Nuova Porsche Panamera: guidare e guardare in più direzioni [VIDEO TEST DRIVE]

Nuova Porsche Panamera: guidare e guardare in più direzioni [VIDEO TEST DRIVE]

Il cuore forte e pulsante della versione 4S Diesel

Nuova Porsche Panamera – I paesaggi nei pressi di Madonna di Campiglio sono la cornice di una interessante prova su strada, a bordo della rinnovata berlina sportiva tedesca in versione Diesel e dotata di trazione integrale
Nuova Porsche Panamera: guidare e guardare in più direzioni [VIDEO TEST DRIVE]

L’asfalto sale o scende, accarezzato dalla neve ai bordi della carreggiata, senza risultare troppo insidioso. Il passo alternato della nuova Porsche Panamera 4S Diesel incuriosisce, stuzzica, sollecita il dialogo tra piede e pedale, tra mano e volante.

Le dimensioni imperiose visibili all’esterno, non impegnano dall’interno. Le ampie vetrate offrono una visibilità notevole nel complesso, se si esclude la zona posteriore spiovente e irrobustita dai montanti. Ma per le manovre c’è il sostegno dei vari sistemi di assistenza, discrete sentinelle sempre pronte a segnalarti qualsiasi cosa, pur restando poco invasive. Tanti sistemi collegati a un telaio che esterna agilità e abitabilità, una meccanica che oltre a sospensioni pneumatiche adattive con PASM, studiati per tre livelli di assetto, prevede un asse posteriore sterzante, un affinamento dinamico favorito da PDCC Sport con PTV Plus, un’architettura 4D Chassis Control che sovraintende a diverse funzioni e unità propulsive robuste ed energiche. Senza dimenticare il pacchetto opzionale Porsche Chrono con la spumeggiante vitalità del tasto Sport Response.

Il modello provato, dotato di un propulsore Diesel 4.0 litri bi-turbo da 422 cavalli trasmette la sua forza ad ogni sollecitazione, merito soprattutto degli 850 Nm di coppia già vivaci dai 1.000 giri/minuto che esternano una reattività sorprendente, trasformando una vettura dal peso notevole, da due tonnellate, in una gazzella briosa tra i tornanti.

L’estetica, ancora un po’ imparentata nella parte anteriore con la precedente generazione, diventa più distintiva nella zona posteriore. L’abitabilità, oltre a quattro posti abbondanti, è amplificata da una strumentazione analogica e digitale, un sistema infotainment PCM da 12,3 pollici e un altro display a supporto da 7 pollici nella zona posteriore. Importante anche il comfort e l’intrattenimento acustico, garantito oltre che da un sistema base, da altri firmati BOSE® o Burmester®. Sonorità proposte anche dallo stesso Diesel o dagli altrettanto energici motori a benzina 2.9 V6 bi-turbo da 440 cavalli e 550 Nm di coppia della Panamera 4S o il più performante V8 4.0 litri sempre bi-turbo da 550 cavalli e 770 Nm di coppia della Panamera Turbo.

Foto: Porsche Italia

Scopri le Offerte



    Trova l'auto giusta per te
    Compilando il presente form acconsento a ricevere le informazioni relative ai servizi che mi interessano ai sensi dell’Informativa Privacy
    Leggi altri articoli in Auto

    Lascia un commento

    1 commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    • Michael 1963 ha detto:

      La seconda serie della Porsche ”Panamaera” stilisticamente risulta meglio riuscita della serie che va a sostituire. Un’auto di lusso che con questa ultima versioni aumenta il suo target generale. Dal punto di vita commerciale credo che un 3.000 cc diesel sarebbe auspicabile per un uso oserei dire, più quotidiano. Forse più in là la metteranno in produzione……

    Articoli correlati