => 2016-07-05 14:27:52 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => http://www.motorionline.com/?p=283854 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw [post_category] => 0 )

Skoda Kodiaq: immaginato il possibile aspetto del SUV ceco [RENDERING]

Un design che ricorda il Vision S Concept

Skoda Kodiaq – Dopo alcune foto spia e un video che hanno permesso di vedere in azione un prototipo del prossimo SUV di Skoda, ospitiamo sulle nostre pagine un'immagine che prova ad anticiparne il design esterno
Skoda Kodiaq: immaginato il possibile aspetto del SUV ceco [RENDERING]

Si ritrovano alcune delle soluzioni stilistiche del Vision C Concept. Un frontale pronunciato, gruppi ottici ricercati e una mole che trasmette robustezza. È immaginato così il prossimo Skoda Kodiaq.

Recuperando alcuni concetti ammirati sul citato prototipo al Salone di Ginevra 2016, l’immagine proposta nell’occasione raffigura un mezzo dalle dimensioni generose, i fianchi scolpiti e arricchito da elementi paracolpi. Il frontale piuttosto elaborato, appare definito su linee orizzontali che contrastano con l’andamento verticale dei listelli della griglia, e risulta caratterizzato da gruppi ottici dal disegno tagliente. L’andamento del tetto, in questa ipotesi stilistica e anche come suggerito dall’esemplare di prova immortalato, risulta spiovente verso la zona posteriore e sono visibili anche nervature abbastanza pronunciate.

Il Kodiaq, nome che rimanda a Kodiak, un termine che fa riferimento a una città e un’isola dell’Alaska oltre che a una specie di orso, sarebbe realizzato su base MQB. Condividerebbe propulsori e trasmissioni con altre vetture del Gruppo Volkswagen. La trazione sarebbe di tipo anteriore o integrale, secondo le indiscrezioni emerse, e la gamma potrebbe partire da un modello equipaggiato con motore 1.4 turbo alimentato a benzina, presumibilmente TSI, passando anche a unità diesel TDI da 1.6 o 2.0 litri con differenti gradi di potenza. Potrebbe essere incluso anche un propulsore bi-turbo da 237 cavalli, condiviso con la Volkswagen Passat. Le unità sarebbero associate a un tipo di cambio manuale sei marce o un automatico doppia frizione sette velocità. Tra le versioni, in base ai rumors, figurerebbero anche una Sportline o Scout e si parla anche di un potenziale modello ibrido, riprendendo la soluzione introdotta dal Vision S Concept. Un’architettura propulsiva costituita da un motore di cilindrata 1.4 a benzina di 154 cavalli e un altro elettrico da 54 cavalli legati a un cambio DSG sei rapporti. Quindi un secondo cuore sempre elettrico da 114 cavalli presente sull’asse posteriore. Questa soluzione garantirebbe 222 cavalli di spinta, in grado di far raggiungere al veicolo i 100 km/h in 7,4 secondi, con un’autonomia totalmente elettrica attorno ai cinquanta chilometri. Le emissioni di CO2 si aggirerebbero sui 45g/km, da indicazioni.

Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Anticipazioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati