WP_Post Object ( [ID] => 307392 [post_author] => 40 [post_date] => 2016-09-12 13:46:58 [post_date_gmt] => 2016-09-12 11:46:58 [post_content] => Un percorso che parte dal 1919 sino ai nostri giorni. Citroën Origins rappresenta un grande racconto virtuale che sintetizza la storia del marchio. Collegandosi al portale www.citroenorigins.fr, ci si trova di fronte a circa cinquanta modelli che costituiscono un suggestivo cammino che accompagna alla scoperta di diverse tra le più rappresentative vetture del marchio di Parigi. Si tratta, come segnalato dalla casa, di una “esperienza immersiva a 360°”, ricca non solo di immagini e testi, ma anche di suoni che permettano di identificare e differenziare il veicolo e l'epoca a cui è legato. Si percorre una gita virtuale, facendosi sedurre dalle caratteristiche tecniche ed estetiche della originaria Type A, passando per modelli altamente famosi e riconoscibili come la storica 2 CV o la Méhari, ma anche vetture emozionanti dal punto di vista sportivo come la particolare ZX Rallye Raid, sino a modelli altrettanto recenti come la GS, la XM, la Xsara Picasso e persino l'ultimissima C3, la nuova compatta aggiornata nello stile e nei contenuti. Come segnalato, il portale consente non solo di avere una panoramica a 360° gradi dei vari modelli, sia all'interno che all'esterno della vettura, ma sono presenti in panoramiche arricchite da una musica dedicata al periodo, che consentano un'ulteriore comprensione del contesto in cui era stata originata l'auto e lo stile legato a un particolare periodo, che possano essere gli Anni Cinquanta o gli Anni Settanta. Tra gli altri aspetti è possibile consultare le brochure originali delle diverse vetture, per ammirarne foto ufficiali e coglierne i specifici aspetti e tra le cose più succulente, ascoltare non solo il suono dei propulsori, ma anche degli indicatori di direzione o delle sospensioni. Un viaggio, quindi, in più direzioni a bordo di più Citroën. [post_title] => Citroën Origins: un'immersione nella storia del doppio Chevron [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => closed [post_password] => [post_name] => citroen-origins-unimmersione-nella-storia-del-doppio-chevron [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2016-09-12 13:46:58 [post_modified_gmt] => 2016-09-12 11:46:58 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => http://www.motorionline.com/?p=307392 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw [post_category] => 0 )

Citroën Origins: un’immersione nella storia del doppio Chevron

Un museo virtuale dedicato alla casa francese

Citroën Origins – Presente sul web una vetrina che consente di ammirare alcune delle iconiche vetture del marchio transalpino
Citroën Origins: un’immersione nella storia del doppio Chevron

Un percorso che parte dal 1919 sino ai nostri giorni. Citroën Origins rappresenta un grande racconto virtuale che sintetizza la storia del marchio.

Collegandosi al portale www.citroenorigins.fr, ci si trova di fronte a circa cinquanta modelli che costituiscono un suggestivo cammino che accompagna alla scoperta di diverse tra le più rappresentative vetture del marchio di Parigi. Si tratta, come segnalato dalla casa, di una “esperienza immersiva a 360°”, ricca non solo di immagini e testi, ma anche di suoni che permettano di identificare e differenziare il veicolo e l’epoca a cui è legato.

Si percorre una gita virtuale, facendosi sedurre dalle caratteristiche tecniche ed estetiche della originaria Type A, passando per modelli altamente famosi e riconoscibili come la storica 2 CV o la Méhari, ma anche vetture emozionanti dal punto di vista sportivo come la particolare ZX Rallye Raid, sino a modelli altrettanto recenti come la GS, la XM, la Xsara Picasso e persino l’ultimissima C3, la nuova compatta aggiornata nello stile e nei contenuti.

Come segnalato, il portale consente non solo di avere una panoramica a 360° gradi dei vari modelli, sia all’interno che all’esterno della vettura, ma sono presenti in panoramiche arricchite da una musica dedicata al periodo, che consentano un’ulteriore comprensione del contesto in cui era stata originata l’auto e lo stile legato a un particolare periodo, che possano essere gli Anni Cinquanta o gli Anni Settanta.
Tra gli altri aspetti è possibile consultare le brochure originali delle diverse vetture, per ammirarne foto ufficiali e coglierne i specifici aspetti e tra le cose più succulente, ascoltare non solo il suono dei propulsori, ma anche degli indicatori di direzione o delle sospensioni. Un viaggio, quindi, in più direzioni a bordo di più Citroën.

Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati