Toyota Mirai: la fuel cell verso lo spot pubblicitario del Super Bowl LI [VIDEO]

Toyota Mirai: la fuel cell verso lo spot pubblicitario del Super Bowl LI [VIDEO]

La vettura focalizza il suo aspetto ecologico

Toyota Mirai - La vettura fuel cell comparirà nello spot pubblicitario durante uno degli intervalli del Super Bowl LI, mostrando il suo aspetto ecologico. La clip sarà mostrata solamente in California, unico stato nel quale viene commercializzata.
Toyota Mirai: la fuel cell verso lo spot pubblicitario del Super Bowl LI [VIDEO]

La Toyota mostrerà uno spot pubblicitario durante il Super Bowl LI di domenica con lo scopo di coinvolgere il pubblico, tentando di dare una svolta alle vendite della Mirai fuel cell, auto a idrogeno che finora non ha riscontrato risultati positivi. La clip di 30 secondi andrà in onda durante uno degli intervalli del secondo dei quattro quarti, prima dell’intervallo di metà tempo, sfruttando l’opportunità di promuovere tale tecnologia in uno degli eventi con maggior audience televisiva.

L’obiettivo primario è l’ecologia con lo spot che vede come protagonista una margherita cresciuta sulla strada e uccisa dallo smog di auto a combustione interna. Con l’unica emissione formata solo da acqua, la Mirai va in aiuto del fiore innaffiandolo riuscendo a rinvigorirlo. Infatti, alla conclusione del video la voce narrante afferma: “L’acqua è la sua unica emissione”

Nel 2016 sono state rilasciate 1.034 unità del modello Mirai a idrogeno e lo spot sarà visibile solamente in California, unico stato in cui viene commercializzata la vettura. Il responsabile marketing della Mirai, Nathan Kokes, ha dichiarato:  “La partita di domenica offre una grande opportunità di mostrare il nuovo veicolo a celle a combustibile in due mercati chiave come Los Angeles e San Francisco.”

Scopri le Offerte



    Trova l'auto giusta per te
    Compilando il presente form acconsento a ricevere le informazioni relative ai servizi che mi interessano ai sensi dell’Informativa Privacy
    Leggi altri articoli in Auto

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Articoli correlati