Audi a braccetto con Nvidia e Mobileye verso la guida pilotata grazie all’intelligenza artificiale

Audi a braccetto con Nvidia e Mobileye verso la guida pilotata grazie all’intelligenza artificiale

I primi sviluppi mostrati al CES di Las Vegas

Audi Nvidia Mobileye CES 2017 - Consolidando la collaborazione con Nvidia e Mobileye, Audi punta forte sulla guida pilotata che sfrutta l'intelligenza artificiale, dunque anche la capacità di apprendimento, per evolvere la propria tecnologia di guida autonoma. Un prima dimostrazione va in scena a Las Vegas con la Q7 deep learning concept.
Audi a braccetto con Nvidia e Mobileye verso la guida pilotata grazie all’intelligenza artificiale

Al CES 2017 di Las Vegas Audi ha annunciato un nuova collaborazione con alcuni partner tecnologici, nello specifico Nvidia e Mobileye, con lo scopo di lavorare insieme allo sviluppo delle tecnologie di “deep learning”, ovvero la capacità di autoapprendimento che consente ai veicoli di captare al meglio le situazioni dell’ambiente circostante per muoversi in mezzo al traffico come se al volante ci fosse un guidatore umano.

I primi sviluppi dell’intelligenza artificiale applicata alla guida pilota vengono mostrati a Las Vegas attraverso una dimostrazione dell’Audi Q7 deep learning concept, prototipo che integra la tecnologia “Piloted driving” sviluppata da Audi insieme a Nvidia e Mobileye. Questa tecnologia utilizza il supercomputer Drive PX 2 collegato ad una telecamera anteriore ad alta definizione da 2 megapixel.

Cercando di replicare i meccanismo del cervello umano, il Drive PX 2, dotato di una potenza di calcolo paragonabile a quella di 150 MacBook Pro, permette alla vettura di “imparare” attraverso l’interpretazione del contesto (semafori, traffico, strade, meteo, ecc.) e aggiornando continuamente le informazioni raccolte che alimentano le reti neurali che le permettono di muoversi in maniera sempre più affidabile e sicura.

L’intelligenza artificiale porta verso un ulteriore livello di sviluppo della guida autonoma, il cui prossimo step per Audi è rappresentato dalla nuova A8, attesa al debutto nel corso del 2017. Il “cervello” della nuova Audi A8, che monterà la nuova piattaforma Mib2+ per gestire i display e le connettività di bordo, sarà costituito dallo zFAS, un’avanzata unità di elaborazione realizzata con diverse aziende tech, tra le quali anche Nvidia e Mobileye. Con la zFAS la nuova A8 sarà capace di parcheggiare autonomamente e di muoversi nel traffico fino a 65 km/h.

Leggi altri articoli in Anticipazioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati