WP_Post Object ( [ID] => 285111 [post_author] => 52 [post_date] => 2016-07-07 17:45:28 [post_date_gmt] => 2016-07-07 15:45:28 [post_content] => In Canada, un signore chiamato Ryan McQueen, stupisce tutti costruendo una vettura dalla forma decisamente identica alla Ferrari Enzo la quale, però, subisce delle revisioni drastiche nell'aerodinamica e al di sotto del cofano. Nella visione di McQueen è stata ripresa la forma coupè costruita dalla Ferrari in soli 400 esemplari e prodotta dal 2002 al 2004, ispirandosi proprio ad essa per realizzare un prototipo che tanto si avvicina ad una jet car. Il prototipo dispone di due motori aeronautici Rolls Royce, acquistati con il denaro ricavato dalla vendita di una Corvette di proprietà di McQueen. L'intero mezzo è stato denominato Insanity (ovvero: follia) e la scritta sulle fiancate lo conferma. I terminali di scarico escono al di fuori del bordo del paraurti e ricevono la forma simile a quella di un aereo. Nel corredo fotografico sono disponibili delle immagini che mostrano parte del prototipo con la carrozzeria rialzata ed un immagine del cockpit, che si ha l'impressione a bordo di un velivolo. Il corpo della Ferrari Enzo è stato sviluppato in due anni e la struttura metallica dell'intero prototipo in cinque anni. Il peso è di 1723 kg, la velocità massima di 650 km/h, mentre il consumo di carburante è di 400 litri in soli due minuti: uno schiaffo all'economia!! L'intero progetto è costato 90.000 Dollari Canadesi; ovviamente il mezzo non potrà girare sulle strade pubbliche ma sarà protagonista nei vari saloni ed eventi automobilistici. [post_title] => Ferrari Enzo: ispirata ad una jet car [FOTO] [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => closed [post_password] => [post_name] => ferrari-enzo-ispirata-ad-una-jet-car-foto [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2016-07-07 17:45:28 [post_modified_gmt] => 2016-07-07 15:45:28 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => http://www.motorionline.com/?p=285111 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw [post_category] => 0 )

Ferrari Enzo: ispirata ad una jet car [FOTO]

Il prototipo è stato denominato "Insanity"

La Ferrari Enzo è divenuta fonte d'ispirazione di un canadese chiamato Ryan McQueen che ha ripreso la coupè di Maranello come base per sviluppare una jet car. Il prototipo monta due motori aeronautici Rolls Royce, la velocità massima è di 650 km/h, mentre il consumo è pari a 400 litri in 2 minuti.

In Canada, un signore chiamato Ryan McQueen, stupisce tutti costruendo una vettura dalla forma decisamente identica alla Ferrari Enzo la quale, però, subisce delle revisioni drastiche nell’aerodinamica e al di sotto del cofano. Nella visione di McQueen è stata ripresa la forma coupè costruita dalla Ferrari in soli 400 esemplari e prodotta dal 2002 al 2004, ispirandosi proprio ad essa per realizzare un prototipo che tanto si avvicina ad una jet car.

Il prototipo dispone di due motori aeronautici Rolls Royce, acquistati con il denaro ricavato dalla vendita di una Corvette di proprietà di McQueen. L’intero mezzo è stato denominato Insanity (ovvero: follia) e la scritta sulle fiancate lo conferma. I terminali di scarico escono al di fuori del bordo del paraurti e ricevono la forma simile a quella di un aereo.

Nel corredo fotografico sono disponibili delle immagini che mostrano parte del prototipo con la carrozzeria rialzata ed un immagine del cockpit, che si ha l’impressione a bordo di un velivolo. Il corpo della Ferrari Enzo è stato sviluppato in due anni e la struttura metallica dell’intero prototipo in cinque anni. Il peso è di 1723 kg, la velocità massima di 650 km/h, mentre il consumo di carburante è di 400 litri in soli due minuti: uno schiaffo all’economia!!

L’intero progetto è costato 90.000 Dollari Canadesi; ovviamente il mezzo non potrà girare sulle strade pubbliche ma sarà protagonista nei vari saloni ed eventi automobilistici.

Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati