Emissioni, la Germania accusa FCA in sede UE

Il Ministero dei trasporti tedesco: "Test irregolari sui motori diesel"

Emissioni FCA - Il Ministero dei trasporti tedesco scrive alla Commissione europea per denunciare l'utilizzo di dispositivi vietati per la misurazione delle emissioni inquinanti dei motori diesel da parte di FCA. L'accusa nasce da un test condotto dalla KBA su quattro modelli del costruttore italo-americano.
Emissioni, la Germania accusa FCA in sede UE

Mentre i dati sulle vendite in Europa continuano ad andare a gonfie e vele, FCA è chiamata a difendersi dalle accuse che arrivano dalla Germania in materia di emissioni. Il governo tedesco avrebbe infatti inviato una lettera alla Commissione europea con la quale denuncia Fiat Chrysler di utilizzare un sistema illegale per effettuare il controllo delle emissioni inquinanti sui motori diesel.

Secondo quanto scrive l’agenzia Afp che ha riportato la notizia, l’agenzia federale dell’automobile tedesca, la KBA, avrebbe condotto dei test su quattro modelli FCA, tra i quali ci sono la Fiat 500X, la Jeep Renegade e il Fiat Doblò, scoprendo che i sistemi di filtro delle emissioni inquinanti si disattivano dopo 22 minuti, vale a due due minuti dopo la durata standard dei test di controllo. Oltre quel periodo i livelli di ossido di azoto sprigionati nell’aria sarebbero superiori tra le 9 e le 15 volte rispetto ai limiti. Ciò basterebbe, secondo la KBA, a provare che FCA utilizza dei dispositivi vietati, come si legge nel documento del Ministero dei trasporti tedesco.

Con la lettera inviata alla Commissione europea la Germania vuole risollevare la questione dopo che già in primavera, a seguito dell’inchiesta nato dallo scandalo dieselgate della Volkswagen, aveva puntato il dito per irregolarità nei test di misurazione delle emissioni sia contro FCA che contro altre Case automobilistiche.

Scopri le Offerte



    Trova l'auto giusta per te
    Compilando il presente form acconsento a ricevere le informazioni relative ai servizi che mi interessano ai sensi dell’Informativa Privacy
    Leggi altri articoli in Ecologia

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Articoli correlati