WP_Post Object ( [ID] => 292401 [post_author] => 36 [post_date] => 2016-07-27 19:47:26 [post_date_gmt] => 2016-07-27 17:47:26 [post_content] => È caccia all'uomo, a Milano, a un finto turista che prende a pugni i passanti dopo averli avvicinati chiedendo informazioni in inglese. Il teppista avrebbe già colpito otto volte in soli 20 giorni. L'ultimo caso è di oggi pomeriggio, in corso Lodi, nella zona sud della città, quando una Volante di passaggio è stata fermata da un 27enne che ha raccontato la stessa scena già registrata in altri sette recenti casi. Un giovane di circa 20-25 anni, di carnagione chiara o forse dell'Est europeo, alto circa 1,75 e longilineo, dai capelli castani, vestito in modo trasandato, che prima chiede un'informazione in inglese e poi spintona e sferra uno o due pugni al volto del malcapitato. Secondo la Questura, ha già colpito ieri e poi il 25, 22, 11 e 10 luglio. Tutte le vittime, sempre italiane, tra i 26 e 38 anni, sono finite in ospedale, per le percosse dell'individuo che si sposta in tutta la città. Altri due casi con modalità analoghe sarebbero al vaglio. Siamo, dunque, di fronte ad un caso di knockout game, il violento gioco Usa in cui si prendono a pugni persone a caso, in strada, o uno squilibrato isolato? Tutte le pattuglie delle forze dell'ordine lo cercano. I primi casi già nel 2014 e sembra che il "maledetto gioco" sia tornato in auge. A Milano una ragazza di 30 anni fu picchiata in piazzale Loreto. All'improvviso uno sconosciuto sbucò fuori da un'auto e le diede un pugno in faccia rompendole il naso. Per poi scappare. Nel 2014 furono segnalati casi anche a Roma, in Veneto, a Napoli e a Brescia. [post_title] => Knockout Game, il violento gioco made in Usa torna a Milano [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => closed [post_password] => [post_name] => knockout-game-il-violento-gioco-made-in-usa-torna-a-milano [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2016-07-27 19:47:26 [post_modified_gmt] => 2016-07-27 17:47:26 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => http://www.motorionline.com/?p=292401 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw [post_category] => 0 )

Knockout Game, il violento gioco made in Usa torna a Milano

Il teppista ha già colpito otto volte in venti giorni

Knockout Game - Un turista picchiatore che avvicina le vittime con la scusa di chiedere informazioni per poi aggredire i malcapitati. Il Knockout Game torna a spaventare Milano
Knockout Game, il violento gioco made in Usa torna a Milano

È caccia all’uomo, a Milano, a un finto turista che prende a pugni i passanti dopo averli avvicinati chiedendo informazioni in inglese. Il teppista avrebbe già colpito otto volte in soli 20 giorni.

L’ultimo caso è di oggi pomeriggio, in corso Lodi, nella zona sud della città, quando una Volante di passaggio è stata fermata da un 27enne che ha raccontato la stessa scena già registrata in altri sette recenti casi. Un giovane di circa 20-25 anni, di carnagione chiara o forse dell’Est europeo, alto circa 1,75 e longilineo, dai capelli castani, vestito in modo trasandato, che prima chiede un’informazione in inglese e poi spintona e sferra uno o due pugni al volto del malcapitato. Secondo la Questura, ha già colpito ieri e poi il 25, 22, 11 e 10 luglio. Tutte le vittime, sempre italiane, tra i 26 e 38 anni, sono finite in ospedale, per le percosse dell’individuo che si sposta in tutta la città. Altri due casi con modalità analoghe sarebbero al vaglio.

Siamo, dunque, di fronte ad un caso di knockout game, il violento gioco Usa in cui si prendono a pugni persone a caso, in strada, o uno squilibrato isolato? Tutte le pattuglie delle forze dell’ordine lo cercano. I primi casi già nel 2014 e sembra che il “maledetto gioco” sia tornato in auge. A Milano una ragazza di 30 anni fu picchiata in piazzale Loreto. All’improvviso uno sconosciuto sbucò fuori da un’auto e le diede un pugno in faccia rompendole il naso. Per poi scappare. Nel 2014 furono segnalati casi anche a Roma, in Veneto, a Napoli e a Brescia.

Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Notizie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati