Chrysler Pacifica, ecco i cento minivan per la guida autonoma di Waymo [FOTO]

Test al via da inizio 2017

Chrysler Pacifica guida autonoma Waymo - Il Gruppo FCA ha concluso la produzione dei cento prototipi basati sulla Chrysler Pacifica ibrida e dotati di sistema di guida autonoma destinati a Waymo, la neonata società di Google che raccoglie in eredità il progetto della Google Car, ponendosi come partner "di tecnologia autonoma" delle Case automobilistiche.

Waymo, la nuova azienda di Alphabet che raccoglie l’eredità della Google Car, prende in consegna la flotta di cento Chrysler Pacifica destinate ai test per la tecnologia della guida autonoma. I minivan del Gruppo FCA, basati sulla versione ibrida plug-in della Pacifica, sono caratterizzati dalla livrea bianca e dotati degli ultimi aggiornamenti tecnologici già usati sulle Lexus RX 450h.

I prototipi della Chrysler Pacifica destinati a Waymo montano numerosi sensori, tra i quali spiccano gli evidenti sistemi Lidar montati sul tetto. Sono diverse le modifiche apportate su telaio e powertrain dei veicoli rispetto al modello di serie della Pacifica ibrida, aggiornamenti studiati ad hoc per i test di Waymo e che comprendono l’hardware autonomo sviluppato da Alphabet, alla cui definizione hanno lavorato diversi centri test FCA negli Stati Uniti.

La flotta di Pacifica a guida autonoma cominceranno i loro test in strada a inizio 2017. Questa è un’opportunità importante per il Gruppo FCA come ha sottolineato Sergio Marchionne, amministratore delegato del costruttore italo-americano: “Collaborazioni strategiche come questa sono vitali per promuovere la cultura dell’innovazione, della sicurezza e la tecnologia. La partnership con Waymo permette a FCA di cogliere direttamente le opportunità e le sfide che l’industria automotive si trova ad affrontare, mentre ci avviciniamo velocemente a un futuro dove i veicoli autonomi saranno una parte integrante della nostra vita“.

Si prevede dunque una collaborazione di lungo termine tra Alphabet e FCA, fermo restando che Waymo, tenendo fede alla sua natura di azienda “di tecnologia autonoma”, avvierà nei prossimi anni diverse partnership con le Case automobilistiche fornendo loro la tecnologia software e hardware per la guida autonoma, da implementare nei veicoli di serie.

Leggi altri articoli in Anticipazioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati