Aston Martin Valkyrie: eccolo il nome scelto per l’hypercar AM-RB 011 [VIDEO]

Aston Martin Valkyrie: eccolo il nome scelto per l’hypercar AM-RB 011 [VIDEO]

Omaggio alla mitologia nordica

Aston Martin Valkyrie - Si chiama Valkyrie la nuova hypercar estrema di Aston Martin, sviluppata insieme a Red Bull e finora conosciuta col nome in codice AM-RB 001. Arriverà entro la fine dell'anno e sarà prodotta in sole 150 unità già tutte vendute.
Aston Martin Valkyrie: eccolo il nome scelto per l’hypercar AM-RB 011 [VIDEO]

Aston Martin ha svelato il nome della nuova supercar estrema realizzata in collaborazione con Red Bull, finora nota col nome in codice AM-RB 001. La nuova hypercar si chiamerà Valkyrie, un esplicito riferimento alla valchiria della mitologia norrena, quella figura femminile al servizio del dio Odino che decide chi in battaglia può morire o sopravvivere.

La Aston Martin Valkyrie ha un nome che prosegue la tradizione, iniziata nel 1951, della denominazione dei modelli ad alte prestazioni di Aston Martin che hanno tutti la “V” per iniziale: si parte dalla Vantage per poi passare alla Virage, alla Vanquish e infine alla Vulcan.

Spiegando la scelta del nome per la nuova hypercar della Casa inglese, Marek Reichman, chief creative officer di Aston Martin, afferma che “i nomi della auto del costruttore britannico hanno un significato profondo, sono nomi che devono ispirare ed entusiasmare, per dare emozione a una narrazione di oltre un secolo“.

Lo stesso Reichman prosegue: “L‘Aston Martin Valkyrie è una vettura incredibilmente speciale che richiede un nome altrettanto notevole; una vettura senza compromessi che non lascia nulla di intentato. Allo stesso onore e orgoglio di poter essere scelti per la battaglia dalla valchiria corrisponde quello riservato da questa supercar ai pochi fortunati che potranno averla“.

L’Aston Martin Valkyrie, che sarà lanciata entro la fine dell’anno, sarà prodotta in soli 150 esemplari che sono già stati tutti venduti.

Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Anticipazioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati