La Google Car si fa più intelligente: ora riconosce le auto della polizia

Così potrà lasciare strada ai mezzi delle forze dell'ordine

Google Car - Google ha introdotto una novità sulla sua piccola vettura a guida autonoma: adesso è capace di riconoscere le vetture della polizia e di agire di conseguenza per non intralciarne la strada. Il merito è di un nuovo algoritmo che consente al software di bordo di distinguere gli effetti luminosi dei lampeggianti.
La Google Car si fa più intelligente: ora riconosce le auto della polizia

Il lavoro sull’evoluzione del prototipo della Google Car continua con l’obiettivo di rendere la piccola vettura a guida autonoma sviluppata dal colosso di Mountain View sempre più “intelligente”.

Adesso la Google Car, dopo aver imparato a far suonare il clacson, è in grado di riconoscere automaticamente le auto della polizia, in modo tale da non ostacolarne il passaggio durante le situazioni di emergenza in cui è necessario lasciare strada ai mezzi delle forze dell’ordine.

A spiegare come funziona il nuovo sistema utilizzato da Big G per la sua vettura è un brevetto depositato di recente che illustra come, grazie a un sofisticato algoritmo, il software di bordo riesce a identificare e distinguere le auto della polizia grazie agli effetti luminosi dei lampeggianti, agendo di conseguenza: o si sposta per lasciare passare i mezzi o accosta in caso di necessarie verifiche. Lavorando sullo stesso algoritmo la Google Car presto sarà in grado di riconoscere anche le ambulanze e tutti gli altri veicoli dotati di lampeggiante.

Finora le Google Car hanno percorso quasi 5 milioni di chilometri durante i test, di cui più della metà in modalità autonoma. Le vetture della Silicon Valley, che fino a agli ultimi dati diffusi vanta una flotta che comprende 24 Lexus RX 450h e 34 prototipi koala, continuano ad effettuare le loro prove sulle strade di Mountain View, Austin, Kirkland e Phoenix.

Scopri le Offerte



    Trova l'auto giusta per te
    Compilando il presente form acconsento a ricevere le informazioni relative ai servizi che mi interessano ai sensi dell’Informativa Privacy
    Leggi altri articoli in Anticipazioni

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Articoli correlati