WP_Post Object ( [ID] => 341812 [post_author] => 40 [post_date] => 2016-12-04 19:44:27 [post_date_gmt] => 2016-12-04 18:44:27 [post_content] => I motori V12 ridestano le sensazioni di Daytona, riparlano di una storia o ne raccontano una nuova, proiettandola con la stessa forza del vento. In occasione delle Finali Mondiali 2016, le più prestigiose monoposto e vetture Ferrari calcano l'asfalto di Daytona e, uno dei luoghi leggendari della velocità internazionale, torna ad essere patria della “passione rossa”. La FXX K, visibile in diversi esemplari rivestiti di varie e suggestive livree, conta sulla potenza di un spinta di un sistema ibrido, gestito tramite una tecnologia raffinata, caratterizzata da una trasmissione sette rapporti di tipo F1 doppia frizione, e un dispositivo HY-KERS, oltre a quattro mappature collegate a un manettino legato al volante: Qualify che in un numero limitato di tornate consente di ottenere il massimo della potenza; Long Run indirizzata sulla gestione del ritmo di marcia; Manual Boost che richiama il massimo grado di coppia e Fast Charge, per una ricarica più rapida della batteria. Sotto la linea affilata e aerodinamica, arricchita di componenti mobili e elementi a supporto dell'incremento di carico, è presente un V12 di 6.3 litri da 860 cavalli (641 kW) abbinato a un motore elettrico da 190 cavalli (142 kW), che producono complessivamente una spinta di 1.050 cavalli di potenza e oltre 900 Nm di coppia, a fronte di un peso a secco segnalato di circa 1.255 kg. Dati che suggeriscono prestazioni altisonanti. Come altrettanto esaltante è il suono generato dal V12 con bancate da 65°, basato sul propulsore sviluppato per la monoposto F92 A, che nel lontano 1993, in previsione della stagione IMSA del 1994, è stato introdotto sulla vettura Sport F333 SP, che ricalca questo manto dopo diverso tempo. Un'altra protagonista, assieme alle note monoposto Ferrari, sul leggendario asfalto statunitense. Vettura caratterizzata da forme estreme e snelle, una visione bassa e funzionale alla massimizzazione delle prestazioni, animata dal citato propulsore di 4.0 litri, caratterizzato da 5 valvole per cilindro, capace di generare circa 650 cavalli di potenza. Video: Ferrari [post_title] => Ferrari Finali Mondiali 2016: FXX K e F333 SP tra le leggende Rosse della pista [VIDEO] [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => closed [post_password] => [post_name] => ferrari-finali-mondiali-2016-fxx-k-e-f333-sp-tra-le-leggende-rosse-della-pista-video [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2016-12-04 19:44:27 [post_modified_gmt] => 2016-12-04 18:44:27 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => http://www.motorionline.com/?p=341812 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw [post_category] => 0 )

Ferrari Finali Mondiali 2016: FXX K e F333 SP tra le leggende Rosse della pista [VIDEO]

Protagoniste nel “catino” di Daytona

Ferrari Finali Mondiali 2016 FXX K e F33 SP – Tra i prestigiosi esemplari di monoposto Ferrari gestite dal Reparto Corse Clienti, in occasione della manifestazione di fine anno della casa modenese, spiccano sul tracciato statunitense anche le vetture più performanti a ruote coperte di ieri e di oggi
Ferrari Finali Mondiali 2016: FXX K e F333 SP tra le leggende Rosse della pista [VIDEO]

I motori V12 ridestano le sensazioni di Daytona, riparlano di una storia o ne raccontano una nuova, proiettandola con la stessa forza del vento. In occasione delle Finali Mondiali 2016, le più prestigiose monoposto e vetture Ferrari calcano l’asfalto di Daytona e, uno dei luoghi leggendari della velocità internazionale, torna ad essere patria della “passione rossa”.

La FXX K, visibile in diversi esemplari rivestiti di varie e suggestive livree, conta sulla potenza di un spinta di un sistema ibrido, gestito tramite una tecnologia raffinata, caratterizzata da una trasmissione sette rapporti di tipo F1 doppia frizione, e un dispositivo HY-KERS, oltre a quattro mappature collegate a un manettino legato al volante: Qualify che in un numero limitato di tornate consente di ottenere il massimo della potenza; Long Run indirizzata sulla gestione del ritmo di marcia; Manual Boost che richiama il massimo grado di coppia e Fast Charge, per una ricarica più rapida della batteria. Sotto la linea affilata e aerodinamica, arricchita di componenti mobili e elementi a supporto dell’incremento di carico, è presente un V12 di 6.3 litri da 860 cavalli (641 kW) abbinato a un motore elettrico da 190 cavalli (142 kW), che producono complessivamente una spinta di 1.050 cavalli di potenza e oltre 900 Nm di coppia, a fronte di un peso a secco segnalato di circa 1.255 kg. Dati che suggeriscono prestazioni altisonanti.

Come altrettanto esaltante è il suono generato dal V12 con bancate da 65°, basato sul propulsore sviluppato per la monoposto F92 A, che nel lontano 1993, in previsione della stagione IMSA del 1994, è stato introdotto sulla vettura Sport F333 SP, che ricalca questo manto dopo diverso tempo. Un’altra protagonista, assieme alle note monoposto Ferrari, sul leggendario asfalto statunitense. Vettura caratterizzata da forme estreme e snelle, una visione bassa e funzionale alla massimizzazione delle prestazioni, animata dal citato propulsore di 4.0 litri, caratterizzato da 5 valvole per cilindro, capace di generare circa 650 cavalli di potenza.

Video: Ferrari

Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati