Italdesign Zerouno: supercar “made in italy” da collezione a Ginevra 2017 [VIDEO LIVE]

Sfreccia oltre i 330 km/h, sarà prodotta in 5 esemplari

Italdesign Zerouno - Italdesign sceglie il Salone di Ginevra 2017 per presentare in anteprima Zerouno, la prima supercar della serie "Automobili Speciali", che verrà costruita in 5 unità. Caratterizzata da look da pura sportiva votata alle performance, la Italdesign Zerouno monta un motore V10 aspirato 5,2 litri da 610 CV e 520 Nm di coppia.

Tra le supercar che sono state svelate per la prima volta al Salone di Ginevra 2017 la presenza delle italiane è corposa e alle solite note quest’anno si è aggiunta un nuovo gioiello: la Italdesign Zerouno.

Se fino a questo momento l’azienda di Moncalieri negli ultimi anni ci aveva fatto fantasticare con delle show car destinate a rimanere tali, la Zerouno segna invece un significativo cambio di rotta dato che arriverà in produzione, anche se in esclusivissimo lotto di appena cinque esemplari.

La Zerouno è la supercar che battezza l’ingresso in scena del brand Italdesign Automobili Speciali, con il quale la società piemontese marchierà tutti i suoi modelli che verranno prodotti, sempre a tiratura limitatissima.

Come possiamo apprezzare nelle immagini del nostro servizio video realizzato a Ginevra, che ci offrono una panoramica dettagliata sull’estetica della Italdesign Zerouno, la nuova supercar si presenta con un design aggressivo che esalta le capacità aerodinamiche della vettura. Sulla nuova creatura di Italdesign si notano anche i nuovi pneumatici Pirelli Colored Edition che rimandano al mondo della Formula 1.

La Zerouno, che poggia su un telaio modulare in fibra di carbonio e alluminio ed è omologata per l’utilizzo stradale, fa affidamento sulla spinta di un potente motore V10 aspirato da 5.2 litri da 610 CV e 520 Nm di coppia (evocando le supercar di Lamborghini) in grado di spingere la vettura oltre i 330 km/h di velocità di punta, con uno scatto 0-100 km/h in 3,2 secondi.

Leggi altri articoli in Anticipazioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati