Icona Vision Gran Turismo: proposta di estrema virtual car [RENDERING]

Auto da corsa radicale

Icona Vision Gran Turismo - Uno studente di design francese ha realizzato un render che prova a dar forma alla Vision Gran Turismo firmata Icona, il brand che ha realizzato la supercar Vulcano. La virtual car dalle forme futuristiche ha esteticamente le carte in regola per approdare sul videogame Gran Turismo 6.

Dopo le numerose Vision Gran Turismo che abbiamo visto negli ultimi mesi realizzate da diverse Case automobilistiche che hanno sbizzarrito i loro design per creare le virtual car dedicate al racing game Gran Turismo 6, una nuova proposta c’arriva dal render di uno studente di design francese. Lui si chiama Julien Fesquet ed ha provato ad una immaginare una Vision GT firmata Icona, il costruttore della supercar Vulcano.

Come si evince dai disegni grafici che potete vedere nella gallery, la Icona Vision Gran Turismo immaginata si presenta in linea con quanto visto della altre virtual car realizzate per il noto videogame automobilistico. Fesquet ha disegnato una vettura decisamente futuristica, con un look radicale ed estremo che riconduce a linee non certo convenzionali dando forma a una vettura da corsa che per ovvi motivi non potrebbe ottenere l’omologazione per l’uso stradale.

Nella parte anteriore della Icona Vision GT sono stati montati due divisori taglienti che si estendono dal paraurti anteriore formando un muso “a lingua di serpente”. Il cofano corto scorre senza soluzione di continuità alla cabina di guida aperta dove trovano posto due sedili in uno spazio ristretto. Alle spalle dell’abitacolo è stato invece piazzato il motore, montato centralmente tra le ruote posteriori da dove parte una coda tragliente che si sviluppa verso l’alto e nella quale trovano spazio un grande spoiler e dei sottili fanali a LED.

Scopri le Offerte


    Trova l'auto giusta per te
    Compilando il presente form acconsento a ricevere le informazioni relative ai servizi che mi interessano ai sensi dell’Informativa Privacy
    Leggi altri articoli in Primo Piano

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Articoli correlati