WP_Post Object ( [ID] => 391554 [post_author] => 24 [post_date] => 2017-04-26 18:14:58 [post_date_gmt] => 2017-04-26 16:14:58 [post_content] => Nissan ha convertito uno dei suoi modelli di serie in un'auto da rally per partecipare ad una gara in programma questa estate. Il modello trasformato non è né la Micra, né la Pulsar, né la Note come ci si potrebbe aspettare, bensì l'elettrica Leaf che è stata resa una vettura pronta per le corse off-road. L'auto, chiamata Nissan Leaf All Terrain EV, parteciperà in estate al Mongol Rally 2017. Basata sul modello stradale, la Leaf è stata ampiamente modificata per il suo obiettivo "racing". Le modifiche partono dall'adozione dei nuovi cerchi Speedline SL2 Marmora con nuovi pneumatici Maxsport RB3, proseguendo con il sollevamento delle sospensioni, il sottoscocca rinforzato, l'ottimizzazione dei freni, la rimozione dei sedili posteriori e un portabagagli sul tetto che include una grande barra d'illuminazione aggiuntiva. Per il resto la Leaf AT-EV è sostanzialmente la stessa del modello di serie. Il veicolo correrà grazie a Plug In Adventures che l'ha preparato, con gran parte delle modifiche che sono state realizzate dal gruppo RML, società che opera nel motorsport e che ha una lunga storia di collaborazione con Nissan: RML ha costruito la Juke-R, oltre ad aver sviluppato il motore V6 della Micra R Concept ed aver collaborato alla realizzazione di diverse GT Nissan. La Leaf AT-EV è pronta ad affrontare i 16.000 chilometri che questa estate la porteranno dal Regno Unito alla Mongolia, quando oltre a sfidare l'impervio terreno rallystico, in una competizione senza percorsi tracciati, né assistenza tecnica, né GPS, sarà impegnata un'altra sfida altrettanto ardua: trovare stazioni di ricarica lungo il tragitto. [post_title] => Nissan Leaf All Terrain EV: inedita protagonista al prossimo Mongol Rally [FOTO e VIDEO] [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => closed [post_password] => [post_name] => nissan-leaf-all-terrain-ev-inedita-protagonista-al-prossimo-mongol-rally-foto-e-video [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2017-04-26 18:15:37 [post_modified_gmt] => 2017-04-26 16:15:37 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => http://www.motorionline.com/?p=391554 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw [post_category] => 0 )

Nissan Leaf All Terrain EV: inedita protagonista al prossimo Mongol Rally [FOTO e VIDEO]

Priva volta per un'elettrica

Nissan Leaf AT-EV - Nissan, in collaborazione con lo specialista nel motorsport RML, ha realizzato la Leaf AT-EV, una speciale versione da rally della compatta elettrica giapponese che questa estate prenderà parte al Mongol Rally 2017.

Nissan ha convertito uno dei suoi modelli di serie in un’auto da rally per partecipare ad una gara in programma questa estate.

Il modello trasformato non è né la Micra, né la Pulsar, né la Note come ci si potrebbe aspettare, bensì l’elettrica Leaf che è stata resa una vettura pronta per le corse off-road. L’auto, chiamata Nissan Leaf All Terrain EV, parteciperà in estate al Mongol Rally 2017. Basata sul modello stradale, la Leaf è stata ampiamente modificata per il suo obiettivo “racing”.

Le modifiche partono dall’adozione dei nuovi cerchi Speedline SL2 Marmora con nuovi pneumatici Maxsport RB3, proseguendo con il sollevamento delle sospensioni, il sottoscocca rinforzato, l’ottimizzazione dei freni, la rimozione dei sedili posteriori e un portabagagli sul tetto che include una grande barra d’illuminazione aggiuntiva. Per il resto la Leaf AT-EV è sostanzialmente la stessa del modello di serie.

Il veicolo correrà grazie a Plug In Adventures che l’ha preparato, con gran parte delle modifiche che sono state realizzate dal gruppo RML, società che opera nel motorsport e che ha una lunga storia di collaborazione con Nissan: RML ha costruito la Juke-R, oltre ad aver sviluppato il motore V6 della Micra R Concept ed aver collaborato alla realizzazione di diverse GT Nissan.

La Leaf AT-EV è pronta ad affrontare i 16.000 chilometri che questa estate la porteranno dal Regno Unito alla Mongolia, quando oltre a sfidare l’impervio terreno rallystico, in una competizione senza percorsi tracciati, né assistenza tecnica, né GPS, sarà impegnata un’altra sfida altrettanto ardua: trovare stazioni di ricarica lungo il tragitto.

Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Ecologia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati