WP_Post Object ( [ID] => 288722 [post_author] => 53 [post_date] => 2016-07-18 19:55:53 [post_date_gmt] => 2016-07-18 17:55:53 [post_content] => Sono diversi giorni che non si parla d'altro: l'ultima mania collettiva si chiama Pokémon Go, ed è l'App sviluppata dalla Niantic (Creato con la collaborazione di Game Freak, The Pokémon Company e Nintendo) - da pochi giorni disponibile anche in Italia - che va alla ricerca di creature digitali da catturare (e allenare) attraverso mappe disponibili su smartphone e tablet, visibili attraverso la fotocamera dei dispositivi. Decine di milioni di utenti sono divenuti in breve tempo ossessionati dalla ricerca dei Pokémon più rari, ma è già allarme sicurezza: la distrazione causata dall'attenzione necessaria a procedere nel gioco è già stata causa dei primi incidenti. Ad Auburn, negli Stati Uniti, per esempio, dove il gioco ha letteralmente rapito milioni di cittadini (già virale il video girato a New York dove centinaia di persone impegnate nel gioco hanno iniziato a correre con i telefoni in mano verso un mostriciattolo particolarmente raro), un 28enne è andato a sbattere contro un albero, distruggendo la propria auto. In California, due uomini sono finiti in ospedale per le ferite riportate cadendo da una scogliera: con gli occhi incollati sullo schermo dello smartphone non si erano accorti di essersi avvicinati troppo al burrone. Proprio a pochi giorni dal lancio del videogioco, nuova fonte di distrazione degli automobilisti, arriva la campagna dell'ACI #GUARDALASTRADA” e “#MOLLASTOTELEFONO”, appena lanciata dall'Automobile Club d'Italia con un video dal forte impatto e la presenza in qualità di testimonial di volti noti al pubblico più giovane, come l'attore Francesco Mandelli, e di personaggi della cultura e della politica. Nel 75% dei casi, infatti, gli incidenti sono dovuti a distrazione. Studi e ricerche evidenziano che una delle prime cause è l’uso dello smartphone per inviare messaggi, chattare, scattare selfie e guardare foto. #GUARDALASTRADA è la prima campagna di una Pubblica Amministrazione che vede l’uso esclusivo dei Social Network, che sono il principale canale di diffusione, con pianificazione sui media digitali attraverso le modalità del Precision Marketing, ovvero implementando una iper-targhettizzazione dei giovani tra i 18 e i 29 anni, i quali riceveranno post, twitter, video contro le distrazioni alla guida legate all’uso dello smartphone. Il video - prodotto da Tapeless, diretto dai registi Marco Bellone e Giovanni Consonni, e girato presso le strutture del CSI (centro di certificazione e testing del gruppo IMQ) - ha impegnato, oltre a Francesco Mandelli e 2 attori, 30 addetti. Nel 2015, in Italia, ci sono stati, ogni giorno mediamente, 9 morti sulla strada. Nello stesso anno, gli incidenti stradali hanno complessivamente causato circa 3.400 morti e poco meno di 250.000 feriti. L'andamento indica, secondo quanto riferito da Enrico Pagliari, Responsabile per la Sicurezza Stradale di ACI,  una riduzione del numero di incidenti mentre il dato delle vittime è drammaticamente in controtendenza, con un aumento superiore all’1,0%. Per la prima volta in 15 anni si registra pertanto un’inversione del calo della mortalità, che per i neo patentati (primi 4 anni di guida) ha una incidenza quasi doppia rispetto ai guidatori più esperti. [post_title] => Pokémon Go, allarme incidenti. L'Aci lancia nuova campagna sicurezza [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => closed [post_password] => [post_name] => pokemon-go-allarme-incidenti-laci-lancia-nuova-campagna-sicurezza [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2016-07-18 19:55:53 [post_modified_gmt] => 2016-07-18 17:55:53 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => http://www.motorionline.com/?p=288722 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw [post_category] => 0 )

Pokémon Go, allarme incidenti. L’Aci lancia nuova campagna sicurezza

Nuova fonte di distrazione per gli automobilisti: negli Stati Uniti già i primi feriti per la disattenzione causata dal videogioco per smartphone

Pokémon Go, allarme incidenti. L’Aci lancia nuova campagna sicurezza

Sono diversi giorni che non si parla d’altro: l’ultima mania collettiva si chiama Pokémon Go, ed è l’App sviluppata dalla Niantic (Creato con la collaborazione di Game Freak, The Pokémon Company e Nintendo) – da pochi giorni disponibile anche in Italia – che va alla ricerca di creature digitali da catturare (e allenare) attraverso mappe disponibili su smartphone e tablet, visibili attraverso la fotocamera dei dispositivi. Decine di milioni di utenti sono divenuti in breve tempo ossessionati dalla ricerca dei Pokémon più rari, ma è già allarme sicurezza: la distrazione causata dall’attenzione necessaria a procedere nel gioco è già stata causa dei primi incidenti. Ad Auburn, negli Stati Uniti, per esempio, dove il gioco ha letteralmente rapito milioni di cittadini (già virale il video girato a New York dove centinaia di persone impegnate nel gioco hanno iniziato a correre con i telefoni in mano verso un mostriciattolo particolarmente raro), un 28enne è andato a sbattere contro un albero, distruggendo la propria auto. In California, due uomini sono finiti in ospedale per le ferite riportate cadendo da una scogliera: con gli occhi incollati sullo schermo dello smartphone non si erano accorti di essersi avvicinati troppo al burrone.

Proprio a pochi giorni dal lancio del videogioco, nuova fonte di distrazione degli automobilisti, arriva la campagna dell’ACI #GUARDALASTRADA” e “#MOLLASTOTELEFONO”, appena lanciata dall’Automobile Club d’Italia con un video dal forte impatto e la presenza in qualità di testimonial di volti noti al pubblico più giovane, come l’attore Francesco Mandelli, e di personaggi della cultura e della politica. Nel 75% dei casi, infatti, gli incidenti sono dovuti a distrazione. Studi e ricerche evidenziano che una delle prime cause è l’uso dello smartphone per inviare messaggi, chattare, scattare selfie e guardare foto. #GUARDALASTRADA è la prima campagna di una Pubblica Amministrazione che vede l’uso esclusivo dei Social Network, che sono il principale canale di diffusione, con pianificazione sui media digitali attraverso le modalità del Precision Marketing, ovvero implementando una iper-targhettizzazione dei giovani tra i 18 e i 29 anni, i quali riceveranno post, twitter, video contro le distrazioni alla guida legate all’uso dello smartphone.

Il video – prodotto da Tapeless, diretto dai registi Marco Bellone e Giovanni Consonni, e girato presso le strutture del CSI (centro di certificazione e testing del gruppo IMQ) – ha impegnato, oltre a Francesco Mandelli e 2 attori, 30 addetti. Nel 2015, in Italia, ci sono stati, ogni giorno mediamente, 9 morti sulla strada. Nello stesso anno, gli incidenti stradali hanno complessivamente causato circa 3.400 morti e poco meno di 250.000 feriti. L’andamento indica, secondo quanto riferito da Enrico Pagliari, Responsabile per la Sicurezza Stradale di ACI,  una riduzione del numero di incidenti mentre il dato delle vittime è drammaticamente in controtendenza, con un aumento superiore all’1,0%. Per la prima volta in 15 anni si registra pertanto un’inversione del calo della mortalità, che per i neo patentati (primi 4 anni di guida) ha una incidenza quasi doppia rispetto ai guidatori più esperti.

Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Notizie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati