WP_Post Object ( [ID] => 320575 [post_author] => 8 [post_date] => 2016-10-04 11:41:43 [post_date_gmt] => 2016-10-04 09:41:43 [post_content] => La tecnologia è sempre più parte integrante delle nostre auto, specie se prendiamo in considerazione un colosso del settore come BMW. Da ormai dieci anni il Training Center posizionato a San Donato Milanese, come suggerisce il nome alle porte di Milano, addestra i tecnici della casa bavarese per essere sempre aggiornati e competenti sulle ultime feature montate sulle auto del marchio, con sistemi all'avanguardia che comprendono persino l'Oculus VR di Samsung. In particolare la nuova BMW Serie 7 è un vero scrigno hi-tech, con il meglio che la tecnologia del marchio possa offrire. Ecco perché in occasione del primo decennale della struttura abbiamo avuto proprio l’occasione di metterci brevemente alla guida dell’ammiraglia bavarese, andando a toccare con mano quella qualità che ha già coinvolto più di 40.000 appassionati per le celebrazioni dei 100 anni di BMW al Next 100 Festival. Quali sono le caratteristiche hi-tech principali della BMW Serie 7? Ovviamente in questo caso è impossibile non iniziare a parlare della guida autonoma, che per quanto come concetto in sé possa far storcere il naso a molti, soprattutto a coloro che ancora si divertono a mettersi al volante della propria auto, in realtà è fondamentale per creare delle tecnologie che non si sostituiscano al guidatore, bensì che ne facilitino la vita a bordo e su strada. Stiamo parlando dei sistemi BMW Driver Assistance, che comprendono tecnologie già conosciute, riunendole in un insieme che permette “quasi” alla vettura di guidare da sola. Il cruise control adattivo, unito al controllo di corsia con correzione fisica del volante, su autostrada diventa un compagno di viaggio fondamentale, senza dimenticare i controlli di angolo cieco e sorpasso. La tecnologia di BMW, però, non è solamente a bodo. La casa ha mostrato anche i suoi nuovi sistemi BMW Connected Drive, che sulla Serie 7 comprendono il sistema di infotainment completamente connesso a Internet grazie alla SIM card inclusa, senza scordare la nuova BMW Connected App che racchiude in sé tutte le funzioni che un tempo erano isolate in vari software separati. Dal condizionatore all’invio dell’indirizzo del navigatore. Tutto ciò è stato possibile grazie all’Open Mobility Cloud, il sistema di archiviazione dati online che permettono di mettere in collegamento non solo l’auto e lo smartphone, ma anche qualsiasi computer o elettrodomestico (domotico) collegato alla rete. bmw-innovation-day-2016-27 Al Training Center di BMW, però, non vengono addestrati solo i tecnici, ma vengono affinate ed elevate le competenze di un grande numero di figure professionali, tra cui il “BMW Genius”. Chi ha esperienza dei negozi di informatica della Apple potrà ben immaginare di cosa stiamo parlando: un esperto che segue il cliente in tutte le fasi della scelta e dell’acquisto della vettura, fornendo sostegno, opinioni, informazioni e senza mai idealmente spingere a tutti i costi il cliente verso l’acquisto. Tutto ciò in modo da garantire un ambiente sereno e privo di pressioni nei concessionari BMW. Al momento ci sono 80 BMW Genius in Italia e altri 30 sono in addestramento. Solamente un altro degli aspetti dell’auto del futuro celebrati al BMW Innovation Day 2016. [post_title] => BMW Innovation Day 2016, con la Serie 7 alla scoperta del futuro [FOTO] [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => closed [post_password] => [post_name] => bmw-innovation-day-2016-con-la-serie-7-alla-scoperta-del-futuro-foto [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2016-10-04 11:41:43 [post_modified_gmt] => 2016-10-04 09:41:43 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => http://www.motorionline.com/?p=320575 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw [post_category] => 0 )

BMW Innovation Day 2016, con la Serie 7 alla scoperta del futuro [FOTO]

Dal Genius alla guida autonoma

Al BMW Innovation Day 2016 la casa bavarese ha presentato tutte le sue tecnologie, non solo dedicate al Training Center che compie ufficialmente dieci anni, ma anche quelle riservate alle vetture più raffinate come le nuove Serie 7 e Serie 3 GT, con figure professionali come il BMW Genius e sistemi di guida autonoma
BMW Innovation Day 2016, con la Serie 7 alla scoperta del futuro [FOTO]

La tecnologia è sempre più parte integrante delle nostre auto, specie se prendiamo in considerazione un colosso del settore come BMW. Da ormai dieci anni il Training Center posizionato a San Donato Milanese, come suggerisce il nome alle porte di Milano, addestra i tecnici della casa bavarese per essere sempre aggiornati e competenti sulle ultime feature montate sulle auto del marchio, con sistemi all’avanguardia che comprendono persino l’Oculus VR di Samsung. In particolare la nuova BMW Serie 7 è un vero scrigno hi-tech, con il meglio che la tecnologia del marchio possa offrire. Ecco perché in occasione del primo decennale della struttura abbiamo avuto proprio l’occasione di metterci brevemente alla guida dell’ammiraglia bavarese, andando a toccare con mano quella qualità che ha già coinvolto più di 40.000 appassionati per le celebrazioni dei 100 anni di BMW al Next 100 Festival.

Quali sono le caratteristiche hi-tech principali della BMW Serie 7? Ovviamente in questo caso è impossibile non iniziare a parlare della guida autonoma, che per quanto come concetto in sé possa far storcere il naso a molti, soprattutto a coloro che ancora si divertono a mettersi al volante della propria auto, in realtà è fondamentale per creare delle tecnologie che non si sostituiscano al guidatore, bensì che ne facilitino la vita a bordo e su strada. Stiamo parlando dei sistemi BMW Driver Assistance, che comprendono tecnologie già conosciute, riunendole in un insieme che permette “quasi” alla vettura di guidare da sola. Il cruise control adattivo, unito al controllo di corsia con correzione fisica del volante, su autostrada diventa un compagno di viaggio fondamentale, senza dimenticare i controlli di angolo cieco e sorpasso.

La tecnologia di BMW, però, non è solamente a bodo. La casa ha mostrato anche i suoi nuovi sistemi BMW Connected Drive, che sulla Serie 7 comprendono il sistema di infotainment completamente connesso a Internet grazie alla SIM card inclusa, senza scordare la nuova BMW Connected App che racchiude in sé tutte le funzioni che un tempo erano isolate in vari software separati. Dal condizionatore all’invio dell’indirizzo del navigatore. Tutto ciò è stato possibile grazie all’Open Mobility Cloud, il sistema di archiviazione dati online che permettono di mettere in collegamento non solo l’auto e lo smartphone, ma anche qualsiasi computer o elettrodomestico (domotico) collegato alla rete.

bmw-innovation-day-2016-27

Al Training Center di BMW, però, non vengono addestrati solo i tecnici, ma vengono affinate ed elevate le competenze di un grande numero di figure professionali, tra cui il “BMW Genius”. Chi ha esperienza dei negozi di informatica della Apple potrà ben immaginare di cosa stiamo parlando: un esperto che segue il cliente in tutte le fasi della scelta e dell’acquisto della vettura, fornendo sostegno, opinioni, informazioni e senza mai idealmente spingere a tutti i costi il cliente verso l’acquisto. Tutto ciò in modo da garantire un ambiente sereno e privo di pressioni nei concessionari BMW. Al momento ci sono 80 BMW Genius in Italia e altri 30 sono in addestramento. Solamente un altro degli aspetti dell’auto del futuro celebrati al BMW Innovation Day 2016.

Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Notizie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati