Lamborghini Huracan: violento incidente in Cina contro un muro

Lamborghini Huracan: violento incidente in Cina contro un muro

E' successo a Loudi, nella provincia Cinese di Hunan

Lamborghini Huracan: violento incidente in Cina contro un muro

A giudicare dalle foto sembra che una Lamborghini Huracan LP610-4 di colore bianco necessiterà di diverse riparazioni, nonchè un ottimo carrozziere per poter essere completamente rimessa su strada.

Questo è quanto è successo nella città di Loudi, situata nella provincia di Hunan in Cina, che stamattina si è risvegliata con la prestigiosa supercar italiana schiantata sopra ad una pila di spazzatura e contro un muretto di mattoni, che ha inevitabilmente “rimodellato” il frontale della vettura.

Secondo quanto riportano i media locali, il proprietario della Huracan (che dovrebbe essere il signore con indosso la giacca color bordeaux) avrebbe mancato totalmente una curva per poi arrestare la corsa direttamente sulla pendenza dietro alla montagnetta di spazzatura. Fortunatamente l’autista è rimasto praticamente illeso, così come la sua compagna che possiamo vedere sullo sfondo con una giacca chiara a ridosso del portone rosso.

Lo stesso però non si può dire della povera Lamborghini, che ha riportato danni seri al sottoscocca, alle sospensioni, al cofano e alla carrozzeria anteriore. Tralasciando i danni per la verniciatura, sarà necessaria una significativa opera da maestro per aggiustare il telaio, così come presumibilmente anche i braccetti e tutto il sistema di sterzo. In passato si è già assistito a delle supercar che sono state riportate alla situazione originale anche a seguito di incidenti più gravi, tuttavia non possiamo confermare che il proprietario sia intenzionato a riparare questa Huracan.

Scopri le Offerte



    Trova l'auto giusta per te
    Compilando il presente form acconsento a ricevere le informazioni relative ai servizi che mi interessano ai sensi dell’Informativa Privacy
    Leggi altri articoli in Auto

    Lascia un commento

    1 commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Articoli correlati