WP_Post Object ( [ID] => 319909 [post_author] => 51 [post_date] => 2016-10-03 11:09:35 [post_date_gmt] => 2016-10-03 09:09:35 [post_content] => BMW i3 94 Ah – Uno dei temi principali del Salone di Parigi 2016 che si sta svolgendo in questi giorni è quello della mobilità ecosostenibile e quindi della maggiore diffusione delle auto elettriche. Fino ad oggi uno dei problemi maggiori che tutti i costruttori di auto elettriche si sono trovati ad affrontare è stato quello dell'autonomia di questo tipo di vetture: la poca autonomia disponibile e la mancanza di molti punti di ricarica fino ad ora, infatti, hanno giocato a sfavore della diffusione delle vetture elettriche. Ma da oggi quello dell'ansia da ricarica potrebbe non essere più un problema. Un esempio ne è la rinnovata BMW i3 che porta al debutto una serie di novità tecniche atte a migliorare le prestazioni soprattutto per ciò che concerne l'autonomia. La sigla "94 Ah" in aggiunta al nome i3 racchiude per l'appunto la novità che contraddistingue l'elettrica di Monaco: 94 Ah rappresenta la maggiore densità di accumulo delle celle aglio ioni di litio in luogo dei precedenti 60 Ah. La maggiore densità, unita alla nuova e più potente batteria da 33 kWh al posto di quella da 22 kWh, ha permesso di raggiungere un aumento dell'autonomia di oltre il 50%: dai precedenti 190 km si è così passati a ben 300 km. Un risultato davvero ragguardevole che permetterebbe alla casa di monaco di commercializzare una delle vetture elettriche con la maggiore autonomia disponibile sul mercato. Ma c'è dell'altro: sempre grazie al classico range extender, il motore due cilindri benzina da 38 cv che mantiene costante la carica della batteria durante la marcia, l'autonomia può essere "allungata" di ulteriori 150 km consentendo così un'autonomia totale di addirittura 450 km. Fermo restando l'aumento dell'autonomia, la BMW i3 94 Ah fa segnare prestazioni velocistiche di tutto rispetto: il motore elettrico sincrono ibrido da 170 cv dà modo di accelerare da 0 a 100 km/h in 7,3 secondi e di riprendere da 80 a 120 km/h in 5,1 secondi. Inoltre a livello di consumi, la nuova BMW i3 94 Ah evidenzia un'efficienza invidiabile registrando un consumo di 12,6 kWh/100 km. Miglioramenti anche per ciò che concerne la fase di ricarica che, a fronte dell'aumento della capacità della batteria, fa segnare un tempo di ricarica inferiore a tre ore con corrente di carica di 7,4 kWh. Infine, per tutti coloro che già hanno la precedente i3 60 Ah, BMW ha creato l'operazione Retrofit con cui darà la possibilità agli acquirenti di sostituire la vecchia batteria con la nuova. [post_title] => BMW i3 94 Ah: al Salone di Parigi 2016 con la nuova batteria da 33 kWh [FOTO e VIDEO LIVE] [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => closed [post_password] => [post_name] => bmw-i3-94-ah-al-salone-di-parigi-2016-con-la-nuova-batteria-da-33-kwh-foto-e-video-live [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2016-10-03 11:09:35 [post_modified_gmt] => 2016-10-03 09:09:35 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => http://www.motorionline.com/?p=319909 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw [post_category] => 0 )

BMW i3 94 Ah: al Salone di Parigi 2016 con la nuova batteria da 33 kWh [FOTO e VIDEO LIVE]

L'autonomia passa da 190 a 300 km. 450 km col range extender.

BMW i3 94 Ah – Uno dei temi principali del Salone di Parigi 2016 che si sta svolgendo in questi giorni è quello della mobilità ecosostenibile e quindi della maggiore diffusione delle auto elettriche. Fino ad oggi uno dei problemi maggiori che tutti i costruttori di auto elettriche si sono trovati ad affrontare è stato quello dell’autonomia di questo tipo di vetture: la poca autonomia disponibile e la mancanza di molti punti di ricarica fino ad ora, infatti, hanno giocato a sfavore della diffusione delle vetture elettriche. Ma da oggi quello dell’ansia da ricarica potrebbe non essere più un problema. Un esempio ne è la rinnovata BMW i3 che porta al debutto una serie di novità tecniche atte a migliorare le prestazioni soprattutto per ciò che concerne l’autonomia.

La sigla “94 Ah” in aggiunta al nome i3 racchiude per l’appunto la novità che contraddistingue l’elettrica di Monaco: 94 Ah rappresenta la maggiore densità di accumulo delle celle aglio ioni di litio in luogo dei precedenti 60 Ah. La maggiore densità, unita alla nuova e più potente batteria da 33 kWh al posto di quella da 22 kWh, ha permesso di raggiungere un aumento dell’autonomia di oltre il 50%: dai precedenti 190 km si è così passati a ben 300 km. Un risultato davvero ragguardevole che permetterebbe alla casa di monaco di commercializzare una delle vetture elettriche con la maggiore autonomia disponibile sul mercato. Ma c’è dell’altro: sempre grazie al classico range extender, il motore due cilindri benzina da 38 cv che mantiene costante la carica della batteria durante la marcia, l’autonomia può essere “allungata” di ulteriori 150 km consentendo così un’autonomia totale di addirittura 450 km.

Fermo restando l’aumento dell’autonomia, la BMW i3 94 Ah fa segnare prestazioni velocistiche di tutto rispetto: il motore elettrico sincrono ibrido da 170 cv dà modo di accelerare da 0 a 100 km/h in 7,3 secondi e di riprendere da 80 a 120 km/h in 5,1 secondi. Inoltre a livello di consumi, la nuova BMW i3 94 Ah evidenzia un’efficienza invidiabile registrando un consumo di 12,6 kWh/100 km. Miglioramenti anche per ciò che concerne la fase di ricarica che, a fronte dell’aumento della capacità della batteria, fa segnare un tempo di ricarica inferiore a tre ore con corrente di carica di 7,4 kWh. Infine, per tutti coloro che già hanno la precedente i3 60 Ah, BMW ha creato l’operazione Retrofit con cui darà la possibilità agli acquirenti di sostituire la vecchia batteria con la nuova.

Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Anticipazioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati