Porsche Top 5 series: la classifica dei migliori suoni [VIDEO]

Le regine della sonorità di Stoccarda

Porsche Top 5 series – Il costruttore tedesco elenca i suoni più accattivanti tra le sue realizzazioni, in una nuova graduatoria dedicata
Porsche Top 5 series: la classifica dei migliori suoni [VIDEO]

La voce è uno di quei fattori essenziali di un’auto sportiva, assieme al design. Per i puristi c’è prima di tutto la tecnica, la forza della dinamismo, ma una vettura deve saper parlare anche tramite le proprie corde vocali, racchiuse in un cuore di metallo e fuoco. Porsche, in una nuova speciale classifica, celebra proprio le vetture più intonate tra quella della sua vasta e variegata produzione.

In questo nuovo elenco, che comprende cinque posizioni secche, figura alla base la Porsche 911 Carrera RS 2.7 di inizio Anni Settanta. Una sportiva tra le più iconiche per la casa, che riporta il noto acronimo che figura ancora oggi sui più ruggenti modelli della casa tedesca, spinta da un generoso propulsore boxer di sei cilindri da 2.7 litri, già segnalato dalla denominazione, capace di sviluppare 210 cavalli (154 kW) di potenza e disposto a sbalzo nella zona posteriore, come da tradizione.

Un suono pastoso che diventava più incisivo in pista. Spumeggiante quanto quello della leggendaria 550 Spyder, presente in quarta posizione, protagonista di pagine epiche per la storia del marchio e dotata di un tono roco e vivace allo stesso tempo, che proietta indietro nel tempo. Una vettura con trasmissione transaxle, la cui voce è collegata a un robusto propulsore boxer quattro cilindri di cubatura 1.5, in grado di sviluppare una spinta massima di 110 cavalli (81 kW).

Più su, sul podio, uno delle ultime belve da pista realizzate dai tecnici tedeschi: la Porsche 911 GT3 RS. Concentrato di aerodinamica, leggerezza e potenza, dal suono pastoso che da cupo tende subito ad essere acuto alle sollecitazioni. Una dimostrazione di carica agonistica, che dalle nervature e le distintive prese d’aria anteriori, si trasforma in un dinamismo elevatissimo. Dai doppi terminali emergono le forti pulsazioni del motore sei cilindri boxer di 4.0 litri, che vanta una potenza massima di 500 cavalli (368 kW).

In seconda posizione, l’emblema moderno e contemporaneamente il manifesto futurista della tecnologia e della espressione sportiva della casa tedesca: la 918 Spyder. Sia il design esterno, sia la cura in ogni dettaglio a sostegno della massima efficienza prestazionale, uniti alla muscolosa potenza di una propulsione ibrida composta da un cuore termico V8 da 4.6 litri unito a due unità elettriche disposte sui due assi per complessivi 887 cavalli (652 kW) di potenza massima, sono rafforzati da un suono esaltato dalla velocità.

Al vertice, infine, l’acuto possente della Carrera GT. Massima espressione della casa all’inizio del nuovo secolo, caratterizzata da un voluminoso V10 da 5.7 litri di origine sportiva, da 612 cavalli (450 kW). Già all’accensione, il tono acuto di questo muscolo metallico investe l’orecchio e la sua progressione sollecita sempre maggior attenzione, aspettando che l’intensità aumenti fino a diventarne l’essenza.

Video: Porsche

Scopri le Offerte


    Trova l'auto giusta per te
    Compilando il presente form acconsento a ricevere le informazioni relative ai servizi che mi interessano ai sensi dell’Informativa Privacy
    Leggi altri articoli in Auto

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Articoli correlati