Futuro del car sharing? Elettrico, autonomo e connesso, parola di Thomas Beermann, CEO car2go Europa

Visione sull'evoluzione della mobilità condivisa

Car sharing del futuro - Thomas Beermann, CEO di car2go Europa, traccia la strada che il servizio di car sharing seguirà nei prossimi anni. Il futuro della "mobilità condivisa" sarà caratterizzato da veicoli elettrici, dotati di guida autonoma e interconnessi tra loro.
Futuro del car sharing? Elettrico, autonomo e connesso, parola di Thomas Beermann, CEO car2go Europa

Quale sarà l’evoluzione che intraprenderà nei prossimi anni il car sharing nelle nostre città? A provare a disegnare un quadro di quello che ci riserverà il futuro del servizio di “mobilità condivisa” è Thomas Beermann, CEO di car2go Europa. Il numero uno di car2go prevede per il car sharing un futuro caratterizzato sempre più da veicoli elettrici, dunque a zero emissioni, che si guidano da soli, ovvero con tecnologia di guida autonoma, e che sono connessi tra di loro in un ampio network che comprende veicoli e infrastrutture per la mobilità.

Beermann spiega la sua visione del futuro del car sharing in 6 punti:

1. Il car sharing free-floating è solo all’inizio del suo sviluppo

Tutte le tendenze socio-economiche di oggi giustificano la condivisione di veicoli: l’urbanizzazione crescente, la digitalizzazione progressiva e il desiderio delle nuove generazioni di accedere ad un servizio anziché possederlo. Non c’è da meravigliarsi, quindi, che il settore sia in piena espansione. Un veicolo car2go, infatti, viene in media noleggiato ogni 1,3 secondi. E questo è solo l’inizio.

2. Il car sharing sta per registrare un’imminente crescita

Car2go, leader di mercato nel campo del car sharing a flusso libero, ha già raggiunto gli oltre due milioni di utenti e il trend di crescita è continuo. Un recente studio, condotto da Frost&Sullivan, prevede che il numero di utenti del car sharing in tutto il mondo aumenterà di cinque volte entro il 2025 passando dagli attuali 7.9 a 36.7 milioni iscritti.

3. Le città hanno bisogno del car sharing free-floating

Secondo la World Bank, entro il 2045 le persone che vivranno in città aumenteranno di circa 1,5 volte rispetto ad ora – arrivando ad essere sei miliardi. Ma già oggi la mobilità privata ha raggiunto i suoi limiti che si manifestano con ingorghi, mancanza di parcheggi e inquinamento. Ciò è emerso anche dall’ultimo report Istat sulla soddisfazione dei cittadini per le proprie condizioni di vita: per gli italiani i principali problemi sono quelli che riguardano qualità dell’aria e inquinamento (al secondo posto per il 38% delle famiglie italiane), traffico e sicurezza degli spostamenti (al terzo per il 37,9%) e difficoltà di trovare parcheggio (al quarto per il 37,2%) o un collegamento con il mezzo pubblico (al sesto per il 32,9%). In questo contesto, car2go rappresenta una delle soluzioni di mobilità più concrete, utili ed innovative a disposizione dei cittadini per affrontare queste problematiche e ridurne l’impatto. Un recente studio dell’Università di Berkeley ha dimostrato, infatti, che ogni veicolo car2go elimina ben 11 auto private dalle nostre città, riducendo così la congestione da traffico, consentendo di liberare spazio prezioso per il parcheggio e migliorando la qualità dell’aria.

4. Il futuro del car sharing è elettrico

Se le flotte del car sharing fossero completamente composte da veicoli elettrici, l’effetto positivo sulla qualità dell’aria nei centri urbani aumenterebbe di gran lunga. I governi stanno già promuovendo la e-mobility e gli incentivi aumenteranno sicuramente nei prossimi anni. Car2go, al momento, possiede la più grande flotta al mondo di auto elettriche adibite al car sharing utilizzando un totale di 1.300 Smart fortwo elettriche a Stoccarda, Amsterdam e Madrid. Nella sola Madrid, i 123.000 clienti car2go risparmiano un totale di 775 tonnellate di CO2 all’anno grazie alla flotta 100% elettrica rispetto (nonostante le emissioni di una flotta convenzionale siano comunque relativamente basse).

5. La tecnologia del car sharing consente l’implementazione di nuovi servizi

L’auto connessa e la comunicazione C2C o C2X sono già realtà nel campo del car sharing free-floating. I veicoli car2go sono collegati, visibili e accessibili in tempo reale tramite l’app per smartphone dei clienti. La tecnologia può quindi essere la base per molti altri servizi correlati. Un esempio recente: il servizio Daimler di delivery “smart ready to drop”, che ha trasformato la collocazione dell’auto in un indirizzo di consegna del pacco e il baule della vettura in una casella postale.

6. La guida autonoma dimezzerà la dimensione delle flotte del car sharing

Una previsione di Frost & Sullivan dice che, entro il 2025, la guida autonoma influenzerà in modo significativo il car sharing: le auto potranno parcheggiarsi da sole e guidare autonomamente fino a raccogliere i clienti. Car2go ha già acquisito la conoscenza utile per sapere con precisione quando e dove si verifica la domanda di mobilità nelle città, prerequisito necessario per essere in grado di gestire in modo efficiente le flotte di car sharing a guida autonoma in futuro. In questo modo i risultati positivi non ricadranno solo sugli utenti ma anche sulle città: ogni veicolo autonomo verrà utilizzato più volte portando alla conseguente riduzione della flotta di auto a disposizione che sarà in grado, comunque, di soddisfare la stessa quantità di richieste.

Thomas Beermann è, quindi, convinto: “il car sharing free-floating di car2go è pronto a continuare la sua strada affermandosi come elettrico, autonomo e connesso. Il nostro servizio sarà una parte fondamentale della mobilità sostenibile nel futuro e permetterà di migliorare la qualità della vita nelle città di tutto il mondo“.

Nuova Volkswagen Golf 8 ibrida Da 179 € al mese con Ecoincentivi Statali Richiedi Preventivo

Scopri le Offerte



    Trova l'auto giusta per te
    Compilando il presente form acconsento a ricevere le informazioni relative ai servizi che mi interessano ai sensi dell’Informativa Privacy
    Leggi altri articoli in Circolazione stradale

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Articoli correlati