WP_Post Object ( [ID] => 296529 [post_author] => 52 [post_date] => 2016-08-11 13:51:34 [post_date_gmt] => 2016-08-11 11:51:34 [post_content] => Nel 2018 le vetture di categoria TCR saranno incluse nella serie IMSA Continental Tire SportsCar Challenge e diversi costruttori hanno iniziato già a tastare il terreno, valutando ipotesi di entrata. Tra questi costruttori compare il nome della Mazda, già impegnata nella serie con la MX-5 in classe ST (Street Tuner) con diversi team privati. Secondo il Direttore di Mazda Motorsports, John Doonan, la casa giapponese potrebbe optare su una berlina a cinque porte costruita sulla base dei regolamenti della serie ideata lo scorso anno dall'ex promotore del FIA WTCC, Marcello Lotti, che attualmente vede la presenza della serie internazionale (International Series) ed a seguire in Europa, Asia ed America Centrale, che scatterà nel periodo autunnale. "Non abbiamo mai costruito delle vetture TCR, ma ci stiamo guardando intornoPenso che partire da zero, sviluppando la vettura, sarebbe un'impresa piuttosto costosa." - ha detto Doonan sul sito web sportscar365.com - "Non ho ancora visto nulla riguardo quella tipologia di auto e spero che l'IMSA possa mostrarcene una in occasione della Petit Le Mans nel mese di ottobre."

Inoltre, il Direttore spiega che, qualora si dovesse approdare nella serie, la berlina Mazda 3 risulterebbe la più indicata, mentre la Mazda 2 non verrà portata negli USA, anche a causa delle piccole dimensioni. "La Mazda 2 è troppo piccola e non la porteremo negli Stati Uniti, invece la Mazda 3 potrebbe essere un potenziale modello come punto di partenza ed anche dal punto di vista del marketing."

[post_title] => Mazda 3: futura versione TCR per la berlina giapponese? [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => closed [post_password] => [post_name] => mazda-3-futura-versione-tcr-per-la-berlina-giapponese [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2016-08-11 13:51:34 [post_modified_gmt] => 2016-08-11 11:51:34 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => http://www.motorionline.com/?p=296529 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw [post_category] => 0 )

Mazda 3: futura versione TCR per la berlina giapponese?

Nasce l'ipotesi di vederla al via del Continental Tire SportsCar Challenge nel 2018

Mazda 3: futura versione TCR per la berlina giapponese?

Nel 2018 le vetture di categoria TCR saranno incluse nella serie IMSA Continental Tire SportsCar Challenge e diversi costruttori hanno iniziato già a tastare il terreno, valutando ipotesi di entrata. Tra questi costruttori compare il nome della Mazda, già impegnata nella serie con la MX-5 in classe ST (Street Tuner) con diversi team privati.

Secondo il Direttore di Mazda Motorsports, John Doonan, la casa giapponese potrebbe optare su una berlina a cinque porte costruita sulla base dei regolamenti della serie ideata lo scorso anno dall’ex promotore del FIA WTCC, Marcello Lotti, che attualmente vede la presenza della serie internazionale (International Series) ed a seguire in Europa, Asia ed America Centrale, che scatterà nel periodo autunnale.

“Non abbiamo mai costruito delle vetture TCR, ma ci stiamo guardando intornoPenso che partire da zero, sviluppando la vettura, sarebbe un’impresa piuttosto costosa.” – ha detto Doonan sul sito web sportscar365.com – “Non ho ancora visto nulla riguardo quella tipologia di auto e spero che l’IMSA possa mostrarcene una in occasione della Petit Le Mans nel mese di ottobre.

Inoltre, il Direttore spiega che, qualora si dovesse approdare nella serie, la berlina Mazda 3 risulterebbe la più indicata, mentre la Mazda 2 non verrà portata negli USA, anche a causa delle piccole dimensioni. “La Mazda 2 è troppo piccola e non la porteremo negli Stati Uniti, invece la Mazda 3 potrebbe essere un potenziale modello come punto di partenza ed anche dal punto di vista del marketing.”

Mazda 3: futura versione TCR per la berlina giapponese?
3 (60%) 1 vote
Leggi altri articoli in Anticipazioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati