WP_Post Object ( [ID] => 307379 [post_author] => 40 [post_date] => 2016-09-11 19:08:45 [post_date_gmt] => 2016-09-11 17:08:45 [post_content] => Un ritmo tutto assaporato di traverso. Dalle gomme posteriori si sollevano nubi che testimoniano l'arte del drift, mentre il suono tagliente del motore asseconda il movimento del piede, delle mani, dei veloci cambi di marcia che scandiscono un'irosa progressione. La speciale Mazda MX-5 chiamata RADBUL, guidata dall'esperto neozelandese Mike Whiddett, è protagonista in un video dedicato, che appare come un inno alla disciplina motoristica. L'esperto neozelandese, soprannominato “Mad Mike”, sprona la potenza di 1000 cavalli generato dal propulsore si questa speciale Mazda MX-5 di precedente generazione, dotata di una livrea bicolore da competizione. Ad accentuare la natura corsaiola del mezzo ci sono una serie di aspetti tipici di un'auto da corsa. Un abitacolo essenziale, come la strumentazione. I muscolosi roll-bar posteriori completano una cellula di sicurezza cucita attorno al pilota e altri particolari che convergono verso un alleggerimento di peso, suggeriscono una ricerca del massimo equilibrio tra sicurezza e prestazioni. Sedile sportivo e cinture da corsa si intravedono all'interno di un abitacolo scavato e snello, dotato di protezioni a vista; mentre nella zona posteriore troneggia un enorme alettone, che completa una configurazione aerodinamica estrema e funzionale. Il suono del motore non abbandona mai e si fa più acuto o altalenante in base alle manovre. Comunque resta incalzante, inondante di fumi e stridii che riempiono i tratti della pista, sino a un inaspettato colpo di scena, dove effetti speciali e tecnica vivono in un idillio fantascientifico che collimano con un'auto improvvisamente sezionata per breve tempo, prima che le varie componenti tornino al loro posto e assieme a loro torni imperante ancora un po' l'energico suono del drift. Video: Mazda Saudi Arabia [post_title] => Mazda MX-5: la RADBUL di Mike Whiddett e l'energia del drift [VIDEO] [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => closed [post_password] => [post_name] => mazda-mx-5-la-radbul-di-mike-whiddett-e-lenergia-del-drift-video [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2016-09-11 19:08:45 [post_modified_gmt] => 2016-09-11 17:08:45 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => http://www.motorionline.com/?p=307379 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw [post_category] => 0 )

Mazda MX-5: la RADBUL di Mike Whiddett e l’energia del drift [VIDEO]

L'arte del traverso ad alte sonorità

Mazda MX-5 RADBUL e Mike Whiddett – Spettacolare video che mette in evidenza il tasso adrenalinico e l'essenza del drift, grazie alla elaborata vettura del pilota neozelandese
Mazda MX-5: la RADBUL di Mike Whiddett e l’energia del drift [VIDEO]

Un ritmo tutto assaporato di traverso. Dalle gomme posteriori si sollevano nubi che testimoniano l’arte del drift, mentre il suono tagliente del motore asseconda il movimento del piede, delle mani, dei veloci cambi di marcia che scandiscono un’irosa progressione. La speciale Mazda MX-5 chiamata RADBUL, guidata dall’esperto neozelandese Mike Whiddett, è protagonista in un video dedicato, che appare come un inno alla disciplina motoristica.

L’esperto neozelandese, soprannominato “Mad Mike”, sprona la potenza di 1000 cavalli generato dal propulsore si questa speciale Mazda MX-5 di precedente generazione, dotata di una livrea bicolore da competizione. Ad accentuare la natura corsaiola del mezzo ci sono una serie di aspetti tipici di un’auto da corsa. Un abitacolo essenziale, come la strumentazione. I muscolosi roll-bar posteriori completano una cellula di sicurezza cucita attorno al pilota e altri particolari che convergono verso un alleggerimento di peso, suggeriscono una ricerca del massimo equilibrio tra sicurezza e prestazioni. Sedile sportivo e cinture da corsa si intravedono all’interno di un abitacolo scavato e snello, dotato di protezioni a vista; mentre nella zona posteriore troneggia un enorme alettone, che completa una configurazione aerodinamica estrema e funzionale.

Il suono del motore non abbandona mai e si fa più acuto o altalenante in base alle manovre. Comunque resta incalzante, inondante di fumi e stridii che riempiono i tratti della pista, sino a un inaspettato colpo di scena, dove effetti speciali e tecnica vivono in un idillio fantascientifico che collimano con un’auto improvvisamente sezionata per breve tempo, prima che le varie componenti tornino al loro posto e assieme a loro torni imperante ancora un po’ l’energico suono del drift.

Video: Mazda Saudi Arabia

Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati