Marchionne: “Entro il 2020 la Fiat Panda non sarà più prodotta a Pomigliano”

Nell'impianto campano spazio a modelli premium

Marchionne Fiat Panda Pomigliano - La Fiat Panda saluta Pomigliano e l'Italia con la produzione del nuovo modello che si sposterà fuori dai confini nazionali. Nello stabilimento campano verranno prodotti modelli di fascia più alta, come ha dichiarato l'ad di FCA Sergio Marchionne nella conferenza stampa di Ginevra.
Marchionne: “Entro il 2020 la Fiat Panda non sarà più prodotta a Pomigliano”

Intervenendo nella conferenza stampa di Ginevra Sergio Marchionne, CEO del Fiat Chrysler Automobiles, delinea il futuro dello stabilimento Fiat di Pomigliano d’Arco.

Nella fabbrica campana nel giro di 2-3 anni non si produrrà più la Panda, ma altri modelli di gamma più elevata, come spiega chiaramente l’ad del costruttore italo-americano: “Oggi non cambiamo nulla. la fabbrica produce bene. Certo la futura Panda non la faremo lì, non la faremo in Italia. Con tutto il rispetto Pomigliano sa fare di meglio”.

Il mercato e la strategia del Gruppo FCA suggeriscono che nei prossimi anni a garantire il futuro occupazionale negli stabilimenti Fiat italiani saranno solo i modelli premium: Jeep Renegade, Fiat 500X, Alfa e Maserati. Dunque la nuova Panda, attesa per il 2020, verrà prodotta fuori dall’Italia, mentre a Pomigliano la produzione dovrebbe essere indirizzata sui modelli Alfa e Jeep.

Lo stesso Marchionne ha poi confermato la strategia di crescita della gamma Alfa Romeo con due nuovi SUV, uno più piccolo dello Stelvio e uno più grande: “Ma non sono ancora in che ordine li faremo“. Stando alle indiscrezioni il SUV compatto potrebbe essere prodotto a Pomigliano mentre la produzione del SUV più grande potrebbe essere attivata nell’impianto di Mirafiori.

Scopri le Offerte


    Trova l'auto giusta per te
    Compilando il presente form acconsento a ricevere le informazioni relative ai servizi che mi interessano ai sensi dell’Informativa Privacy
    Leggi altri articoli in Auto

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Articoli correlati