McLaren: nuova fabbrica per la produzione dei telai in carbonio

McLaren: nuova fabbrica per la produzione dei telai in carbonio

Sorgerà a Sheffield e sarà operativa dal 2020

McLaren - I telai in carbonio saranno realizzati in casa anzichè dall'azienda austriaca Carbo Tech, nella futura struttura che sarà collocata a Sheffield. Una scelta che potrà assicurare un recupero in termini economici di 10 milioni di sterline.
McLaren: nuova fabbrica per la produzione dei telai in carbonio

La McLaren ha scelto Sheffield (South Yorkshire) per la produzione dei telai in fibra di carbonio, nella struttura che sorgerà nell’omonima città e che sarà operativa dal 2020 con l’impiego di 200 dipendenti. L’intento della casa di Woking è quello di realizzare gli chassis in proprio, la cui creazione finora è a carico dell’azienda austriaca Carbo Tech.

Il nuovo impianto, che misura 7.000 metri quadrati, sarà dislocato nelle vicinanze del campus del centro di ricerca avanzata di produzione presso l’Università di Sheffield e rappresenta un investimento di 50 milioni di sterline. Grazie a tale mossa, la McLaren potrà effettuare un taglio dei costi pari a 10 milioni di sterline all’anno.

L’attuale produzione ammonta a circa 3.000 vetture all’anno, e si basa sulla MonoCell in carbonio, che si appresta a offrire i natali con un nuova variante per la 720S (nome in attesa di conferme), erede della 650S, che sarà presentata al Salone di Ginevra (9-19 marzo), ma già apparsa in foto spia e foto leaked, che propone delle innovative soluzioni a livello aerodinamico. Infine, da segnalare la recente partnership con la BMW, non una novità per le due case data la collaborazione con il modello F1 negli anni Novanta, per i motori endotermici, utili per la prossima ondata di supercar firmate Woking.

Scopri le Offerte



    Trova l'auto giusta per te
    Compilando il presente form acconsento a ricevere le informazioni relative ai servizi che mi interessano ai sensi dell’Informativa Privacy
    Leggi altri articoli in Auto

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Articoli correlati