Infrastrutture per elettriche e ricarica rapida: maxi joint venture tra cinque colossi dell’automotive

BMW, Ford, Daimler, Audi e Porsche si mettono insieme

Joint venture ricarica rapida auto elettriche - A partire dal prossimo anno verranno installate 400 colonnine di ricarica rapida in Europa, puntando a migliaia di stazioni entro il 2020. E' questo uno degli obiettivi della nuova grande joint venture realizzata da BMW, Ford, Daimler, Audi e Porsche. Un'intesa, aperta ad altre Case e aziende, che potrebbe far svoltare il mercato delle auto elettriche.
Infrastrutture per elettriche e ricarica rapida: maxi joint venture tra cinque colossi dell’automotive

Cinque grandi costruttori dell’automotive, BMW, Ford, il Gruppo Daimler e il Gruppo Volkswagen con i marchi Audi e Porsche, hanno annunciato la creazione una maxi joint venture per la realizzazione della diffusione capillare delle colonnine di ricarica rapida in Europa, con potenze fino a 350 kW. L’iniziativa che ha l’obiettivo di aprire almeno 400 stazioni a partire dal prossimo anno potrebbe rappresentare una svolta storica per la spinta del mercato delle auto elettriche.

L’intesa, alla quale le cinque Case automobilistiche prendono parte con quote uguali, è aperta ad altri costruttori e ad aziende partner, di cui anzi viene incoraggiata la partecipazione. In attesa che le autorità regolatorie competenti approvino la nuova realtà industriale, i cinque costruttori dell’automotive spiegano che sotto il profilo tecnico l’accordo prevede lo sfruttamento della tecnologia SAE CCS (Combo Charging System) già utilizzata da BMW, Volkswagen e altri. Si punta al potenziamento di tale tecnologia arrivando a 350 kW con le vetture elettriche che nei prossimi anni sono destinate ad adeguarsi a questa potenza di ricarica ultra rapida che al momento, per gli standard delle auto elettriche attualmente sul mercato, è eccessiva e non compatibile.

Le 400 colonnine di ricarica rapida previste dalla nuova joint venture saranno installate sul territorio europeo a partire dal 2017, con l’obiettivo di arrivare ad una copertura di “migliaia” di stazioni di ricarica entro il 2020. I nuovi punti di ricarica potranno essere utilizzati da auto elettriche e ibride plug-in di tutte le marche, previo utilizzo dei connettori CCS sulle vetture.

Del resto la joint venture non rappresenta altro che un “unire le forze” da parte di Case automobilistiche che per i prossimi anni hanno importanti strategie d’elettrificazione della gamma. Gli ingenti investimenti di questi cinque grandi costruttori sulle auto elettriche e ibride plug-in spiegano l’impegno degli stessi nella realizzazione delle infrastrutture necessarie, come le colonnine di ricarica rapida, per spingere la mobilità verso lo standard delle “emissioni zero”.

Scopri le Offerte


    Trova l'auto giusta per te
    Compilando il presente form acconsento a ricevere le informazioni relative ai servizi che mi interessano ai sensi dell’Informativa Privacy
    Leggi altri articoli in Ecologia

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Articoli correlati