WP_Post Object ( [ID] => 319797 [post_author] => 24 [post_date] => 2016-10-01 13:03:15 [post_date_gmt] => 2016-10-01 11:03:15 [post_content] => La mobilità elettrica al Salone di Parigi 2016 ha per protagonista di primo piano la Mercedes. La Casa di Stoccarda si è presentata alla kermesse transalpina con un interessante novità in anteprima: la Generation EQ. Si tratta di una concept car che mescola la massima evoluzione della tecnologia della Stella con lo sviluppo che Mercedes è riuscito a ottenere finora in tema di alimentazione elettrica. Nonostante la show car presenti una serie di soluzioni pensate per la mobilità del domani, molte delle sue applicazioni sembrano esser pronte per fare il loro ingresso nella produzione Mercedes già nell'immediato. Con i tratti da SUV sportivo compatto, definita dalla Stella una coupé, la show car Generation EQ si fa promotrice di una nuova serie di modelli a zero emissioni, dunque ha il compito di prefigurare una nuova generazione di veicoli a batterie. Sotto il profilo dell'architettura, la nuova Mercedes Generation EQ prende forma su una nuova piattaforma modulare progettata ad hoc per le vetture elettriche. Sarà proprio questo nuovo pianale a rappresentare la base concreta sulla quale sviluppare l'intera nuova gamma di auto elettriche che Mercedes ha già anticipato, citando le configurazioni SUV, berline e coupé. L'estetica della Generation EQ non è così radicale come spesso accade per le concept car, il suo design appare adattabile su una vettura di serie pur non mancando alcune scelte stilistiche innovative come il frontale inglobato in una superficie trasparente che lascia vedere calandra e fari delimitati da un'elegante fila di LED blu. Soluzione che troviamo anche sulla coda e all'interno, sulla plancia della vettura, e che Mercedes ha battezzato col nome di "electro look", con la luce blu a contornare i diversi elementi dell'auto. La Generation EQ è inevitabilmente ricca di tecnologia come quella che si evince dalla presenza delle telecamere che sostituiscono gli specchietti esterni, le porte prive di maniglie ma con comandi elettronici telecomandati, del grande display da 24 pollici sulla plancia che funge sia da quadro strumenti che sistema d'infotainment. Tra i dispositivi montati sulla concept sono numerosi quelli rivolti all'assistenza di guida, suggerendo che l'obiettivo finale evolutivo è quello di integrare sistemi di guida autonoma o semi-autonoma su questo tipo di veicoli. A muovere la Mercedes Generation EQ troviamo due motori elettrici in grado di sviluppare complessivamente più di 400 CV e 700 Nm di coppia massima. Tutto questo è accompagnato da un'autonomia di 500 chilometri e da prestazioni non indifferenti: 0-100 km/h in meno di 5 secondi. La vettura è dotata di sistema di trazione integrale costruito in maniera indipendente attorno ai due motori. L'auto fa dunque a meno degli alberi di trasmissione, fattore che contribuisce in maniera notevole nel contenimento del peso. [post_title] => Mercedes Generation EQ, a Parigi il futuro elettrico della Stella [FOTO e VIDEO LIVE] [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => closed [post_password] => [post_name] => mercedes-generation-eq-a-parigi-il-futuro-elettrico-della-stella-foto-e-video-live [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2016-10-01 13:04:11 [post_modified_gmt] => 2016-10-01 11:04:11 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => http://www.motorionline.com/?p=319797 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw [post_category] => 0 )

Mercedes Generation EQ, a Parigi il futuro elettrico della Stella [FOTO e VIDEO LIVE]

Produce 400 CV di potenza, garantendo 500 km d'autonomia

Mercedes Generation EQ Concept - Mercedes sceglie la kermesse di Parigi per mostrare la show car che segna la strada della nuova gamma di modelli elettrici della Stella. La Generation EQ propone innovative soluzioni stilistiche e tecniche. Monte due motori elettrici per una potenza complessiva di 400 CV a fronte di un'autonomia di 500 chilometri.

La mobilità elettrica al Salone di Parigi 2016 ha per protagonista di primo piano la Mercedes. La Casa di Stoccarda si è presentata alla kermesse transalpina con un interessante novità in anteprima: la Generation EQ. Si tratta di una concept car che mescola la massima evoluzione della tecnologia della Stella con lo sviluppo che Mercedes è riuscito a ottenere finora in tema di alimentazione elettrica.

Nonostante la show car presenti una serie di soluzioni pensate per la mobilità del domani, molte delle sue applicazioni sembrano esser pronte per fare il loro ingresso nella produzione Mercedes già nell’immediato. Con i tratti da SUV sportivo compatto, definita dalla Stella una coupé, la show car Generation EQ si fa promotrice di una nuova serie di modelli a zero emissioni, dunque ha il compito di prefigurare una nuova generazione di veicoli a batterie.

Sotto il profilo dell’architettura, la nuova Mercedes Generation EQ prende forma su una nuova piattaforma modulare progettata ad hoc per le vetture elettriche. Sarà proprio questo nuovo pianale a rappresentare la base concreta sulla quale sviluppare l’intera nuova gamma di auto elettriche che Mercedes ha già anticipato, citando le configurazioni SUV, berline e coupé.

L’estetica della Generation EQ non è così radicale come spesso accade per le concept car, il suo design appare adattabile su una vettura di serie pur non mancando alcune scelte stilistiche innovative come il frontale inglobato in una superficie trasparente che lascia vedere calandra e fari delimitati da un’elegante fila di LED blu. Soluzione che troviamo anche sulla coda e all’interno, sulla plancia della vettura, e che Mercedes ha battezzato col nome di “electro look”, con la luce blu a contornare i diversi elementi dell’auto.

La Generation EQ è inevitabilmente ricca di tecnologia come quella che si evince dalla presenza delle telecamere che sostituiscono gli specchietti esterni, le porte prive di maniglie ma con comandi elettronici telecomandati, del grande display da 24 pollici sulla plancia che funge sia da quadro strumenti che sistema d’infotainment. Tra i dispositivi montati sulla concept sono numerosi quelli rivolti all’assistenza di guida, suggerendo che l’obiettivo finale evolutivo è quello di integrare sistemi di guida autonoma o semi-autonoma su questo tipo di veicoli.

A muovere la Mercedes Generation EQ troviamo due motori elettrici in grado di sviluppare complessivamente più di 400 CV e 700 Nm di coppia massima. Tutto questo è accompagnato da un’autonomia di 500 chilometri e da prestazioni non indifferenti: 0-100 km/h in meno di 5 secondi. La vettura è dotata di sistema di trazione integrale costruito in maniera indipendente attorno ai due motori. L’auto fa dunque a meno degli alberi di trasmissione, fattore che contribuisce in maniera notevole nel contenimento del peso.

Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Anticipazioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati