WP_Post Object ( [ID] => 362360 [post_author] => 24 [post_date] => 2017-02-07 16:30:02 [post_date_gmt] => 2017-02-07 15:30:02 [post_content] => Le accuse in materia di emissioni inquinanti che arrivano dalla Francia a carico del Gruppo FCA non si placano, ma anzi assumono sempre maggiore concretezza. Il governo francese ha infatti confermato, tramite una nota del ministero dell'Industria e dell'Economia, di aver inviato alla magistratura la documentazione relativa alle indagini sulle emissioni NOx di alcuni modelli diesel del costruttore italo-americano. L'iniziativa del governo transalpino, simile a quella già intraprese tempo fa nei confronti di Volkswagen e Renault, potrebbe provocare l'apertura di un'inchiesta giudiziaria nei confronti del Gruppo FCA. Il materiale finito sui tavoli dei magistrati contiene i risultati dei test sui motori diesel e l'analisi delle informazioni trasmesse da Fiat Chrysler. Mentre in Borsa il titolo FCA ha reagito a Piazza Affari con un andamento altalenante dopo aver perso il 5% nelle prime ore successive alla notizia, il costruttore italo-americano si è espresso in merito ribadendo la totale regolarità delle emissioni dei propri veicoli. Parlando alla Reuters, un portavoce del Gruppo FCA, ha spiegato che i motori diesel rispetto la normativa e dai test svolti dalle autorità francesi solo un singolo veicolo fornisce dati differenti da quelli ottenuti da FCA e dal ministero dei Trasporti italiano. FCA conferma la totale collaborazione con le autorità competenti per fare chiarezza sulla vicenda ma sottolinea comunque di nutrire "le più ampie riserve in merito a test effettuati su un singolo esemplare del modello interessato e secondo metodologie di prova non previste dalle normative attuali". [post_title] => Dieselgate, accuse al Gruppo FCA: il governo francese si rivolge alla magistratura [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => closed [post_password] => [post_name] => dieselgate-accuse-al-gruppo-fca-il-governo-francese-si-rivolge-alla-magistratura [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2017-02-07 16:30:02 [post_modified_gmt] => 2017-02-07 15:30:02 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => http://www.motorionline.com/?p=362360 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw [post_category] => 0 )

Dieselgate, accuse al Gruppo FCA: il governo francese si rivolge alla magistratura

Ora c'è il rischio di un'inchiesta giudiziaria

Dieselgate FCA - Per il Gruppo FCA i guai d'Oltralpe potrebbe farsi sempre più seri. Il governo francese ha chiamato in causa la magistratura sulla vicenda delle emissioni NOx di alcuni modelli diesel del costruttore italo-americano che, nonostante rigetti al mittente ogni tipo di accusa, rischia l'apertura di un'inchiesta giudiziaria.
Dieselgate, accuse al Gruppo FCA: il governo francese si rivolge alla magistratura

Le accuse in materia di emissioni inquinanti che arrivano dalla Francia a carico del Gruppo FCA non si placano, ma anzi assumono sempre maggiore concretezza.

Il governo francese ha infatti confermato, tramite una nota del ministero dell’Industria e dell’Economia, di aver inviato alla magistratura la documentazione relativa alle indagini sulle emissioni NOx di alcuni modelli diesel del costruttore italo-americano.

L’iniziativa del governo transalpino, simile a quella già intraprese tempo fa nei confronti di Volkswagen e Renault, potrebbe provocare l’apertura di un’inchiesta giudiziaria nei confronti del Gruppo FCA. Il materiale finito sui tavoli dei magistrati contiene i risultati dei test sui motori diesel e l’analisi delle informazioni trasmesse da Fiat Chrysler.

Mentre in Borsa il titolo FCA ha reagito a Piazza Affari con un andamento altalenante dopo aver perso il 5% nelle prime ore successive alla notizia, il costruttore italo-americano si è espresso in merito ribadendo la totale regolarità delle emissioni dei propri veicoli.

Parlando alla Reuters, un portavoce del Gruppo FCA, ha spiegato che i motori diesel rispetto la normativa e dai test svolti dalle autorità francesi solo un singolo veicolo fornisce dati differenti da quelli ottenuti da FCA e dal ministero dei Trasporti italiano. FCA conferma la totale collaborazione con le autorità competenti per fare chiarezza sulla vicenda ma sottolinea comunque di nutrire “le più ampie riserve in merito a test effettuati su un singolo esemplare del modello interessato e secondo metodologie di prova non previste dalle normative attuali”.

Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Notizie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati