Alfa Romeo Stelvio, irriverente anche nello spot TV [VIDEO]

Alfa Romeo Stelvio, irriverente anche nello spot TV [VIDEO]

"Inizia dove i SUV finiscono", più che una sfida è una dichiarazione di superiorità

A pochi giorni dal debutto nelle concessionarie, ecco lo spot televisivo che lancia il primo SUV della casa del biscione
Alfa Romeo Stelvio, irriverente anche nello spot TV [VIDEO]

Alfa Romeo Stelvio, lo spot televisivo – Continua il rilancio, soprattutto mediatico, del marchio di Arese. Dopo la Giulia è la volta della Stelvio, che segna l’ingresso nel segmento mai esplorato dei SUV, particolarmente importante per Sergio Marchionne, che lo ritiene strategico per raggiungere i volumi di vendita che ha imposto come obiettivo (400 mila vetture all’anno entro il 2020), al contempo rinunciando definitivamente alla versione SportWagon della Giulia, che tanti clienti avrebbe fatto felice.

Abbiamo di recente espresso qualche dubbio sul posizionamento iniziale, molto alto, della Stelvio (qui il link al nostro articolo), che ricordiamo essere prossima al lancio ufficiale con il porte aperte del 25 e 26 febbraio, nella sola versione 2.0 Turbo benzina da 280 cavalli in allestimento First Edition da 57.300 euro. Eccoci ora a commentare lo spot televisivo che ha invaso le principali reti nazionali negli scorsi giorni.

Si tratta di un messaggio molto irriverente, che dietro allo slogan “La meccanica delle emozioni”, lancia la sfida agli altri “banali” SUV, in modo provocatorio, anche se la voce è quella gentile di una donna, quasi seducente nel tono. Continua quindi una compagna mediatica che punta alla passione ed alla parte irrazionale più che alla razionalità ed agli elementi “banalmente” concreti. Non c’è dubbio che per ora i risultati sull’immagine del Brand siano stati più che brillanti. Basta scorrere i commenti del nostro precedente articolo, dove semplicemente mettevamo in dubbio la scelta di portare al debutto la Stelvio in una unica e molto costosa versione, oltretutto con alimentazione a benzina ed in zona superbollo, per capire quanto il tifo dei sostenitori del marchio italiano sia sempre più scatenato e cieco. Non si accetta la discussione “ragionevole”, basata su elementi concreti, ma si porta tutto su un piano più alto, quasi fosse una questione di fede, con concetti molto vicini a quelli del tifo calcistico.

Non vediamo l’ora di poter provare l’auto, invece che parlare di spot televisivi e campagne mediatiche, per riportare il tutto nell’ambito concreto di una prova su strada, dove non servono voci suadenti a convincere il consumatore, ma è l’auto a lasciarsi giudicare per le sue caratteristiche.

Scopri le Offerte



    Trova l'auto giusta per te
    Compilando il presente form acconsento a ricevere le informazioni relative ai servizi che mi interessano ai sensi dell’Informativa Privacy
    Leggi altri articoli in Auto

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Articoli correlati